DIRETTA MILANO PESARO/ Risultato finale 111-74: Nunnally show, l’Olimpia demolisce la Vuelle! (Serie A1)

Diretta Milano Pesaro, risultato finale 111-74: l’Olimpia domina il quarto periodo e sigilla una vittoria netta contro la Vuelle, benissimo James Nunnally e Amedeo Della Valle.

10.02.2019, agg. alle 19:47 - Mauro Mantegazza
simone_pianigiani_olimpiamilano_lapresse_2017
Diretta Milano Pesaro basket (LaPresse)

DIRETTA MILANO PESARO (RISULTATO FINALE 111-74)

Milano Pesaro 111-74: senza mai tirare il freno a mano, ma dando anche la sensazione di giocare con le marce basse, l’Olimpia vince una partita importante e conferma il suo primo posto in Serie A1, con distacco sulle avversarie. James Nunnally indica la via, Simone Fontecchio e Amedeo Della Valle la seguono; i tre singoli che emergono al Mediolanum Forum sono loro (per l’ex Avellino ci sono 25 punti con 9/11 al tiro), ma è tutta la squadra di Simone Pianigiani che ancora una volta dimostra di essere più profonda e competitiva di qualunque altra. Soprattutto di Pesaro, che dipende troppo dal suo quintetto: la Vuelle non trova contromisure, manda in doppia cifra i suoi tre tenori (James Blackmon, Erik McCree e Lamond Murray) ma quando le seconde linee sono in campo fatica enormemente a generare punti. La partita di fatto è durata un quarto: nel secondo periodo Milano ha aumentato i giri del motore e si è presa un vantaggio di 31 punti che Pesaro non è riuscita ad arginare. Altra sconfitta pesantissima per la squadra di Matteo Boniciolli, che comunque sapeva di non doversi giocare la salvezza su questo campo. (agg. di Claudio Franceschini)

MILANO PESARO (80-49): 4^ QUARTO

Milano Pesaro 80-49: anche nel terzo quarto continua il dominio dell’Olimpia, che abbassa leggermente i ritmi e, forte degli oltre 30 punti di vantaggio maturati nel primo tempo, non ha assolutamente fretta o necessità di correre e si accontenta di tenere a debita distanza la Vuelle. La quale dunque ritrova un po’ di fluidità offensiva con Lamond Murray che tocca la doppia cifra per punti segnati, ma rimane comunque al passivo di parecchio: eventualmente potrà provare a ridurre il gap nel quarto periodo sfruttando il fatto che molto probabilmente Simone Pianigiani aprirà la sua panchina ai giovani. Il tecnico senese per il momento continua a cavalcare i suoi titolari: si rivede Christian Burns che ha già cifre che potrebbero spingerlo vero la doppia doppia, Amedeo Della Valle si diverte al tiro e negli assist ed è sempre James Nunnally a dominare la partita del Mediolanum Forum. Al termine manca un solo quarto: staremo a vedere quale sarà il risultato, sulla vittoria di Milano realisticamente e logicamente non sembrano esserci più dubbi. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Milano Pesaro non è una delle partite che sono trasmesse in diretta tv per questa giornata: l’appuntamento è soltanto sul portale Eurosport Player, una piattaforma alla quale bisogna abbonarsi pagando una quota e che, come sappiamo, manda in onda tutte le partite del campionato di basket in diretta streaming video, usufruendo dunque di apparecchi mobili come PC, tablet e smartphone. Per quanto riguarda invece il sito www.legabasket.it, vi troverete tutte le informazioni utili come il tabellino play-by-play e le statistiche dei giocatori in campo al Mediolanum Forum di Assago.

MILANO PESARO (59-28): 3^ QUARTO

Milano Pesaro 59-28: come spesso accade, una volta scaldatasi l’Olimpia prende in mano la situazione e archivia la pratica di Serie A1 con largo anticipo. Il secondo quarto è trionfale per la capolista del campionato: lo è sicuramente per Simone Fontecchio, che permette a James Nunnally di rifiatare in panchina e arrivando in doppia cifra guida la sua squadra verso un vantaggio che arriva addirittura ai 31 punti attuali con la schiacciata di Nemanja Nedovic. Pesaro non c’è, decisamente; ne approfittano un po’ tutti i giocatori del roster milanese per ritoccare le proprie statistiche, la Vuelle non trova il solito contributo dei migliori realizzatori del campionato (i già citati James Blackmon e Erik McCree) e inevitabilmente si stacca molto presto. Per di più Pesaro sta perdendo nettamente una partita nella quale controlla più rimbalzi, ma la differenza la sta facendo la percentuale dall’arco: l’Olimpia tira con il 50%, la Victoria Libertas ha un pessimo 2/10. Il secondo tempo riaprirà la sfida? A vederla per adesso parrebbe proprio di no, ma la storia del basket è anche fatta di miracoli… (agg. di Claudio Franceschini)

MILANO PESARO (29-18): 2^ QUARTO

Milano Pesaro 29-18: come ci aspettavamo, al Mediolanum Forum l’Olimpia parte forte senza accusare la fatica per la partita di Eurolega, ed è intenzionata a chiudere subito i conti per cancellare la sconfitta a tavolino maturata a Pistoia. James Nunnally, proprio il giocatore “incriminato”, è devastante nel primo tempo: arrivano 16 punti con 6/7 dal campo e 4/4 dall’arco, 2 rimbalzi e 3 assist per una prestazione da assoluto MVP che conferma quanto l’ex di Avellino e Fenerbahçe possa essere determinante in questo campionato di Serie A1. Simone Pianigiani concede spazio anche a SImone Fontecchio che lo ripaga con una tripla e, senza alcuni dei suoi big (Mike James e Mindaugas Kuzminskas, ma anche Vlado Micov ancora non entrato sul parquet) domina comunque contro una Vuelle che, a parte un ispirato Lamond Murray, sembra non trovare le giuste contromisure alla capolista. Erik McCree e James Blackmon non si sono ancora messi in ritmo; vedremo se nel proseguimento della partita ce la faranno, per il momento la vittoria di Milano è netta e si potrebbe addirittura ampliare. (agg. di Claudio Franceschini)

MILANO PESARO (0-0): PALLA A DUE!

Tutto è pronto per Milano Pesaro, in attesa della palla a due per questa partita della Serie A di basket facciamo un breve tuffo nel passato per ricordare un periodo glorioso tra la fine degli Ottanta e i primi anni Novanta, forse il più bello della storia dell’Olimpia grazie in particolare alla vittoria di due Coppe dei Campioni consecutive nel 1987 e 1988 e senza ombra di dubbio invece il momento più glorioso nella storia della Victoria Libertas allora griffata Scavolini, che vinse due scudetti nel 1988 e nel 1990, il primo tra l’altro battendo in finale proprio l’Olimpia Milano che nelle stesse settimane si confermava per la seconda volta consecutiva sul tetto d’Europa. In seguito poi sono arrivati anni molto più difficili sia per Milano sia per Pesaro, adesso i lombardi sono tornati a volare sotto la cura di patron Giorgio Armani, per i marchigiani invece l’obiettivo è la permanenza nella massima categoria. Parola però adesso al campo, perché l’attualità incombe: Milano Pesaro comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE DICHIARAZIONI DI BONICIOLLI

La diretta di Milano Pesaro è sempre più vicina, dopo avere letto le parole di Simone Pianigiani andiamo allora a leggere anche le dichiarazioni di Matteo Boniciolli, allenatore di Pesaro, al termine della partita persa in volata dalla sua Victoria Libertas contro Venezia nella scorsa giornata di campionato: “Il concetto molto letterario del perdere giocando una grande partita non mi convince perché perdere così fa male anche di fronte ad una grande squadra a cui vanno i nostri complimenti perché sono rientrati dal -21. La nostra difesa ha tenuto per tre quarti e poi ha avuto un calo ma è normale, ed è coincisa con la qualità dei loro giocatori. Ho detto ai miei giocatori che questo tipo di pallacanestro che abbiamo giocato è legata alla qualità della prestazione offerta e dipende esclusivamente dalla qualità del loro impegno mentale e fisico nel lavoro di questo mese. Le sconfitte insegnano di più che le vittorie perché siamo anche riusciti a migliorare molto anche l’approccio alla partita: abbiamo cominciato bene, abbiamo tenuto, abbiamo giocato anche momenti di pallacanestro di grande qualità. Abbiamo difeso, ci siamo passati la palla ed alla fine dei conti se quel tiro di Artis fosse entrato staremmo a parlare di una vittoria contro Venezia. Dobbiamo lavorare con la stessa rabbia e la stessa cattiveria messa per preparare questo periodo. Un lavoro di grande qualità in questo ultimo mese con dei miglioramenti evidenti. La panchina ce l’abbiamo con dei limiti ma ce l’abbiamo e bisogna dare fiducia ai giocatori che si hanno”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE PAROLE DI PIANIGIANI

Verso la diretta di Milano Pesaro, facciamo un passo indietro alla precedente uscita dell’Olimpia Milano in campionato. Al di là del caso Nunnally, questo era stato il commento del coach Simone Pianigiani alla partita giocata dai suoi ragazzi sul parquet di Pistoia, come riportato dal sito ufficiale dell’Olimpia: “Pistoia ha giocato una bella partita, non ha mai mollato eppure noi siamo partiti in modo molto serio. La mia squadra non ha mai sbagliato approccio quest’anno. Avevamo un quintetto mai visto prima, con tanti assetti diversi tanto che abbiamo giocato una gara un po’ superficiale nelle scelte. Adesso ci aspetta una seconda parte di stagione in cui dovremo essere cinici, andare al ferro, prendere falli e non farsi ingolosire dai tiri da tre perché avremo un assetto differente. Mi è piaciuto l’atteggiamento ma dovremo essere un po’ più lucidi nelle scelte. Siamo ancora un po’ sotto shock perché da un mese ci sentivamo vicini a poter competere con la squadra al completo e invece non succederà mai. Questo emotivamente lascia il segno. Mentalmente sarà un buon esame per costruire per il futuro e per finire forte una stagione ancora molto lunga”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE DEL MATCH

Milano Pesaro, diretta dagli arbitri Mark Bartoli, Gabriele Bettini e Giulio Pepponi, si gioca oggi, domenica 10 febbraio 2019, presso il Mediolanum Forum di Assago alle ore 18.15 per la diciannovesima giornata del campionato di Serie A di basket che vede l’Olimpia saldamente in testa alla classifica. Milano Pesaro infatti è una partita che profuma di grande storia, ma che racconta pure un presente molto diverso tra l’AX Armani Exchange Milano e la Victoria Libertas Pesaro, che deve invece pensare alla lotta per la salvezza. I marchigiani infatti hanno appena 12 punti in classifica, frutto di sei vittorie e dodici sconfitte nelle 18 partite disputate fino a questo momento: in casa dell’Olimpia non è certo l’occasione ideale per invertire la tendenza, ma è pure vero che Pesaro non ha nulla da perdere e potrebbe invece approfittare del tour de force che Milano sta vivendo anche nel mese di febbraio, con tra l’altro il primo grande evento della stagione, cioè la Final Eight di Coppa Italia, davvero imminente.

RISULTATI E PRECEDENTI

Verso Milano Pesaro, possiamo ricordare che nel vivace mese di febbraio c’è stato per l’Olimpia anche il caso Nunnally che ha infiammato la settimana, tra l’altro avendo ripercussioni anche nella lotta per la salvezza, che naturalmente interessa molto da vicino anche Pesaro. In ogni caso, non c’è dubbio sul fatto che in Italia la squadra di Simone Pianigiani sia la più forte: in questo momento anzi il campionato passa in secondo piano, perché incombe la Coppa Italia e anche in Eurolega sta arrivando il momento decisivo, con il numero delle partite della stagione regolare che va riducendosi – e tanto per cambiare, oggi si tornerà in campo a nemmeno 48 ore dalla partita di venerdì sera contro il Darussafaka. Pesaro è invece reduce dalla sconfitta subita per appena tre punti settimana scorsa contro Venezia, che ha comunque dato buone indicazioni sul livello di competitività della Victoria Libertas anche contro una big come la Reyer. Oggi, in casa dell’Olimpia Milano, il livello di difficoltà sarà ancora più alto, tuttavia i marchigiani affronteranno la partita con la serenità di chi non ha nulla da perdere, sognando un colpaccio che potrebbe avere effetti straordinari nella corsa verso la salvezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA