BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Sapelli: la finanza prepara una nuova "illusione" mondiale

Pubblicazione:martedì 15 gennaio 2013 - Ultimo aggiornamento:martedì 15 gennaio 2013, 23.16

Infophoto Infophoto

I dati che vengono dalle borse, soprattutto quelle europee, sono per certi versi sconvolgenti, soprattutto per gli economisti di oggi, che non hanno mai letto un libro di storia. Come possono capire quello che sta accadendo? In realtà, è tutto molto semplice. Siamo pur certi di una cosa: i primi dati annunciano una tendenza che si confermerà via via: i rendimenti dei mercati finanziari per tutto il 2013 saranno incomparabilmente superiori a quello che si potrebbe pensare e dovrebbe accadere se si considerano gli indicatori della crescita economica mondiale reale, che sarà debole, disuguale, a frattali.

Non vi è nulla di nuovo, storicamente. Solo che son passati un po’ di anni da quando un fenomeno simile è successo e quindi gli economisti neoclassici su scala mondiale sono in difficoltà. La separazione della finanza dall’economia reale non produce solo distruzione degli innocenti, quando questi vengono irretiti nella e dalla finanza ad alto rischio ponendo i propri risparmi nelle stive esplosive dei mezzi di distruzione di massa dei derivati, delle collateralizzazioni, dei mutui securitizzati da macchine infernali, delle assicurazioni appoggiate su collaterali esplosivi, ecc… La finanza ad alto rischio può anche registrare il valore del denaro per il denaro, “saltando” il nesso con la merce secondo le regole di un capitalismo finanziario che è anche scollegato completamente dalla produzione.

Se questo collegamento drena liquidità e la immette nel circolo “denaro per il denaro” l’economia reale ne soffre, ma questo non implica che ne debba soffrire anche la circolazione, appunto denaro per il denaro. È quello che oggi sta capitando in tutto il mondo capitalistico, Usa in testa; a seguire l’Europa, il Giappone con un’impennata data dal nuovo Primo Ministro Abe, il quale interpreta il nazionalismo come keynesismo di guerra e ampliamento del debito. Ma si arriva anche al Regno Unito. Insomma, in tutto il mondo i governi sono ben decisi a proseguire per una strada intrapresa già nel 2012, a scherno di tutti i profeti disarmati teoricamente dello Stato minimo e del liberismo: stanno usando circa il 70% di tutti i finanziamenti erogati nei cicli economici. mentre tutte le banche centrali (anche la Bce!) forniscono circa il 60% di tutti i finanziamenti in essere nel mondo.

Si tratta di una sorta di esperimento finanziario - come ha dichiarato il rapporto Ocse del dicembre 2012 - che è di una novità assoluta. In verità, non si verificava più dal tempo delle guerre dei cento anni, quando gli stati si misero a batter moneta a tutto spiano per finanziare guerre e conquiste territoriali: nasceva il mondo moderno.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
16/01/2013 - la grande finanza e proposte ememdabili (antonio petrina)

Il grande pericolo della finanza sembra uguale a quello del '29 per cui venne approvata la legge GS Act inopitamente abolita per cattivi consigli dal presidente Clinton.. il settore bancario (della finanza shadow) riuscirà ad autoriformarsi ?

 
15/01/2013 - la finanza PERDE tempo (Pietro Sita)

In mezzo a tanti articoli e commenti stupidi di giornalisti e soprattutto di politici, leggo sempre volentieri i suoi commenti sempre intelligenti e puntuali. Bernanke quando inaugurò la serie dei Q.E. disse chiaramente che servivano a sostenere i valori finanziari che in mancanza di questa liquidità sarebbero scesi. Il sostegno ai valori finanziari non fa prendere tempo fa PERDERE tempo.La finanza e la politica continuano negli errori che hanno portato a questa crisi e non fanno che peggiorarla. Vediamo la Grecia: ad alcuni anni dal primo "salvataggio" e messa sempre peggio e fra un anno sarà messa ancora peggio, alla faccia di Montie Draghi che dicono che il peggio è alle spalle. Le bugie che propinano ci fanno capire quanto sia realmente gravissima la situazione. Per paura dei disordini sociali "prendono tempo". Intanto drenano tutte le risorse dell'economia reale, attraverso una tassazione vessatoria,per chiudere i buchi immensi creati dalle banche con la "finanza creativa". Non potrà mai esserci ripresa quando le aziende si trasferiscono nei paesi emergenti. La globalizzazione voluta dalla grande finanza e dalle multinazionali sta distruggendo le nostre piccole e medie imprese e quindi la piccola e media borghesia. Occorrono soluzioni drastiche, in particolare deve cessare immediatamente il signoraggio primario e secondario delle banche. Perchè nessuno parla mai di questa truffa gigantesca ai danni dei popoli?