BOMBA D’ACQUA SU AVOLA: MALTEMPO IN SICILIA/ Video, allerta prolungata di 36 ore

- Niccolò Magnani

Bomba d’acqua ad Avola (Siracusa), maltempo in Sicilia e in tutto il Sud: allerta Protezione Civile, strade come fiumi e Fiat Panda trascinata in mare

Maltempo ad Avola
Maltempo ad Avola (Foto da video YouTube)

E’ stata prolungata di altre 36 ore da parte della Protezione Civile l’allerta meteo nella zona di Avola e del siracusano colpita da una vera e propria bomba d’acqua nella giornata di lunedì. Hanno fatto il giro di tutti i telegiornali  le immagini con un’automobile trascinata in mare e le strade nei dintorni che si sono trasformate in veri e propri fiumi. Forti temporali si sono scatenati anche a Noto e addirittura una tromba d’aria si è scagliata tra Marzamemi e Noto, con piogge violentissime nella zona di Fiumefreddo. Per questo la protezione civile ha deciso di intervenire e di mantenere al massimo l’allerta finché la situazione meteo non sarà tornata alla normalità: le previsioni delle prossime ore non garantiscono schiarite in grado di far rientrare l’allarme. (agg. di Fabio Belli)

FIAT PANDA TRASCINATA IN MARE

Il maltempo che ha imperversato nel centro-Nord nelle ultime 36 ore si sta lentamente spostando verso Sud, con delle eccezioni in termini di “rapidità”: in Sicilia infatti questo pomeriggio un’autentica bomba d’acqua si è abbattuta su Avola (Siracusa) e dintorni generando panico nella popolazione colta impreparata dall’arrivo dei temporali fortissimi abbattutisi proprio in queste ore. Un violento acquazzone durato 20 minuti ma devastante come un autentico ciclone tropicale: le strade si sono trasformate in fiumi, la gente ha dovuto aggrapparsi ai pali e rintanarsi nei negozi, il traffico è letteralmente impazzito e ci sono stati incidenti potenzialmente letali. Le auto sono state sballottate per tutto il Comune, con addirittura una Fiat Panda – con a bordo due persone – trascinata nel mare senza che i due occupanti potessero opporre alcuna resistenza. Come riporta NuovoSud.it, il conducente e l’altra persona a bordo sono riusciti a mettersi in salvo per puro miracolo, saltando fuori dall’abitacolo al momento giusto: l’auto però è stata inghiottita dalla potenza del temporale e potata via dalla corrente prima del “fiume” sulla strada e poi dal mare Ionio.

BOMBA D’ACQUA IN SICILIA: AUTO TRASCINATE IN MARE

La bomba d’acqua però non ha colpito solo Avola bensì tutto il Siracusano e nelle prossime ore la violenza dei temporali potrebbe abbattersi anche su altre aree della Sicilia: secondo l’allerta meteo della Protezione Civile, il bollino per le giornate di oggi e domani vede particolare attenzione nelle Regioni Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia. Per la giornata di domani martedì 16 luglio, sempre la Protezione Civile ha valutato ancora allerta arancione su gran parte del versante ionico della Calabria e sulla Puglia centro meridionale; allerta gialla, inoltre, sul settore orientale dell’Abruzzo, in Campania, sul resto della Puglia e della Calabria, in Basilicata e in Sicilia. Il rischio di vedere nuovi scenari come quelli di Avola è assai probabile: in neanche mezz’ora sono scesi 40 mm di pioggia sotto un nubifragio tropicale che ha ricordato i disastri compiuti nei giorni scorsi in tutto il Centro Italia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA