CATANIA MATERA NON SI GIOCA / I lucani non si presenteranno al Massimino: sarà 3-0 a tavolino (Serie C)

Catania Matera non si gioca. I lucani non si presenteranno al Massimino: sarà 3-0 a tavolino nel girone C di una Serie C sempre in crisi

23.01.2019, agg. alle 18:31 - Mauro Mantegazza
Lodi_Russotto_Catania_gol_lapresse_2018
I calciatori del Catania esultano dopo un gol (foto LaPresse)

Catania Matera non si gioca: lo sciopero dei giocatori della prima squadra del Matera prosegue e nessun tesserato della società lucana si presenterà al Massimino, di conseguenza il Catania beneficerà della vittoria per 3-0 a tavolino. Ricordiamo che da regolamento il Catania dovrà comunque presentarsi in campo, insieme all’arbitro che farà trascorrere 45 minuti, terminati i quali sarà sancita la mancata disputa della gara che farà poi decretare dal giudice sportivo il 3-0 a tavolino. Ricordiamo che già da diverse giornate il Matera non gioca con la prima squadra: dopo alcune batoste incassate dai ragazzi della Berretti, adesso la situazione si fa ancora più grave. Infatti, se il Matera dovesse saltare altre partite potrebbe materializzarsi il fantasma della radiazione per i lucani. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

PRESENTAZIONE PARTITA

Catania Matera, diretta dall’arbitro Eduart Pashuku della sezione Aia di Albano Laziale, è una partita della ventiduesima giornata del girone C di Serie C in programma alle ore 20.30, ma più che di calcio giocato si deve parlare di problemi extra campo, purtroppo una costante nella terza serie del calcio italiano. Infatti il Matera sta vivendo una crisi nera e nelle scorse tre giornate per i lucani è sempre scesa in campo la formazione Berretti, con esiti evidentemente pessimi in campo, come lo 0-4 casalingo contro la Sicula Leonzio di domenica; non si pensa però alla classifica a Matera, quanto alla pura e semplice sopravvivenza della società, che comincia ad essere a rischio. Prosegue lo sciopero dei giocatori della prima squadra, tanto che il presidente aveva chiesto il rinvio di Catania Matera, ipotesi però che la Lega Pro ha rigettato con forza. I siciliani dovranno cercare di approfittare del caos che regna in casa Matera, perché il Catania deve rialzarsi dopo la sconfitta nel derby di Siracusa, provando a rilanciare una marcia che finora ha portato 37 punti in classifica alla causa dei rossazzurri.

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA PARTITA

Come sempre le partite di Serie C non sono trasmesse in diretta tv, ma anche per Catania Matera l’appuntamento è con il portale elevensports.it: tutti gli abbonati potranno dunque seguire la partita in diretta streaming video, utilizzando apparecchi mobili come PC, tablet e smartphone. Senza abbonamento, sarà comunque possibile anche acquistare il singolo evento su questo sito.

PROBABILI FORMAZIONI CATANIA MATERA

Parlare delle probabili formazioni di Catania Matera significa inevitabilmente ricordare che il Matera nelle ultime tre giornate ha schierato la formazione Berretti, con conseguenza una sconfitta per 6-0 contro la Reggina e due per 4-0 contro Rieti e Sicula Leonzio. Da qui la richiesta di rinvio da parte del presidente, che però è stata respinta dalla Lega Pro. Il Matera dunque annaspa, dall’altra parte il Catania potrebbe approfittare di questo turno agevole per fare turnover e mettere minuti nelle gambe delle seconde linee: un evidente vantaggio per i siciliani, che d’altronde non hanno certamente colpe per i guai del Matera, che mettono a rischio anche il regolare svolgimento del campionato.

PRONOSTICO E QUOTE

Per quanto riguarda infine il pronostico su Catania Matera, bisogna sottolineare che molte agenzie di scommesse nemmeno quotano la partita, a causa delle difficoltà del Matera che rendono il Catania favorito in modo fin troppo evidente per la vittoria nella partita di stasera. I problemi del Matera non sono nemmeno un caso isolato in una Serie C in cui ci sono troppe società in bilico: spesso il calcio giocato – e anche il gusto di scommettere su come finirà una partita – passano dunque in secondo piano, si spera che prima o poi arrivi la tanto sospirata riforma che possa ridare un po’ di credibilità al sistema calcio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA