BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ Il "trucco" dietro al calo dello spread italiano

Per ANTONIO RINALDI, lo spread è ai suoi minimi perché è pilotato sui mercati, come lo era nell’estate 2011 quando per motivazioni puramente politiche alcune banche estere lo fecero crescere

InfophotoInfophoto

«Dietro il calo del rendimento dei Btp decennali al minimo dal 1999 c’è la stessa regia che a fine 2011 fece schizzare lo spread italiano a 528 punti. L’obiettivo è tranquillizzare gli elettori in vista del voto europeo per evitare una vittoria dei partiti critici nei confronti dell’euro». A rivelarlo è Antonio Maria Rinaldi, professore di Economia internazionale all’Università di Chieti-Pescara. Da inizio settimana lo spread è continuato a scendere, con livelli di rendimento dei titoli di Stato decennali che non si registravano dall’introduzione dell’euro.

Il dato sui Btp decennali significa che il debito pubblico italiano non corre più rischi sul mercato?

Il problema della sostenibilità del debito pubblico italiano non dipende dall’entità dei tassi di interesse, ma dal fatto che oggi è denominato in valuta estera, cioè in euro. Il nostro Paese non esercita la sua sovranità monetaria, ed è questa la sua vera debolezza. L’unica via d’uscita è la reversibilità del debito, che è ancora sotto la giurisdizione delle leggi italiane. Per il principio della “Lex monetae”, ribadito anche dal Codice civile, noi possiamo ritramutare l’entità del debito in qualsiasi valuta che abbia corso reale nella nazione. Se dovessimo ritornare alla lira, sarà questa la valuta per calcolare il nostro debito.

Intanto però il rendimento decennale scende. Possiamo tirare un sospiro di sollievo?

La verità è che ci troviamo in una situazione di mercato drogato, e non sappiamo quale sarebbe la risposta dei Btp decennali in condizioni normali. Sappiamo che i mercati sono controllati e che nell’estate 2011 la crescita vertiginosa dello spread fu determinata da scelte ben precise da parte di determinate banche estere, che avevano dato ordine di riposizionare il loro portafogli titoli vendendo il debito pubblico italiano. Ora si sta ripetendo quando avvenuto allora pur con segno opposto.

Lo spread ai minimi è comunque il segnale di un clima di fiducia. Da che cosa è determinato?