Antonio, fratello morto Iva Zanicchi/ “Dopo il Covid noi non lo abbiamo più visto”

- Emanuele Ambrosio

Antonio è il fratello morto di Iva Zanicchi: scomparso a causa del Covid-19. Un dolore immenso per la cantante che ha precisato: “morire da soli no”

iva zanicchi fratello mn 640x300
Iva Zanicchi piange per il fratello a Morning News

Antonio è il fratello morto di Iva Zanicchi: l’uomo è scomparso a causa del Covid-19. Un dolore immenso per la cantante che in diverse occasioni ha raccontato quanto sia stato difficile elaborare questa assenza. L’uomo aveva solo 77 anni e si è spento in ospedale a causa del Coronavirus. “Ciao fratello mio, ti ho amato come un figlio” – ha detto la sorella ricordando l’amato fratello che lo scorso anno è stato ricoverato presso l’ospedale di Vimercate dove peraltro era ricoverata anche la Zanicchi. Proprio l’aquila di Ligonchio durante un’intervista rilasciata a Verissimo ha raccontato: “il virus è entrato in casa e ci ha infettati tutti alla cresima del nipote di mia sorella”.

In particolare la Zanicchi si è soffermata anche sul grandissimo lavoro degli infermieri: “non sono eroi, sono dei grandi professionisti. Persone dalla grande umanità. Anzi, degli angeli”. Tutta la famiglia Zanicchi è stata colpita dal Covid come ha aggiunto la cantante: “le difficoltà della mia famiglia non sono ancora finite. Adesso mia sorella ha preso il Covid e non è ancora riuscita a guarire. Si è contagiato anche mio nipote ma lui, grazie a Dio, si è già negativizzato”.

Iva Zanicchi dopo la morte del fratello Antonio: “dovete permettere che un parente stia vicino al malato”

La morte di Antonio Zanicchi ha scosso la vita di Iva Zanicchi. La sorella, in lacrime, ha raccontato l’agonia e il dolore vissuto nel non poter più rivedere e salutare l’amatissimo fratello: “non mi hanno permesso di andare da lui, neanche bardata. Noi non lo abbiamo più visto. Anche per questo non riesco a elaborare questo dolore”. Per questo motivo ha voluto fare un appello alle autorità: “dovete permettere che ci sia almeno una persona, non una folla, quando vedete che un figlio, una madre, o un fratello sta morendo. Dovete permettere che un parente gli stia vicino, gli prenda la mano e rimanga lì almeno cinque minuti. È disumanità. Sono cose da medioevo. Finché ci sarà questo coronavirus voglio dire queste cose. È una pena che non si rimargina. Morire da soli no”.

Infine per la cantante di “Zingara” è fondamentale vaccinarsi: “secondo me chi non si vaccina deve stare isolato dagli altri. Vaccinarsi è fondamentale per salvaguardare la salute di tutti”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA