TERREMOTO OGGI CATANIA M 2.5/ Ultime scosse Ingv, movimenti ai piedi dell’Etna

- Davide Giancristofaro Alberti

Terremoto oggi Catania M 2.5, ultime scosse Ingv: poco fa ha tremato la Sicilia, un evento tellurico nei pressi del vulcano Etna

terremoto catania 1 febbraio 2019
Terremoto a Catania, foto da Ingv

Un’altra scossa di terremoto in Italia quest’oggi. Poco più di un’ora fa, precisamente alle ore 12:19, l’Istituto nazionale italiano di geofisica e vulcanologia ha registrato un sisma in Sicilia. L’evento tellurico è stato di magnitudo 2.5 gradi sulla scala Richter ed ha avuto coordinate geografiche pari a 37.75 gradi di latitudine e 15.05 di longitudine. La profondità, l’ipocentro, è stato invece di 4 km sotto il livello del mare. Stando a quanto comunicato dalla sala sismica Ingv in Roma, il terremoto si è verificato a pochi chilometri da Milo, in provincia di Catania, un territorio che negli ultimi mesi ha spesso e volentieri tremato. Oltre a Milo, i comuni interessati dall’evento sono stati Zafferana Etnea, Sant’Alfio, Santa Venerina, Giarre, Mascali e Piedimonte Etneo. A livello di città, invece, segnaliamo Acireale, Catania, Reggio Calabria e Messina in un raggio massimo di 65 chilometri. Il sisma odierno non ha provocato danni ne feriti. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

TERREMOTO OGGI RAVENNA M 2.9

Una nuova scossa di terremoto si è verificata oggi in quel di Ravenna. L’evento tellurico è stato di magnitudo 2.9 gradi sulla scala Richter, e come comunicato tempestivamente dai colleghi dell’Istituto nazionale italiano di geofisica e vulcanologia, si è verificato alle ore 00:41 della notte fra venerdì 24 e sabato 25 gennaio 2020. Il sisma ha avuto coordinate geografiche pari a 44.32 gradi di latitudine e 12.17 di longitudine, mentre la profondità è stata localizzata 21 km sotto il livello marino. Il sisma ha interessato da vicino la nota città dell’Emilia Romagna che si affaccia sul mar adriatico, ed è stato avvertito anche nei comuni limitrofi, leggasi Russi, Forlì, Forlimpopoli, Cervia, Bertinoro, Bagnacavallo e Cotignola. A livello di cittadine, invece, si segnalano Cesena, Faenza, Imola e Rimini in un raggio massimo di 40 chilometri dall’epicentro. Il terremoto verificatosi questa notte a Ravenna è solo l’ultimo di una scia di movimenti che ha interessato tutta la zona dalla serata di ieri.

TERREMOTO OGGI A RAVENNA: QUATTRO SCOSSE IN POCHE ORE

Una prima scossa “importante” è stata infatti segnalata dalla sala sismica Ingv in Roma alle ore 18:00 di ieri, venerdì 24 gennaio, di magnitudo 2.5 gradi. Quindi un successivo terremoto pochi secondi dopo, sulla costa ravennate, di magnitudo 3.4 gradi sulla scala Richter. Infine, un ultimo sisma dopo la mezzanotte, alle ore 00:17, questa volta di magnitudo 2.7 gradi. Fortunatamente nessuno degli eventi che si sono susseguiti ha provocato danni o feriti, ma sono stati diversi i residenti della zona che gli hanno avvertiti, con conseguente forte spavento. Segnaliamo infine un altro terremoto avvenuto nella tarda serata di ieri un Umbria. Alle ore 23:16 ha tremato nuovamente la località di Norcia, in provincia di Perugia, con una magnitudo pari a 2.4 gradi sulla scala Richter. L’evento sismico ha riguardato i comuni di Preci, Cascia, Cerreto di Spoleto, Castelsantangelo sul Nera, Sellano e Visso, tutti paesi che spesso e volentieri vengono menzionati in questo spazio web, perchè vittime di altre scosse. L’evento non ha provocato danni ne feriti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA