Calciomercato Roma/ News, Adriano ad un passo: si tratta sull’ingaggio. Notizie al 29 e 30 maggio (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Roma, svolta del club giallorosso che ha rotto gli indugi ed ha presentato una proposta concreta per avere in cambio Adriano del Barcellona: ecco il punto

AdrianoCorreia_juve
Adriano Correia (infophoto)

Potrebbe essere Adriano il colpo per la fascia sinistra della Roma durante il calciomercato estivo. Stando alle ultime indiscrezioni circolanti, il terzino mancino del Barcellona è pronto a lasciare il Camp Nou e i giallorossi hanno rotto gli indugi presentando un’offerta concreta. Il club catalano vuole una decina di milioni di euro, una cifra ritenuta equa dal direttore sportivo Walter Sabatini. Ora, però, bisognerà trattare sull’ingaggio dello stesso ex Siviglia: il calciatore percepisce attualmente circa 3 milioni di euro netti annui fino al 30 giugno del 2017, e la dirigenza della Roma proverà ad abbassarlo, magari spalmandolo su un contratto pluriennale fino al 2018. Adriano ha 29 anni e di conseguenza non è utopico ipotizzare un contratto di quattro anni, fino a quando lo stesso avrà 33 anni. L’idea di virare sul blaugrana si è avuta nelle ultime ore, dopo che la Roma ha deciso di dire addio a Kolarov che pretende ben 4 milioni all’anno. La notizie di Adriano in giallorosso è stata anche “confermata” dall’agente dello stesso, Paulo Affonso, che intervistato dai microfoni di Fcinternews.it ha ammesso: «Adriano sta bene al Barcellona. Con i blaugrana ha giocato il 70% delle partite da titolare e abbiamo rinnovato un anno fa il suo contratto, un biennale con opzione per il terzo. Opzione che scatterà automaticamente se il ragazzo conseguirà determinati risultati nei primi due anni di contratto garantiti. Un contratto molto pesante e importante, con anche dei premi individuali e di squadra. Ho dei buoni rapporti con le dirigenze delle grandi squadre italiane, come dimostra il trasferimento di Rafael Cabral al Napoli. Ad Adriano piacerebbe giocare nella Serie A ed è un suo obiettivo, però in questo momento storico credo sia difficile. Ad ogni modo, credo che in futuro giocherà in una grande squadra italiana».

Se Mehdi Benatia lascerà la Roma a breve, il calciomercato estivo giallorosso prenderà una piega nettamente differente rispetto ai programmi. Con circa 35/40 milioni di euro (la cifra che i capitolini pretendono in cambio del nazionale marocchino), il direttore sportivo Walter Sabatini potrebbe dare vita a tre acquisti di assoluto livello, a cominciare dalla difesa. Sono moltissimi i nomi accostati in questi giorni alla Roma, si parte dai soliti Astori (Cagliari) e Paletta (Parma), che sognano entrambi il salto di qualità, senza dimenticarsi naturalmente delle varie opzioni estere, leggasi Lovren, Schar, Alderweireld, Mangala e Vertonghen, con l’aggiunta di Marko Basa, nazionale montenegrino classe 1982 del Lille che Rudi Garcia conosce molto bene. L’altro reparto che verrà ritoccato in maniera importante con i soldi di Benatia sarà l’attacco. Per la zona più avanzata del campo si proverà ad acquistare un nuovo centravanti, e il nome in cima alla lista dei desideri è quello del giovane Lukaku del Chelsea, nonché un esterno d’attacco. Per quest’ultimo ruolo, oltre ai soliti Cerci e Iturbe, attenzione anche ad Aubameyang del Borussia Dortmund e a Xherdan Shaqiri, nazionale svizzero in partenza dal Bayern.

Potrebbe svoltare da un giorno all’altro il calciomercato della Roma. Il tutto ruota attorno a Mehdi Benatia, difensore centrale dei giallorossi, che sembra veramente destinato a lasciare Trigoria a breve. Stando alle ultime indiscrezioni circolanti il Manchester City avrebbe presentato un’offerta concreta pari a 22 milioni di euro, ma la Roma ha rimandato prontamente al mittente la proposta, volendo almeno 35 milioni di euro. Intanto la società capitolina prosegue il suo braccio di ferro nei confronti del difensore marocchino e del suo agente, Moussa Sissoko: «Noi non abbiamo messo sul mercato Benatia – fanno sapere dalla capitale – ha fatto tutto lui, tutto da solo». Il tutto sarà probabilmente più chiaro nella giornata di domani quando Sabatini parlerà in conferenza stampa e svelerà ogni possibile segreto. Nel frattempo Castan ha rinnovato ufficialmente fino al 30 giugno del 2018 e nell’occasione James Pallotta, il patron, ha mandato una frecciatina a Benatia: «Castan è uno dei principali motivi per cui la nostra difesa è stata così forte».

Ufficiale: la Roma ha rinnovato il contratto di Leandro Castan fino al 30 giugno 2018 (il precedente accordo scadeva nel 2016). Come si può leggere sul sito ufficiale della squadra, il presidente James Pallotta ha dichiarato: “Siamo estremamente felici ed onorati di aver prolungato il contratto di Castan per altri due anni. Lui è uno dei principali motivi per cui la nostra difesa è stata così forte la scorsa stagione e vogliamo che lo sia per molte altre ancora con la maglia della Roma“. Per Castan 40 presenze nella stagione appena conclusa: 36 in Serie A e 4 in Coppa Italia.

, riporta un’indiscrezione di RomaNews.eu, è stato avvistato in un famoso albergo di Roma. Ha soggiornato lì passando la notte, ed è naturale che in un periodo come questo nascano suggestioni, ipotesi e domande: che il centrocampista maliano possa essere vicino a vestire la maglia giallorossa? Chiaramente è anche possibile che si sia trattato di un viaggio di piacere, però è senz’altro vero che Walter Sabatini è alla ricerca di un giocatore esperto che possa fungere da seconda linea e dare il cambio a Daniele De Rossi ma soprattutto a Kevin Strootman, che fino a settembre sarà ancora ai box per la lesione del legamento crociato. E’ in scadenza di contratto, gioca nel Valencia e dal primo luglio sarà libero di scegliersi la squadra: un colpo a parametro zero non indifferente, perchè d’accordo che gli anni migliori sono alle spalle ma se hai fatto parte del Barcellona che ha vinto 14 trofei in quattro anni di sicuro l’esperienza non ti manca e ti puoi mettere al servizio della squadra anche come leadership nello spogliatoio. I giallorossi giocheranno la Champions League e un gicoatore simile potrebbe fare molto comodo a Rudi Garcia. Vedremo dunque se ci saranno sviluppi; la Roma comunque è già concentrata sul calciomercato, sa bene di cosa ha bisogno e se ci sarà una minima occasione di mettere le mani su un giocatore come Keita non se la farà di certo sfuggire.

Se durante il calciomercato estivo la Roma cederà Mehdi Benatia, la dirigenza giallorossa potrebbe sostituire il nazionale marocchino con un difensore centrale di altrettanto valore. L’ultima idea partorita dall’abile mente del direttore sportivo Walter Sabatini, si chiama Miranda dell’Atletico Madrid. Il brasiliano viene da una stagione a dir poco sensazionale fra le fila dei Colchoneros, indubbiamente il migliore nel suolo ruolo nella Liga. Nelle scorse ore il giocatore è stato accostato con forza al Barcellona, ma pare che l’idea non soddisfi in pieno Luis Enrique, che cerca un difensore centrale ma con altre caratteristiche rispetto al sudamericano. La Roma, invece, lo accoglierebbe volentieri ed avrebbe predisposto un assegno da circa 15 milioni di euro, una cifra ricavabile dalla cessione di Benatia, e che dovrebbe soddisfare le richieste dei campioni di Spagna. Miranda ha il contratto in scadenza al 30 giugno del 2016, ed è nel mirino anche del Manchester United. Fra gli aspetti da non sottovalutare, il fatto che il biancorosso sia destro di piede e ciò permeterebbe un sodalizio perfetto con il mancino (e connazionale), Castan.

Continuano i sondaggi in casa Roma con l’obiettivo di individuare, durante il calciomercato estivo, un giocatore da innestare sulle corsie. Oltre alla fascia mancina, per cui i rumors si sprecano, la dirigenza capitolina sta portando avanti dei discorsi anche per la corsia di destra, attualmente presieduta da Maicon. In arrivo c’è il giovane talento brasiliano Abner, ma sarà difficile gettare nella mischia il talento verdeoro, e di conseguenza il ds Sabatini si starebbe guardando attorno in cerca di un altro innesto. Moltissimi i nomi circolanti ma attenzione a una delle idee inedite, quella riguardante Serge Aurier. Si tratta di un calciatore classe 1992 che milita nella nazionale ivoriana e che gioca fra le fila dei francesi del Tolosa. Il ragazzo piace alla dirigenza della Roma visto che può essere schierato in più posizioni: terzino destro, interno di centrocampo e infine difensore centrale in una difesa a quattro. Il valore di Aurier è in ascesa e attualmente ha toccato quota 6,5 milioni di euro, complice anche il contratto in scadenza al 30 giugno del 2018.

Continua ad esserci Clement Grenier in cima alla lista dei desideri della Roma per il calciomercato della prossima estate. Il classe 1991 del Lione è accostato ai giallorossi da qualche giorno a questa parte e nelle ultime ore pare che il direttore sportivo Walter Sabatini abbia intensificato i contatti con la società transalpina quanto con l’entourage dello stesso giocatore. Grenier è molto stimato in casa Roma soprattutto da mister Rudi Garcia, che per anni ne ha potuto ammirare da vicino le prestazioni in campo. Ancora giovane, nazionale francese e in grado di occupare più ruoli a centrocampo, Grenier ha una valutazione di circa 10 milioni di euro, una cifra più che spesa bene per uno dei migliori centrocampisti dell’intera Ligue 1. L’operazione potrebbe subire un’accelerazione soprattutto se Mehdi Benatia dovesse fare le valigie e la Roma introitare quei 35/40 milioni di euro che andrebbero appunto a rimpolpare le casse del club capitolino. L’alternativa a Grenier sembrerebbe essere Guarin, che l’Inter avrebbe offerto alla Lupa per ottenere in cambio Destro.

Se Mehdi Benatia potrebbe lasciare la Roma nel prossimo calciomercato, dopo i recenti sviluppi legati all’aumento di stipendio, Kevin Strootman non si muoverà dalla capitale. Nel calciomercato nulla è mai sicuro ma secondo le indiscrezioni in arrivo dall’Inghilterra la Roma non nessuna intenzione di intavolare trattative per il centrocampista olandese, acquistato l’estate scorsa dal PSV Eindhoven per 16.5 milioni di euro più bonus. Il portale footballdirectnews.com riporta il cortese ma deciso ‘no grazie’ risposto da Walter Sabatini al Manchester United, che ha provato a chiedere informazioni sul nazionale oranje. Il nuovo allenatore dei Red Devils è Louis Van Gaal, che stima moltissimo Strootman anche per averlo allenato nella nazionale olandese: la volontà della Roma riguardo al numero 6 è però molto chiara, Benatia o non Benatia. 

La vicenda Benatia tiene banco nel calciomercato della Roma. Le dichiarazioni pubbliche del difensore, prima dal ritiro del Marocco e poi alla Gazzetta dello Sport, hanno deluso i tifosi giallorossi anche se contestualmente Benatia ha fatto capire di non voler forzare la partenza da Roma. Di tutta la vicenda non è sorpreso l’ex terzino della Lupa e della nazionale (7 presenze) Alberto Di Chiara, che ha analizzato la situazione nell’intervista rilasciata a ilsussidiario.net dal titolo ‘Benatia? Situazione normale. Il vero problema è in attacco‘ (clicca qui per leggerla integralmente). Focus anche sull’attacco: secondo Di Chiara il reale nodo di calciomercato per la squadra di Rudi Garcia sarà nel reparto avanzato, legato ad uno dei giocatori più importanti della rosa attuale. 

Mehdi Benatia resta al centro delle news dei calciomercato relative alla Roma. Il difensore marocchino ha parlato alla Gazzetta dello Sport lamentandosi del basso aumento di stipendio propostogli dalla società, che a suo dire non era in linea con le promesse di inizio stagione. Le situazione resta aperta e la cessione possibile: secondo l’agente FIFA Raffaele Ottavio la squadra più in vantaggio per lui è il Barcellona, che sta cercando un difensore per sostituire Carles Puyol. Ottavio ha parlato anche di Mattia Destro, nell’intervista rilasciata a ilsussidiario.net dal titolo ‘Benatia, Barcellona in pole. Destro rimane ma…‘. Prima che si aprisse la questione Benatia si parlava di un’offerta pronta dalla Germania per Destro, con il Wolfsburg intenzionato a mettere sul piatto 30 milioni di euro. Ora le voci in tal senso si sono raffreddate: Clicca qui per leggere l’intervista integrale con Raffaele Ottavio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori