Pagelle/ Paok-Fiorentina (0-0): i voti della partita (Europa League 2016-2017)

Pagelle Paok-Fiorentina: i voti della partita di Europa League 2016-2017, valida per la prima giornata del girone J. I protagonisti, i migliori e i peggiori: i giudizi

15.09.2016 - La Redazione
gonzalorodriguez_athanasiadis
Il difensore argentino Gonzalo Rodriguez (a sinistra), 32 anni, in azione contro il Paok (LaPresse)

La Fiorentina deve accontentarsi di un pareggio con anche qualche rischio corso alla fine. La viola ha provato a vincerla senza riuscirci con Paulo Sousa che ha anche inserito in campo due calciatori di grande talento come Bernardeschi e Tello, non in grado però di cambiare il passo alla squadra nel finale. Il pareggio è un risultato che alla Fiorentina sta anche un po’ stretto, ma che consente comunque già di smuovere la classifica del girone J.

Va fatta una media tra un primo tempo di grande spessore, divertente e giocato ad alta velocità con una ripresa lenta e dove sono emersi ancora i limiti fisici di una preparazione che a breve darà i suoi frutti;

La squadra greca non esce praticamente dalla sua metà campo, giocando pochi palloni, senza riuscire mai ad essere pericoloso. L’organizzazione difensiva poi lascia a desiderare e solo la fortuna li salva da un ko che sarebbe stato giusto;

Buono l’approccio nel primo tempo che fa ben sperare, male invece la sostanza fisica con la squadra che cala vistosamente nella seconda frazione di gioco. Serve tempo, ma questa squadra regalerà buone soddisfazioni ai suoi tifosi;

Arbitro di grande personalità non si fa smuovere dal baccano fatto 

Pronti via si fa subito pericoloso Kalinic (6.5) che ruba una palla in posizione pericolosa, senza però intendersi con Babacar (6). Ci prova poi Badelj (6) da molto lontano, senza riuscire però a inquadrare la porta difesa da Glykos (6). Risponde il Paok con Pelkas (6) che viene pescato dentro l’area di rigore ma viene anche chiuso da Gonzalo Rodriguez (6.5). Il pubblico protesta per un fallo di mano in aerea di rigore di Astori (6.5) che non c’è in quanto il tocco avviene con il bacino. Maxi Olivera (5) crossa dalla sinistra, Babacar calcia violento ma centrale con il portiere che respinge perchè di fatto il pallone gli carambola addosso. Nel finale di primo tempo ci prova ancora Pelkas che trova la risposta di Tatarusanu (6.5). Pericoloso da fuori Borja Valero (5.5) che trova pronto Glykos. – Nonostante non siano arrivati dei gol dalla partita in questione il primo tempo è stato davvero molto divertente con occasioni che sono fioccate da una parte e dall’altra;- La squadra greca mostra qualche buona individualità, ma anche i limiti di una fase organizzativa che lascia davvero molti dubbi. Non dovrebbe essere difficile per la viola archiviare con una vittoria la pratica; – E’ l’unico a mettere pressione alla difesa viola e soprattutto l’unico a calciare verso la porta difesa da Tatarusanu; – Il capitano dovrebbe brillare per personalità, ma praticamente non si vede rimanendo spesso nascosto tra le maglie di un centrocampo viola che lo sovrasta; FIORENTINA 6.5 – E’ mancato il guizzo decisivo, ma questa squadra viola può ancora migliorare, dimostrando di essere una squadra con tanto talento anche se a volte con poco cinismo; – Nonostante anche oggi pecchi in alcune decisioni è giocatore maturo e probabilmente quello maggiormente cresciuto in questo suo percorso viola; – Inizio thriller con un paio d’errori davvero grossolani. Serve poi una ciliegina a Babacar che spara sul portiere avversario; – E’ bravissimo a non farsi trascinare nelle decisioni da un pubblico che potrebbe mettere soggezione. Non sbaglia niente. 

Matteo Fantozzi

Glykos 6.5: quando viene chiamato in causa risponde sempre presente. Buona prova;
De Matos 6: rapido e tecnico, prova diverse volte a rendersi pericoloso;
Leovac 5.5: in difficoltà fisiche e tattiche, gara negativa;
Cimirot 5: poca velocità, poca interdizione, partita da dimenticare;
Mendes 5.5: soffre al centro del campo, senza riuscire mai ad essere decisivo;
Tzavellas 5: corre molto, ma spesso lo fa a vuoto;
Varela 6: l’unico a tenere a galla la baracca in mezzo alla difesa;
Djalma 5: si vede poco, non riesce mai ad essere pericoloso; (57′ Crespo 6): entra e si mette a disposizione della squadra;
Pelkas 6: è l’unico dei suoi che davanti riesce ad arrivare dalle parti di Tatarusanu, difficile da comprendere il suo cambio nella ripresa; (57′ Skakhov 5.5): tanto fumo e niente arrosto, non riesce nonostante i buoni propositi a fare qualcosa;
Kanas 5.5: gara senza spunti e con poca proposizione davanti;
Athanasiadis 5: non riesce ad essere rapido tra i reparti, prestazione al di sotto delle aspettative; (79′ Thiam sv)

All. Ivic 5: troppo rinunciatario tra le mura amiche.

Tatarusanu 6.5: in un paio d’occasioni è costretto all’uscita o alla parata su tiro dalla distanza e lo fa bene. L’unica parata di livello veramente complicata la deve fare nel finale su Fernandes;
Gonzalo 6.5: grintoso, sempre sul pezzo, gioca una partita di grande personalità non sbagliando praticamente niente;
Astori 6.5: attento e preciso nelle chiusure, non deve fare molto per fermare gli attaccanti avversari. Gioca una buona partita;
Tomovic 6.5: buona prova sulla corsia, giocatore completo e di grande utilità;
Salcedo 6: partita sufficiente per applicazione e grande dedizione, non tende ad esagerare e forzare le giocate ma si limita al suo compito. Esce con un problema fisico alla fine; (73′ Bernardeschi sv)
Badelj 6.5: primo tempo e inizio della ripresa da otto, poi cala nel finale. E’ autore di una grande prestazione, giocando sempre con intelligenza;
Maxi Olivera 6: nel primo tempo soffre molto, nella ripresa invece cresce e mette anche un paio di palle dentro molto importanti;
Ilicic 5.5: evanescente, si vede poco quando si propone davanti e spesso sbaglia le scelte quando deve servire gli attaccanti. Nella ripresa lascia spazio a un giocatore più difensovi per permettere a Borja Valero di essere portato dietro le punte; (62′ Sanchez) 6: porta fisicità al centrocampo;
Borja Valero 5.5: non nella migliore delle condizioni fisiche, fatica a trovare la sua posizione;
Kalinic 6: generoso, davanti si muove molto anche se oggi punge pochissimo;
Babacar 5.5: si divora un gol nel primo tempo, calciando smarcatissimo al centro dell’area di rigore addosso a Glykos. Colpisce poi debolmente nella ripresa quando viene pescato dentro da Badelj. Occasione per lui sprecata; (76′ Tello sv)

All. Sousa 6.5: buona prova in trasferta dove la viola avrebbe meritato anche di più.

I commenti dei lettori