BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ Eid: la soluzione militare c'è ma nessuno la vuole

Pubblicazione:

In Siria (InfoPhoto)  In Siria (InfoPhoto)

La Siria è sempre più isolata: dopo la sospensione da parte della Lega Araba e la presentazione del rapporto Onu sui crimini di guerra, è giunta anche la sospensione da parte dell’Oci, l’Organizzazione per la Conferenza Islamica. Solo l’Iran si è schierato contro la decisione. Il regime di Damasco, inoltre, in campo internazionale, tra Russia, Cina, Cuba e Corea del Nord non si trova certo in buona compagnia. Per cercare di capire le ragioni che hanno portato alla sospensione dall’Oci, IlSussidiario.net ha intervistato Camille Eid, docente di Lingua araba alla Cattolica di Milano ed esperto di Medio Oriente, che ha voluto anche fare qualche previsione sugli scenari futuri più probabili.

 

Come si spiega la decisione dell’assemblea dell’Oci di sospendere il regime di Bashar al Assad?

 

Pur essendo simbolica è una decisione che accresce l’isolamento diplomatico della Siria. Sul versante arabo è già stata sospesa dalla Lega Araba, pur essendo tra gli Stati fondatori; ora è giunta anche la sospensione in ambito islamico. Rimane alla Siria una possibilità di azione politica solo in ambito internazionale. Tuttavia, se è vero l’antico adagio “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, la Siria non si trova certo in una bella posizione: la compagnia che continua a sostenerla in Assemblea generale delle Nazioni Unite, quella dei Paesi che hanno votato alcuni giorni fa contro la risoluzione Onu, non le fa certo onore: ci sono Cina, Russia, Iran, Corea del Nord, Cuba, Venezuela, Bielorussia, Zimbabwe e Myanmar.

 

Proprio l’Iran non era favorevole alla decisione di sospendere la Siria dall’Oci. Perché?

 

Il presidente Mahmud Ahmadinejad e il suo ministro degli Esteri Ali Akbar Salehi sostengono che si sarebbe prima dovuto invitare la Siria a La Mecca, dove si svolgevano i lavori, per permetterle di difendere la propria posizione davanti ai presenti, e poi eventualmente in un secondo momento prendere una decisione. L’Iran non era d’accordo con una sospensione “in anticipo” ma tutti abbiamo sentito il segretario generale dell’Assemblea dell’Oci, il turco Ekmeleddin Ihsanoglu, dire che un regime che uccide il proprio popolo non è da tenere all’interno dell’organizzazione. Significa che la decisione era già stata presa alla riunione preparatoria dei ministri degli Esteri per essere messa poi all’ordine del giorno. L’Iran si è così trovato isolato in partenza. Su questo fronte sostenuto forse solo dal Libano.

 

Il re saudita Abdallah Abdel Aziz bin Saud ha voluto al suo fianco Ahmadinejad. Prove di dialogo tra Arabia Saudita e Iran?

 

Effettivamente re Abdallah ha riservato gli onori maggiori, oltre che al presidente egiziano Mohamed Morsi, al presidente iraniano. Ma si tratta di una mossa tattica perché i due sono propri agli antipodi su tutte le questioni aperte. Morsi, invece, ha proposto la formazione di un comitato che comprenda Egitto, Arabia Saudita e Iran per gestire la crisi siriana ma poi la sua idea non ha avuto seguito.

 

Ahmadinejad, nel corso dei lavori, ha sollevato un’obiezione dicendo che si parla sempre del regime di Assad ma mai dei disordini in Bahrain, dove la popolazione è in rivolta contro il re. Cosa ne pensa?



  PAG. SUCC. >