The Fugees reunion per 25 anni The Score/ Lauryn Hill “Un esempio di riconciliazione”

- Adriana Lavecchia

I Fugees annunciano ufficialmente la loro reunion per festeggiare i 25 anni dal loro album The Score con un tour che farà tappa in America, Europa e Africa

Fugees lapresse 1999 640x300

Lo aveva preannunciato il Sun, adesso è ufficiale: I Fugees tornano insieme per festeggiare i 25 anni del loro album The Score. Ms. Lauryn, Wyclef Jean e Pras Michel ritorneranno insieme sul palco con degli show negli Stati Uniti, in Europa e in Africa.

Ad annunciare la reunion sono stati gli stessi membri del gruppo con un post su Instagram in cui hanno scritto: “Mentre celebro i 25 anni con i Fugees, il mio primo ricordo è che abbiamo giurato che non avremmo fatto solo musica, ma saremmo stati un movimento, saremmo stati una voce per chi non è ascoltato, e in questi tempi difficili, sono grato ancora una volta che Dio ci abbia riuniti”. Il primo show si terrà oggi, con un concerto a sorpresa in una venue di New York ancora da confermare, per poi fare tappa a Chicago, Oakland, Los Angeles, Atlanta, Miami, Newark e Washington DC, per arrivare in Europa con Parigi e anche in Africa con concerti annunciati in Ghana e in Nigeria.

La reunion dei Fugees per la gioia dei fan

Nel corso degli anni ci sono state molte voci su un possibile ritorno dei Fugees, sempre naufragate se non per alcune occasioni singole come nel 2005 quando il trio si è ricomposto per un breve live ai Bet Awards. Anche i fan più accaniti erano stati costretti a rassegnarsi quando Pras Michel nel 2007 aveva dichiarato: “Ci sono più possibilità di vedere Osama Bin Laden e George W. Bush in uno Starbucks a bere un caffè piuttosto che vedere la nostra reunion”.

Lauryn Hill nel presentare l’iniziativa ha dichiarato: “I Fugees hanno una storia complessa ma di grande impatto. Non sapevo nemmeno che fosse arrivato il 25esimo anniversario finchè qualcuno non me l’ha fatto notare. Ho deciso di onorare questo progetto significativo, il suo anniversario e i fan che hanno apprezzato la musica creando una piattaforma pacifica dove potessimo unirci, suonare la musica che amavamo e dare un esempio di riconciliazione per il mondo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA