The Edge: “Brani iconici U2 in forma stripped-down nel nuovo album”/ “È esperimento”

- Chiara Ferrara

The Edge parla del nuovo album degli U2, Songs of Surrender: "I nostri brani iconici sono in forma stripped-down, è stato un esperimento senza pressioni"

bono martin garrix the edge 640x300 bono vox martin garrix

The Edge, all’anagrafe David Howell Evans, ha parlato in una intervista a The Sun di “Songs Of Surrender”, il nuovo album degli U2, di cui è produttore oltre che chitarrista. “L’idea di riarrangiare le nostre canzoni più iconiche in forma stripped-down l’avevamo in mente da un po’ di tempo. Avevamo già fatto delle prove durante i nostri spettacoli dal vivo, quindi ho pensato: Wow, questo progetto potrebbe essere esteso”. Non è stato semplice, tuttavia, adattare la voce di Bono all’inedito sound.

“Spesso il modo migliore per presentare i brani è attraverso la voce, quindi ho iniziato a pensare di distribuire la voce in modo essenziale”, ha spiegato. Un approccio in netto contrasto con i primi tentativi degli U2 di fare musica. “È giusto dirlo, le nostre registrazioni all’inizio consistevano principalmente nella creazione di arrangiamenti dal vivo che avrebbero funzionato in determinati luoghi. Non ci è mai venuto in mente l’idea che avremmo potuto trarre vantaggio dal cambiare la tonalità, quindi Bono non cantava al massimo della sua estensione così spesso. L’intimità non è mai stata completamente esplorato come una qualità”. Qualche mese fa, la svolta.

The Edge: “Brani iconici U2 in forma stripped-down nel nuovo album”. Il progetto

Il nuovo album degli U2, dal titolo “Songs Of Surrender”, prodotto da The Edge, adesso si preannuncia un vero e proprio successo. “La cosa che amo personalmente di questo progetto è che non c’erano aspettative, nessuna pressione. Lo abbiamo vissuto come un divertente esperimento per vedere dove ci avrebbe portato”, ha raccontato il chitarrista. In totale, i brani al suo interno sono 40. “Avevamo già questa idea e c’era anche un progetto parallelo nel libro di Bono, che ha deciso di intitolare i suoi 40 capitoli con i titoli delle canzoni. Quindi c’è questo bellissimo tipo di rima tra i due progetti, che ci è piaciuto”.

La prima traccia realizzata è stata Peace On Earth, da “All That You Can’t Leave Behind”, con testi ispirati all’attentato di Omagh del 1998. “Ero ansioso di fare delle canzoni che non si fossero necessariamente realizzate completamente nelle loro prime versioni o che non avessero ricevuto l’attenzione che meritavano”, ha sottolineato. “Un’altra è stata Dirty Day di “Zooropa”, un bel brano che abbiamo suonato dal vivo un paio di volte ma che non è stato notato molto. Ho sempre pensato che avesse qualcosa di potente”. Andando avanti, tuttavia, anche le grandi canzoni sono tornate. “Sapevo che a un certo punto saremmo arrivati a One e With Or Without You”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Musica e concerti

Ultime notizie