TikTok, materiale ‘po*no’ accessibile ai giovani?/ “Può creare danni ai ragazzi”

- Davide Giancristofaro Alberti

TikTok nel mirino per il materiale ritenuto in parte “pornografico” e che sarebbe accessibile facilmente anche ai minorenni: “Dannoso per la loro salute mentale”

ivrea Foto di antonbe da Pixabay

Sono scattate delle indagini nei confronti della popolare app cinese TikTok, in merito alla possibilità che alcune immagini e alcuni video pubblicati sulla stessa applicazione, a sfondo quasi pornografico, siano facilmente accessibili anche dai minorenni. A puntare i fari sulla vicenda è stamane il Daily Telegraph, tabloid d’oltre Manica, che racconta di come un gruppo di ricercatori “The Advertiser”, abbiano aperto un account sotto mentite spoglie su TikTok, fingendosi una quattordicenne.

A quel punto hanno effettuato delle ricerche su Andrew Tate, personaggio controverso considerato misogino per via di alcuni post social, e sullo schermo del telefono è apparso come risposta un messaggio da parte della stessa app, in cui si avverte l’utente che l’incitamento all’odio o “il comportamento che attacca o incita alla violenza e all’odio contro un individuo o un gruppo” non sarà tollerato. Peccato però che la stessa premura l’applicazione cinese non sembra averla nei confronti delle immagini piccanti pubblicate online.

TIKTOK, MATERIALE PORNO FACILMENTE ACCESSIBILE: “PERICOLOSO…”

Fra i video di #flashtrend, ad esempio, ve ne sono molti in cui giovani ragazze espongono parzialmente il proprio seno; se si fa quindi click sull’hashtag in tendenza si possono visualizzati altri filmati con contenuti simili, prima di consigliare altro materiale ritenuto pornografico borderline. Secondo gli esperti sarebbe perciò molto facile per gli utenti di TikTok, compresi i minorenni, accedere a questi contenuti non proprio consoni e che potrebbero suggestionare, ritenuti quindi dannosi per la salute mentale degli adolescenti.

“Possono incitare o incoraggiare le persone a comportarsi in un certo modo, il che è pericoloso”, le parole al Daily Telegraph da parte dell’esperta australiana di sicurezza informatica Susan McLean. E ancora: “C’è la normalizzazione della pornografia e della prostituzione e purtroppo i giovani sono vulnerabili. I loro cervelli non sono completamente formati e in realtà non capiscono che ciò che stanno facendo è potenzialmente dannoso”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Hi-Tech

Ultime notizie