Diretta/ Wurzburg Varese (risultato finale 89-86): biancorossi fuori dalla Europe Cup

- Mauro Mantegazza

Diretta Wurzburg Varese (risultato finale 89-86): la Openjobmetis non fa il miracolo e viene eliminata nella semifinale di Europe Cup, in finale vanno dunque i tedeschi con pieno merito.

Ronald Moore Varese basket delusione lapresse 2019
Diretta Wurzburg Varese (Foto LaPresse)

DIRETTA WURZBURG VARESE (RISULTATO FINALE 89-86)

Wurzburg Varese 89-86: come era abbastanza chiaro prima di iniziare questa partita alla s.Oliver Arena, la Openjobmetis saluta la Europe Cup venendo eliminata in semifinale, mentre i tedeschi volano all’ultimo atto dove giocheranno contro Sassari o l’Unet Holon, che sono in campo adesso al PalaSerradimigni. Il divario di 23 punti maturato all’andata era difficilmente colmabile: per il fattore campo, per il margine in assoluto e per la superiorità che Wurzburg aveva mostrato nel corso dei 40 minuti. Questa sera non ci sono state sorprese: i tedeschi, con la fretta di chiudere subito il discorso, hanno giocato un primo quarto di straordinaria intensità e, guidati da Xavier Cooks e Devin Oliver, hanno immediatamente creato un gap che per Varese è diventato impossibile da ricucire. Nel secondo tempo la Openjobmetis ha sicuramente fatto meglio fino a prendersi anche il vantaggio, ma quando ormai il discorso era chiuso; per Attilio Caja le buone notizie sono nella grande prova offensiva di Thomas Scrubb, nel positivo rientro di Dominique Archie e nella solidità del solito Tyler Cain, sia pure in un contesto “falsato” dal doppio confronto; ora i biancorossi dovranno concentrarsi sul campionato, sabato si va a sfidare Cantù in un derby sempre sentitissimo e in questo momento cruciale per la qualificazione ai playoff che sta sfuggendo dalle mani. (agg. di Claudio Franceschini)

WURZBURG VARESE (46-32): INTERVALLO

Wurzburg Varese 46-32: come prevedibile non c’è partita nel ritorno della semifinale di Europe Cup. Dopo aver incassato 23 punti di scarto alla Enerxenia Arena la Openjobmetis ha alzato bandiera bianca, confermando la superiorità della squadra tedesca e il fatto che in questo momento sia decisamente più importante andare a caccia dei playoff in Serie A1: Wurzburg domina fin dalle prime battute volando sul 12-4, chiude il primo quarto sul +18 e poi molla leggermente gli ormeggi, accontentandosi di gestire un vantaggio che nel computo di andata e ritorno ha già toccato i 43 punti. Ormai che Varese possa rimontare è decisamente fuori parametri: per la Openjobmetis chi funziona di più è, come spesso accaduto in stagione, un Tyler Cain che domina a rimbalzo (7 catturati, con 6 punti) ma le folate di Aleksa Avramovic non arriva, Dominique Archie risente ancora dell’infortunio e in generale i tedeschi sono appunto superiori fisicamente, con Devin Oliver (10 punti e 4 rimbalzi) e Xavier Cooks (6 punti, 7 rimbalzi e 2 stoppate) che in particolare fanno la differenza. Vedremo se nel secondo tempo Varese riuscirà almeno a rendere amara un’eliminazione già segnata: la Openjobmetis allo stato attuale dovrebbe recuperare 37 punti in 20 minuti per arrivare all’overtime… (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà possibile assistere alla diretta tv di Wurzburg Varese: purtroppo le partite della FIBA Europe Cup non vengono trasmesse sui canali della nostra televisione e non sarà possibile nemmeno seguirla in diretta streaming video. Tuttavia il sito www.fiba.basketball dedica un’intera sezione a questo torneo, e in alternativa potrete visitare le pagine ufficiali della Openjobmetis Varese sui social network, che seguiranno il difficile tentativo di rimonta da parte dei ragazzi di Attilio Caja.

WURZBURG VARESE (0-0): PALLA A DUE!

Pochi minuti alla palla due di Wurzburg Varese, ci piace ricordare il blasone internazionale della squadra lombarda. Il sogno era quello di rinverdire la tradizione di Varese nelle Coppe, ma il -23 casalingo dell’andata rende molto difficile sognare in grande. La storia europea di Varese è comunque leggendaria, in particolare grazie alle ben cinque Coppe dei Campioni vinte nelle stagioni 1969-70, 1971-72, 1972-73, 1974-75 e 1975-76, quando Varese era senza alcun dubbio il centro dell’intero basket europeo con cinque successi nella massima competizione nello spazio di sette anni. Nel 1966-67 tutto era iniziato con la prima Coppa delle Coppe, il ciclo migliore invece si chiuse con la seconda Coppa delle Coppe, nella stagione 1979-80. Da ricordare anche le tre Coppe Intercontinentali vinte nel 1966, 1970 e 1973, naturalmente arrivavano tanti successi anche in Italia in quell’epoca per Varese. Adesso l’attualità richiede una rimonta ai limiti dell’impossibile: il sogno diventerà realtà? Per scoprirlo, parola al campo: Wurzburg Varese comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE PAROLE DI ATTILIO CAJA

Verso la diretta di Wurzburg Varese, è purtroppo doveroso fare un passo indietro a settimana scorsa, quando la Openjobmetis incassò una pesante batosta casalinga nella partita d’andata, un -23 che ovviamente rende difficilissimo adesso sperare nella rimonta. Coach Attilio Caja aveva commentato così la prestazione dei suoi ragazzi: “La loro fisicità e il loro atletismo sono stati molto difficili da affrontare – si legge sul sito ufficiale della pallacanestro Varese -. L’assenza di Archie poi ci ha penalizzato moltissimo mettendo in evidenza questo limite. Su Avramovic hanno fatto un lavoro molto aggressivo limitandolo al massimo: ha fatto fatica ad entrare in partita e a ricevere la palla. Avremmo avuto bisogno di massima energia e in più il tiro da lontano ci ha penalizzato. Così era difficile pensare di rimanere in partita e di competere contro una squadra così lunga e fisica. E’ stata una gara difficile, al di sotto delle nostre possibilità come mai era successo prima in FIBA Europe Cup. Se non siamo al top di energia non possiamo sperare nelle percentuali da tre punti perché questa non è la nostra arma migliore. Peccato perché fin qui avevamo giocato una coppa di un buon livello. E’ la prima volta che ci capita e l’abbiamo pagata anche se non mi sento di criticare eccessivamente la squadra. Adesso cerchiamo di riposare e di recuperare quelle energie che ci serviranno sabato sera per affrontare una montagna altissima da scalare”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Würzburg Varese, in diretta dalla s.Oliver Arena di Wurzburg, in Germania, sarà la partita di ritorno della semifinale della FIBA Europe Cup 2018-2019 di basket. L’appuntamento sarà per le ore 19.00 di questa sera, mercoledì 17 aprile 2019, e bisogna dire in tutta franchezza che la missione rimonta sarà quasi impossibile per la Openjobmetis di coach Attilio Caja. Si riparte infatti dal vero e proprio tracollo casalingo di settimana scorsa, quando Varese perse in casa 66-89. Questo significa che Wurzburg Varese oggi richiederebbe alla squadra lombarda di recuperare questo pesantissimo passivo di ben 23 punti: il meccanismo è quello delle partite di andata e ritorno, dunque la Openjobmetis avrebbe bisogno di una vittoria con almeno 24 punti di scarto. Se invece Varese vincesse esattamente di 23 punti si andrebbe ai supplementari, infine naturalmente ogni altro risultato premierebbe Wurzburg.

RISULTATI E CONTESTO

Würzburg Varese dunque appare una missione quasi impossibile per la Openjobmetis, che purtroppo sembra essere arrivata al momento decisivo della stagione con il serbatoio scarico dopo tanti mesi molto positivi. Forse la colpa è proprio del doppio impegno tra Serie A e FIBA Europe Cup, che adesso rischia di lasciare i ragazzi di Attilio Caja con un pugno di mosche in mano. In Europa infatti la finale appare lontanissima, considerando il passivo da recuperare, mentre in campionato i risultati di Varese sono nettamente peggiorati e adesso la qualificazione per i playoff appare seriamente a rischio. Sabato scorso è arrivata la sconfitta nel grande derby con l’Olimpia Milano: era naturalmente un match difficile, ma una vittoria avrebbe potuto dare la scossa. È arrivato invece l’ennesimo passo falso, che naturalmente rende ancora più difficile il momento di Varese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA