DIRETTA/ Reggio Emilia Milano (risultato finale 67-71): Kuzminskas lancia l’Olimpia!

Diretta Reggio Emilia Milano, risultato finale 67-71: al termine di una partita sempre in equilibrio l’Olimpia esce dal PalaBigi con una vittoria, MVP della serata è Mindaugas Kuzminskas.

11.03.2019, agg. alle 22:15 - Mauro Mantegazza
pascolo_olimpiamilano_reggioemilia_basket_lapresse_2016
Diretta Reggio Emilia Milano: un precedente (LaPresse)

DIRETTA REGGIO EMILIA MILANO (RISULTATO FINALE 67-71)

Reggio Emilia Milano 67-71: l’Olimpia vince l’ennesima partita del suo campionato e, espugnando il PalaBigi, mantiene il suo confortante vantaggio su Venezia e tutte le inseguitrici. Nel quarto periodo la Grissin Bon, la cui situazione di classifica è sempre più preoccupante, ha provato ad avvicinarsi ulteriormente ma alla fine Milano ha allungato le mani sul successo grazie a Mindaugas Kuzminkas, che chiude con 14 punti e 5 rimbalzi, e il solito Mike James che nonostante il pessimo 4/17 al tiro produce 14 punti, 5 rimbalzi e 7 assist. Doppia cifra anche per Kaleb Tarczewski (10 punti) mentre gli ex Amedeo Della Valle e Andrea Cinciarini combinano per 12 punti, 9 dei quali della guardia con il doppio 0. Per Reggio Emilia grande prestazione di un Bryon Allen da 21 punti e 5 rimbalzi con 9/19 dal campo, anche se spesso e volentieri si è eclissato dal gioco; Federico Mussini, con 11 punti, è l’unico altro giocatore in doppia cifra all’interno di una squadra che ha sicuramente tenuto bene il campo contro la capolista, ma che alla fine ha pagato la minore qualità e le rotazioni meno ampie. Dunque adesso per la Grissin Bon salvarsi diventa complicato, mentre l’Olimpia Milano continua a volare. (agg. di Claudio Franceschini)

REGGIO EMILIA MILANO (51-58): 4^ QUARTO

Reggio Emilia Milano 51-58: potrebbe essere l’allungo giusto quello dell’Olimpia nel terzo periodo. Iniziato in fotocopia rispetto al secondo: grande partenza degli ospiti che scavano un 6-0 grazie a Jeff Brooks e kaleb Tarczewski, immediatamente ripresi dalla Grissin Bon che con le triple di Bryon Allen e Michael Dixon si riportano a contatto. Si rimane in equilibrio per un po’ e Federici Mussini diventa protagonista insieme a Bryon Allen che ritrova la via del canestro, ma poi l’Olimpia strappa nuovamente con il talento di Mike James che torna a produrre offensivamente e mette 7 punti di margine tra le due squadre. Sicuramente non si tratta ancora di un distacco da sicurezza, ma quando Milano inizia a far girare la palla con costrutto diventa poco arginabile, perché ha troppi giocatori in grado di fare la differenza offensivamente; adesso dunque vedremo se la Reggiana troverà ancora la forza di mettersi a contatto e rendere gli ultimi minuti di questa partita un punto a punto, o se invece si staccherà inevitabilmente consegnando alla capolista di Serie A1 l’ennesima vittoria di questo campionato, nuovamente dominante. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà possibile assistere alla diretta tv di Reggio Emilia Milano, che non è tra le partite trasmesse per questa giornata di campionato; tuttavia l’appuntamento classico per tutti gli appassionati è sulla piattaforma Eurosport Player, che fornisce a tutti gli abbonati l’intera gamma delle gare di Serie A in diretta streaming video. Dovrete dunque dotarvi di apparecchi mobili come PC, tablet e smartphone per seguire la sfida, mentre sul sito ufficiale www.legabasket.it sono consultabili le informazioni utili come il tabellino play-by-play e le statistiche dei giocatori in campo al PalaBigi.

REGGIO EMILIA MILANO (33-34): 3^ QUARTO

Reggio Emilia Milano 33-34: continua a essere bella e, soprattutto, aperta la partita del PalaBigi. L’Olimpia prova a scappare con un parziale di 8-0 spinto da Mindaugas Kuzminskas, sembra l’allungo giusto e invece la Grissin Bon rientra con un controparziale da 8-0 che rimette a postole cose, con Federico Mussini che fa quello che Bryon Allen aveva fatto nel primo periodo. Dopo la sfuriata reggiana, Milano torna a mettere il naso avanti sempre con Kuzminskas e con i primi punti di Kaleb Tarczewski, ma la Reggiana resiste grazie a Riccardo Cervi e ai punti di Dixon; nel finale Andrea Cinciarini, altro grande ex della partita, diventa importante facendo la voce grossa a rimbalzo e impedendo a Reggio Emilia di allungare ulteriormente, anche se Benjamin Ortner segna un canestro che riporta i padroni di casa a contatto. Dunque tra poco torneremo a vedere quello che succederà al PalaBigi nella diretta di Reggio Emilia Milano, per adesso il posticipo della ventunesima giornata ci sta veramente facendo divertire e non appare per nulla scontata nel suo andamento. (agg. di Claudio Franceschini)

REGGIO EMILIA MILANO (18-17): 2^ QUARTO

Reggio Emilia Milano 18-17: inizio positivo di partita da parte di entrambe le squadre. La Grissin Bon dimostra la sua urgenza di prendere punti, Bryon Allen parte con il turbo e realizza 9 dei primi 15 punti con cui la squadra di casa prende il comando. L’Olimpia dal canto suo si affida quasi solo a Mike James, già chiamato agli straordinari in attacco: il playmaker realizza 8 punti e viene aiutato solo dal grande ex Amedeo Della Valle e da Vlado Micov. Sono dunque gli esterni a spingere Milano, per il momento il gioco in area non è pervenuto; tra poco inizia il secondo quarto ma quello che sarà interessante stabilire sarà ovviamente la tenuta fisica e mentale della Grissin Bon, perché giocare 40 minuti con questa intensità contro Milano risulta difficilissimo per tutti e dunque Stefano Pillastrini dovrà essere bravo anche a trovare risorse dalle sue seconde linee, attingendo costantemente alla sua panchina e alle rotazioni all’interno del roster emiliano. Per ora comunque la partita è molto bella, come abbiamo già detto: speriamo che i prossimi 30 minuti ci possano regalare uno spettacolo simile, e magari una sfida in equilibrio sino al termine. (agg. di Claudio Franceschini)

REGGIO EMILIA MILANO (0-0): PALLA A DUE!

Tutto è pronto per Reggio Emilia Milano: nei pochi minuti che ci separano dalla palla a due del posticipo della Serie A di basket è doveroso fare un passo indietro al giugno 2016, quando la Reggiana e l’Olimpia si affrontarono nella finale scudetto. Ricordo dolcissimo per l’allora EA7 Emporio Armani, che conquistò lo scudetto, ma pure per la Grissin Bon che allora si giocava per la seconda volta consecutiva una finale scudetto e adesso (nemmeno tre anni dopo) deve invece pensare solamente a conquistare la salvezza. Fu una finale conquistata con pieno merito da parte di entrambe le compagini, dal momento che Milano era la testa di serie numero 1 e Reggio Emilia la numero 2. Fattore campo rispettato nelle prime due partite al Forum di Assago (87-80 e 94-73 per Milano) ma anche nelle due successive al PalaBigi in favore di Reggio Emilia (81-72 e 81-76), la serie tornò a Milano con un successo per 97-73 dell’Olimpia in gara-5 ed infine i lombardi violarono il parquet di Reggio Emilia nella decisiva gara-6 (70-74). Adesso però non è più tempo per i ricordi, l’attualità incombe: Reggio Emilia Milano comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE PAROLE DI PIANIGIANI

Sempre più vicina la diretta di Reggio Emilia Milano, l’Olimpia dunque si ributterà sul campionato dopo la sconfitta di venerdì sera a Mosca contro il Cska, al termine di una partita che ha comunque confermato come Milano sia ormai in grado di giocarsela con chiunque. La sfida adesso è quella di mantenere alta la tensione anche in campionato, dove la posta in palio nelle singole partite è certamente minore, fino a quando non inizieranno i playoff. Domenica scorsa l’Olimpia ci era riuscita molto bene e aveva ottenuto una netta vittoria contro Torino, che coach Simone Pianigiani aveva commentato così nella conferenza stampa post-partita: “L’approccio è stato giusto, soprattutto per come abbiamo costruito i tiri e come siamo stati solidi in difesa nel primo tempo, perché loro hanno talento, e averli tenuti attorno ai 30 punti è stato importante. Poi alla lunga abbiamo un po’ abbassato i ritmi, ma ci stava perché sappiamo tutti cosa ci aspetta e soprattutto all’orizzonte c’è un ciclo di cinque gare in dieci giorni di cui tre di Eurolega (la prima è stata a Mosca, ndR) e gli scontri con seconda e terza del campionato. Ho tenuto fermo Brooks perché fisicamente era un po’ borderline”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

PARLA PILLASTRINI

Verso la diretta di Reggio Emilia Milano, possiamo adesso andare a rileggere le dichiarazioni di Stefano Pillastrini, allenatore della Grissin Bon, al termine della partita persa domenica scorsa dalla sua Reggiana contro Varese, in una sfida con la Lombardia che sarà ripetuta anche questa sera, contro un’avversaria ancora più difficile come l’Olimpia Milano. La trasferta a Varese era d’altronde un altro ostacolo durissimo per Reggio Emilia, che infatti ha incassato una sconfitta per 92-80, commentata in questo modo da coach Pillastrini nella classica conferenza stampa al termine della partita: “Dopo l’uscita di Dixon abbiamo subìto il break di Varese; poi abbiamo smesso di costruire i tiri e difendere i tabelloni, cose che su questo campo non te le puoi permettere. Dobbiamo imparare dai nostri errori, rimboccarci le maniche, siamo qui a lavorare per questo”. Oggi la controprova sarà difficilissima, ma darà risposte molto indicative: Reggio Emilia riuscirà a reggere il confronto con l’Olimpia Milano? (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Reggio Emilia Milano, diretta dagli arbitri Massimiliano Filippini, Guido Federico Di Francesco e Alessandro Perciavalle, si giocherà alle ore 20.30 di questa sera, lunedì 11 marzo 2019, presso il PalaBigi della città emiliana come posticipo che chiuderà la ventunesima giornata del campionato di Serie A di basket. Reggio Emilia Milano rievoca un passato molto recente nel quale anche la Reggiana lottava al pari dell’Olimpia per gli obiettivi più nobili, ma adesso l’attualità ci restituisce una situazione completamente differente. La Grissin Bon Reggio Emilia infatti è tristemente in coda alla classifica con appena 10 punti, frutto di sole cinque vittorie a fronte di ben quindici sconfitte nelle venti giornate già giocate da Reggio Emilia nel massimo campionato: niente sogni di gloria, l’unico obiettivo degli emiliani è conquistare la permanenza in Serie A. L’Armani Exchange Olimpia Milano viaggia invece ad altezze ben diverse, è capolista con 34 punti grazie a diciassette vittorie e tre sconfitte, di cui una a tavolino (sul campo sarebbe 18-2). Sulla carta non ci sarebbe storia, il PalaBigi riuscirà a trascinare la Grissin Bon all’impresa?

RISULTATI E CONTESTO

Reggio Emilia Milano dunque metterà di fronte due squadre che stanno vivendo stagioni completamente differenti, come ha dimostrato anche l’ultima giornata, ripresa del campionato dopo ben tre settimane di stop. La Grissin Bon infatti ha perso abbastanza nettamente a Varese, l’Olimpia Milano invece si è imposta con grande facilità su Torino. Il paragone tra la squadra di Stefano Pillastrini (giunto a Reggio Emilia da poco più di un mese in sostituzione di Devis Cagnardi) e quella di Simone Pianigiani è d’altronde improponibile, per gli emiliani dunque la speranza è quella di incrociare un’Olimpia con la testa all’Eurolega, competizione che in questo momento per Milano ha certamente la priorità rispetto al campionato. Venerdì era in campo a Mosca contro il Cska, giovedì sera invece ci sarà l’incrocio con l’Olympiakos al Forum di Assago: grandi partite e con una posta in palio senza dubbio più importante (per Milano) di quella di stasera, che invece per Reggio Emilia potrebbe valere un “bonus” inaspettato nella corsa verso la salvezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA