Taglio stipendi Roma/ I giallorossi rinunciano a 4 mensilità: Fienga ringrazia

- Michela Colombo

Taglio stipendi Roma: giocatori e staff decidono di rinunciare a 4 mensilità. Fienga ringrazia “Hanno compreso veramente che cos’è questo club”.

gruppo roma
Taglio stipendi Roma (Foto LaPresse)

Mentre è quanto mai incerto il futuro del campionato della Serie A, visto il perdurare dell’emergenza coronavirus, ecco che parecchi club stanno affrontando il discorso, ben problematico, del taglio degli stipendi. Lo stop alla stagione infatti sta comportando parecchi problemi anche alle società più solide e ricche, che rischiano grossi buchi nel proprio bilancio se, oltre al ritorno in campo, non si troverà un accordo con i propri giocatori, tutti ancora fermi in casa per la quarantena. E a tal proposito si segnala che , dopo gli esempi di Juventus, Inter e Cagliari, anche in casa della Roma si è finalmente trovato un accordo, a dir il vero molto vantaggioso per le casse del club giallorosso.

Alcune anticipazioni le avevamo già date qualche giorno fa, ma solo oggi i giocatori, riuniti sotto il nome del capitano Edin Dzeko, hanno, con una bella lettera inviata al CEO della Roma Guido Fienga, proposto la loro rinuncia a 4 mensilità, quelle di marzo, aprile, maggio e giugno, “Con la speranza di fare qualcosa che aiuti la Società a far ripartire al meglio il progetto Roma che tutti condividiamo”.

TAGLIO STIPENDI ROMA: FIENGA RINGRAZIA GIOCATORI E STAFF

Una proposta dunque più che generosa quella dei giallorossi, che pure, stando all’ultimo comunicato della società, si sono impegnati in prima persona perché tutti i dipendenti “interessati dagli ammortizzatori sociali” messi a disposizione dal governo, continuino a ricevere il proprio stipendio netto, contribuendo a pagare la differenza. Una mossa che certamente è stata subito elogiata dallo stesso CEO del club di Trigoria, Guido Fienga. Il dirigente infatti a stretto giro ha dichiarato tramite il portale della società romanista: “Parliamo sempre dell’unità di intenti della nostra Società e, attraverso la scelta spontanea di tagliarsi lo stipendio per il resto della stagione, i giocatori, l’allenatore e il suo staff hanno dimostrato che siamo davvero tutti assieme”. Lo stesso dirigente giallorosso ha infine concluso: “Dzeko, tutti i giocatori e Fonseca hanno dimostrato di comprendere veramente cosa rappresenta questo Club e li ringraziamo anche per il loro magnifico gesto nei confronti dei nostri dipendenti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA