Tumore alle ovaie, cos’è/ La neoplasia di cui soffre Emma Marrone: sintomi e cure

Tumore alle ovaie, cos’è la neoplasia di cui soffre Emma Marrone. Questa forma di cancro colpisce circa 5200 donne ogni anno in Italia

Fecondazione assistita
Immagine di repertorio (Foto: Pixabay)

Emma Marrone si è dovuta fermare per problemi di salute. La cantante pugliese non ha specificato di quale malore soffra, ma secondo le ultime indiscrezioni circolanti, pare che alla stessa sia tornato il tumore alle ovaie che le aveva già creato problemi negli anni passati. A sottolineare quasi con certezza le cause dello stop della vincitrice di Amici è stato in particolare il Tg1, che nella serata di ieri ha intervistato il medico Francesco Cognetti, che ha specificato: “Alcuni tumori sono frequenti anche nell’età giovanile. Noi auguriamo alla Marrone una pronta guarigione. Sappiamo dalle notizie che sono state diffuse che è affetta fortunatamente da una neoplasia. Il suo caso è abbastanza sensibile ai trattamenti medici in cui anche la chirurgia può giocare un ruolo fondamentale”. In attesa di conferme ufficiali o meno circa tali notizie dell’edizione del tg di Rai Uno, cerchiamo di scoprire più nel dettaglio cos’è il tumore alle ovaie.

TUMORE ALLE OVAIE, COS’È

Il cancro alle ovaie è dovuto alla proliferazione senza controllo delle cellule prodotte dallo stesso organo, per la maggior parte cellule epiteliali, anche se in alcuni casi anche quelle germinali possono portare ad una neoplasia. In Italia questo tipo di tumore colpisce circa 5.200 donne ogni anno (stime del 2017), come riferisce il sito dell’Airc, ed è al nono posto tra le forme di cancro più diffuse nel Belpaese, pari al 3% di tutte le diagnosi. Nella maggior parte dei casi si tratta di un tumore che colpisce donne comprese fra i 50 e i 69 anni di età, ma non sempre avviene così, come appunto il caso della cantante Emma Marrone. Fra i fattori che possono portare al sopraggiungere del tumore alle ovaie vi è la lunghezza del periodo ovulatorio, ad esempio una prima mestruazione che sopraggiunge in età troppo giovane, o una menopausa che invece arriva in età troppo tardiva. Anche il non avere figli può portare al cancro. Di contro, avere avuto più figli, allattare al seno, e l’uso per lungo tempo di contraccettivi estroprogestinici vengono invece considerati fattori di protezione.

TUMORE ALLE OVAIE, SINTOMI E COME SI CURA

Secondo una stima del National Cancer Institute, il tumore alle ovaie è genetico fra il 7 e il 10% dei pazienti. Come le altre forme tumorali, è silente nella prima fase, per poi fare sentire i suoi effetti quando già sviluppato, come ad esempio ventre gonfio, aerofagia e bisogno frequente di urinare. Se questi sintomi, aggiunge l’Airc, si presentano all’improvviso e con l’aggiunta di una sensazione di sazietà anche a stomaco vuoto, si potrebbe trattare di un campanello d’allarme da non ignorare. E’ molto complicato prevenire questo tipo di tumore, ma una visita annuale dal ginecologo potrebbe essere utile in tale caso. Per curare questo tipo di cancro si interviene chirurgicamente, con l’aggiunta della chemioterapia, mentre la radioterapia non viene quasi mai praticata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA