Afridza Munandar morto come Simoncelli a Sepang/ Video incidente: la dinamica choc

- Davide Giancristofaro Alberti

Afridza Munandar, morto come Simoncelli a Sepang: video dell’incidente all’Asia Talent Cup. Pilota IATC investito da Ogo: la dinamica choc

munandar 2019 yt
Afridza Munandar, incidente mortale a Sepang (Youtube)
Pubblicità

La dinamica è inquietante, aumentata dal fatto che le immagini staccano un attimo prima del tremendo impatto che ha stroncato la vita al pilota Afridza Munandar: l’intero mondo dei motori è sotto choc per quanto successo ieri, con anche la vittoria di Maverick Vinales poco fa in MotoGp che è stata dedicata interamente alla memoria del giovane pilota morto a Sepang a 100 metri di distanza dalla curva maledetta che ci ha privati di Marco Simoncelli. «E’ un successo che voglio dedicare al giovane pilota 20enne indonesiano Afridza Munandar morto ieri nel corso della gara dell’Asian Talent Cup, questa vittoria è tutta per lui», racconta il pilota Yamaha, con il cordoglio che arriva da tutte le scuderie qui a Sepang. Sotto choc il rivale che lo avrebbe colpito al collo senza poterlo evitare, Ogo, che ha raggiunto l’ospedale dove Munandar era stato trasferito dopo il terribile incidente. Purtroppo Afridza, arrivato da poco a Kuala Lumpur in condizioni critiche, è morto prima di entrare in sala operatoria. (agg. di Niccolò Magnani)

Pubblicità

MORTE MUNANDAR, CORDOGLIO SUL WEB

Lutto nel mondo del motociclismo per la morte di Afridza Munandar, giovane pilota partecipante alla Idemitsu Asia Talent Cup. Proprio come Marco Simoncelli, il 20enne indonesiano è scomparso a Sepang, ultima tappa del campionato, a causa di un incidente: terzo in classifica con 142 punti, era in piena lotta per il titolo. Tantissimi i messaggi di cordoglio per la sua dipartita, ecco le parole dell’Angel Nieto Team MotoGP: «Vogliamo mandare le nostre condoglianze alla famiglia, agli amici ed ai cari di Afridza. Ride in peace». Questo, invece, il messaggio della Petronas Motorsports: «Siamo devastati per la morte del corridore, le nostre condoglianze alla famiglia ed agli amici». Molti colleghi hanno voluto condividere sui social network un ricordo del 20enne, benvoluto per la sua grande genuinità e considerato uno degli astri nascenti del mondo del motociclismo. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

Pubblicità

AFRIDZA MUNANDAR MORTO, L’ADDIO DI MARC MARQUEZ

Il mondo dei motori è sotto choc per la morte di Afridza Munandar, giovane pilota partecipante alla Idemitsu Asia Talent Cup, deceduto in ospedale dopo essere stato coinvolto in brutto incidente sul circuito di Sepang, lo stesso in cui perse la vita il nostro Marco Simoncelli. Tra quanti hanno voluto ricordare il centauro asiatico che ha perso oggi la vita sul circuito malese anche Marc Marquez, il campione del mondo della MotoGP che ha voluto commentare sul suo account Twitter la dipartita del collega, sottolineando come quello odierno sia un “giorno triste” per il mondo del motociclismo. Dello stesso tenore il commento di Lowes, che prima di augurare a Munandare di riposare in pace ha commentato sul suo profilo social con un inequivocabile “very sad news”, ovvero “notizia molto triste”. (agg. di Dario D’Angelo)

AFRIDZA MUNANDAR MORTO, LA DINAMICA DELL’INCIDENTE

Un’altra tragedia a Sepang: è morto Afridza Munandar, che finora era stato un grande protagonista dell’Asia Talent Cup. Troppo gravi le lesioni riportate dal 20enne pilota indonesiano. L’incidente è avvenuto alla curva 10, prima di quella dove perse la vita Marco Simoncelli. La dinamica non è ancora chiara, essendo sfuggita alle telecamere, ma secondo quanto ricostruito dopo l’incidente, l’impatto sarebbe avvenuto in seguito ad un contatto tra Munandar e Ogo. Il giovane talento indonesiano era scivolato a centro pista, restando pericolosamente in traiettoria mentre alle sue spalle arrivavano gli altri piloti. I commissari, avendo compreso la gravità delle condizioni di Munandar, hanno subito esposto bandiera rossa. E come nel caso di Simoncelli, a togliere la vita a Munandar sarebbe stato un colpo violento al collo, la sola parte scoperta dalle protezioni di tuta e casco. (agg. di Silvana Palazzo)

AFRIDZA MUNANDAR, MORTO A SEPANG COME SIMONCELLI

E’ morto nelle scorse ore il pilota Afridza Munandar sul circuito di Sepang, in Malesia. In concomitanza con il weekend del motomondiale, si è tenuta una nuova tappa della Idemitsu Asia Talent Cup, un campionato riservato ai giovani talenti delle due ruote, e al primo giro il 20enne pilota indonesiano ha perso il controllo della propria moto, venendo poi investito dagli altri centauri. L’incidente è avvenuto precisamente alla curva 10, e subito dopo la caduta la direzione di gara ha deciso di esporre la bandiera rossa, interrompendo la corsa. Una caduta all’apparenza banale quella di Munandar, come si può notare anche dai filmati che stanno circolando su Youtube in questi ultimi minuti, che però non chiariscono con esattezza l’accaduto.

AFRIDZA MUNANDAR: LA SUA GRANDE STAGIONE

Evidentemente il giovane pilota deve essere stato travolto da qualche motociclista in arrivo, visto che, quando soccorso dai medici di gara, versava già in gravissime condizioni, e poi trasportato presso l’ospedale di Kuala Lampur in elicottero. Il personale sanitario ha provato in tutti i modi a rianimare Munandar, invano, morto poco dopo l’incidente. Il giovane pilota indonesiano era uno dei più interessanti talenti della IATC 2019, visto che nelle precedenti uscite aveva vinto due volte, con l’aggiunta di due secondi posti e di altri due terzi posti. Immediata la reazione della FIM, della Dorna Sports e di tutta la Idemitsu Asia Talent Cup che hanno espresso le “più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici e alle persone care a Munandar”. Fa riflettere il fatto che proprio sul circuito di Sepang era venuto a mancare poco più di otto anni fa Marco Simoncelli: era il 23 ottobre del 2011 e Sic, dopo una caduta all’apparenza banale, proprio come quella di cui è stato vittima il povero Munandar, venne investito dai piloti che lo seguivano, per un impatto così devastante da sfilargli il casco.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità