BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LIBERALIZZAZIONI/ Ecco i "poteri forti" salvati da Monti

Pubblicazione:lunedì 23 gennaio 2012

Infophoto Infophoto

Mario Monti l’aveva detto: le liberalizzazioni scontenteranno di più il centrodestra, la riforma del mercato del lavoro scontenterà di più il centrosinistra. In effetti, le liberalizzazioni approvate venerdì scorso dal Consiglio dei ministri trovano più consensi nel Pd e nel Terzo Polo e più malumori nel Pdl. Il motivo è chiaro: professionisti, notai, avvocati, farmacisti e taxisti votano più Pdl e Lega che Pd.

Il presidente del Consiglio, quindi, aveva previsto le reazioni dei maggiori partiti. Scorrendo il decreto, però, gli stessi partiti si stanno accorgendo - senza dirlo troppo in pubblico - che Monti sembra non aver del tutto rispettato il suo annuncio di incidere su tutti i settori, compresi i colossi a partecipazione e a controllo statale.

Partiamo dalla rete del gas. Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, nel sintetizzare il decreto che era stato appena approvato in Consiglio dei ministri, venerdì sera è infatti partito proprio dal settore energetico per illustrare il provvedimento. Ma sbaglia chi pensa che l’Eni sia delusa eccessivamente dall’intervento dell’esecutivo. Il Cane a sei zampe temeva uno scorporo secco di Snam rete gas. Lo scorporo societario non c’è stato.

Infatti, la sancita separazione proprietaria riguarda l’intera galassia della quotata Snam, che si articola in quattro componenti tra cui Snam rete gas. Si dirà: il danno per il gruppo pubblico sarà quindi maggiore. Sbagliato. Certo, si vedrà di quanto l’Eni dovrà scendere in Snam e quanto incasserà dalla cessione. Ma i calcoli che ha già fatto l’Amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni sono eloquenti: l’Eni ha 26 miliardi di euro di debito. Di questi, 11 sono di Snam; per cui nel momento in cui Eni dovesse cedere Snam a 15 miliardi, il debito di Eni si ridurrebbe a circa 7 miliardi, consentendo nuovi investimenti al gruppo presieduto da Giuseppe Recchi. Ovviamente, andrà calcolato quanto perderà Eni di dividendi Snam, però va ridimensionata la certezza che il governo abbia penalizzato davvero, e pesantemente, il colosso energetico.

Anche i fuochi di artificio che si erano accessi, dopo la prima bozza del decreto in cui compariva lo scorporo della rete ferroviaria (Rfi) dal gruppo Ferrovie dello Stato alla diretta dipendenza del ministero dell’Economia, hanno lasciato spazio nel testo finale a una soluzione di compromesso che non ha fatto festeggiare troppo i privati di Ntv, la società di Luca Cordero di Montezemolo e Diego Della Valle che opererà nell’Alta velocità. Come e quando ci sarà la separazione proprietaria di Rfi lo deciderà l’Autorità delle reti e dei trasporti. D’altronde, dai dossier che le Ferrovie capeggiate dall’Amministratore delegato, Mauro Moretti, hanno fatto pervenire all’esecutivo si evince che pochissimi stati europei hanno adottato lo scorporo della rete. Insomma, il modello inglese auspicato da Ntv può attendere.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
23/01/2012 - sui settori a rete (giovanna pianta)

a riguardo delle ipotesi di modifiche a ferrovie, poste e autostrade, mi domando: ma con che coraggio e con che serietà si può temporeggiare in ambiti che, creati come monopoli statali, e quindi impiantati capillarmente sul territorio senza concorrenti e diventati così solidi senza grandi fatiche, adesso potrebbero finalmente trovare la loro "redenzione" al mercato, almeno embrionale, essendoci delle imprese in grado e desiderose di sfidarle? vogliiamo proprio farle fuggire? lasciare che si rivolgano ad altri mercati meno ostinatamente chiusi, a maleficio di tutti gli italiani, che non godranno mai della concorrenza? Almeno avvocati, tassisti e quant'altro faranno anche cartello, ma son più di uno e quindi garantiscono un minimo di scelta (io ho confrontato sei preventivi notarili prima di scegliere con chi perfezionare un atto, e tutti me lo hanno persino inviato via mail...)! permettetemi di aver pensato che Passera, per molto tempo ai vertici delle poste italiane e "padre" di Bancoposta non se la sia sentita di buttare nel mare e insegnare a nuotare alla sua creatura!