BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Mps, dopo Mussari nel mirino c'è Draghi?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

CROLLO MPS. Prima di cominciare, due precisazioni. Primo, non sono mai stato tenero con Giuseppe Mussari e quanto scritto in questi anni e mesi lo testimonia, a partire da quella follia finanziaria che risponde al nome di Antonveneta. Secondo, nell’articolo che ho dedicato a Montepaschi la scorsa settimana ho compiuto un’imprecisione: tutti i dati in esso contenuti erano veri e lo restano, avevo solo sbagliato bersaglio e strategia. Insomma, a Societe Generale non frega proprio niente di Mps, non la vuole vedere nemmeno in fotografia. La partita attorno alla banca più vecchia del mondo è tutta italiana. Con qualche interesse inconfessabile della Germania.

Ma andiamo con ordine. Come tutti saprete il presidente dell’Abi, Giuseppe Mussari, si è dimesso martedì in relazione allo scandalo per la scoperta dell’ennesimo contratto derivato sottoscritto da Mps - questa volta con Nomura, prima con Deutsche Bank - per evitare minusvalenze e mascherare le perdite. A denunciare l’accaduto ci ha pensato Il Fatto Quotidiano con un’inchiesta pregna di particolari finanziari e ampie citazioni del contratto stesso e delle sue clausole, frutto, a detta del quotidiano, di una fonte senese coperta dall’anonimato.

Fin qui, nulla di strano. Ora, le stranezze però non mancano. Primo, quel contratto fu rinvenuto il 10 ottobre scorso nella cassaforte dell’ex direttore generale, Antonio Vigni, e il ritrovamento farebbe parte, stante la vulgata generalmente accettata, del lavoro di screening sull’attività del vecchio management posto in essere da quello nuovo, ovvero Alessandro Profumo e Fabrizio Viola. Di più, la banca giapponese avrebbe anche informato lo stesso Viola della trascrizione di una telefonata tra Mussari e il capo europeo di Nomura, Sadiq Sayed, nella quale il manager da Londra chiedeva all’ex numero uno di Montepaschi se avesse inteso bene i termini del contratto, se il Consiglio fosse stato informato e se avesse informato del contratto stesso i revisori.

No dico, va beh che in Italia ancora c’è qualcuno che pensa che la strage Ustica sia stata colpa di un piccione kamikaze, ma in quale film una banca d’affari - Nomura ha rilevato assets e uomini di Lehman Brothers dopo il fallimento, non del Credito cooperativo di Codazzo - si mette scrupolosamente a chiedere al cliente che sta salvando-fregando con un contratto swap se ha capito bene che lo sta buggerando sul medio termine? Trascrizioni di telefonate, poi? In un ambiente dove non si manda una mail o non si parla nemmeno con la moglie di certe cose, si arriva alle trascrizioni delle chiamate: perché tanta cura e attenzione per Mps, quando metà della banche e tre quarti dei comuni italiani sono stati allegramente fregati da controparti estere su derivati, senza tutte queste carinerie? Mah.


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
25/01/2013 - Risorse finanziarie per futuri investimenti! (Silvano Rucci)

Al nostro Ministro Giulio Tremonti, che, a suo tempo, ha provato a creare una Banca italiana Statale, è stato risposto che non è possibile in quanto questa soluzione è una pratica comunista mentre noi siamo un Paese socialista e non comunista! Fino a quando ci verranno imposte delle “idiozie” di questo tipo il nostro sarà un retaggio totalitario del potere capitalistico, che tutto è tranne che socialismo, anche se nel frattempo le nostre Aziende languono per mancanza della normale liquidità e mancanza di risorse finanziarie per investire!

 
25/01/2013 - Chiarimenti alla curiosità di Vittorio Cionini (Silvano Rucci)

L’Etica è come il Totalitarismo che non si vede e non si tocca, ma esiste. Siccome il Totalitarismo esiste, lo si dovrebbe vivere e subito dopo . . .. . . l'Etica si capirebbe!

 
24/01/2013 - Etica (Vittorio Cionini)

Cosa é l'Etica? Qualcuno l'ha vista o toccata? Grazie per i chiarimenti Vittorio Cionini

 
24/01/2013 - Regole prive di Etica! (Silvano Rucci)

Le regole di mercato dovrebbero essere allettanti per gli investitori, ma senza l'etica sono state declassate! Quelle della politica non alletterebbero nessuno: oltre che prive di etica sono diventate antidemocratiche ed anticostituzionali!