BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

G20/ Pil e riforme, la Cina chiede "credito"

Pechino ha rassicurato il G20 dei ministri finanziari e dei banchieri centrali svoltosi ad Ankara: il racconto dell'economista DOMENICO LOMBARDI, che ha partecipato ai lavori

Lu Jiwei, ministro delle finanze cinese (Immagine dal web)Lu Jiwei, ministro delle finanze cinese (Immagine dal web)

Il G20 di Ankara - che ha riunito ministri finanziari e banchieri centrali - si è confermato un forum internazionale irrinunciabile, anzi "l'unico dove le economie sistemiche avanzate possono dialogare e confrontarsi" soprattutto in tempi di instabilità prolungata. Lo dice a ilsussidiario.net Domenico Lombardi, direttore del Dipartimento di Economia globale presso il Center for International Governance Innovation e il G20 Research Group presso l'Università di Toronto. L'economista italiano - che ha ricoperto alti incarichi presso Fmi e Banca Mondiale - ha partecipato come speaker a Think20, un workshop inserito nella due giorni di Ankara. 

Il G20 di ministri finanziari e banchieri centrali Ankara si è svolto in una fase ancora tesa - se non critica - per il sistema economico-finanziario internazionale. L'eurozona ha appena superato un rischio Grexit e la ripresa è ancora insoddisfacente, ha avvertito la Bce. Dopo gli ultimi dati sull'occupazione aumentano i dubbi degli osservatori sulle mosse della Fed, attesa nei prossimi giorni a una decisione sul rialzo dei tassi sul dollaro. Ma il vero epicentro delle ultime turbolenze è stata la caduta della Borsa cinese e la svalutazione dello yuan, mentre mentre il Pil frena assieme a quello di altri paesi emergenti. Come il G20 ha affrontato questo dossier?

Gran parte dell’attenzione, naturalmente, si è concentrata sugli Stati Uniti e la Cina, per ragioni diverse. La delegazione cinese, in particolare, ha spiegato che la correzione che hanno registrato le sue Borse nelle settimane precedenti riflette dinamiche temporanee e che il sentiero di crescita della propria economia attorno al 7 per cento annuo non dovrebbe risentirne in misura significativa. A questa presentazione hanno fatto eco alcuni paesi, come l’Australia, che hanno confermato come le loro esportazioni verso l’economia di Pechino continuano a crescere. Detto questo, il governatore della banca centrale cinese non ha fornito indicazioni specifiche su ulteriori misure che le sue autorità intendono intraprendere, se non che la Cina è determinata a proseguire lungo la strada delle riforme con ancora maggiore impeto. Passando agli Stati Uniti, la presentazione di Stanley Fisher, numero due della Fed, ha attratto consideravole interesse mostrando che la ripresa americana va consolidandosi. Non ha sciolto i dubbi, tuttavia, se già dalla metà di settembre le autorità monetarie intendano procedere a un rialzo dei tassi e avviare il tanto atteso processo di normalizzazione della politica monetaria dalla sua attuale condizione iperespansiva. Le delegazioni dei paesi emergenti hanno sottolineato che è meglio che tale processo inizi subito, altrimenti l’incertezza riguardo il suo avvio rischia di essere più dannosa. Ad ogni modo, il loro collega americano li ha rassicurati che il rialzo dei tassi – quando avverrà – sarà molto graduale.

Quali sono le attese per l'Eurozona?