Calciomercato Juventus/ Occhi su Zappacosta: il terzino del futuro? Le notizie al 4 novembre

- La Redazione

La Juventus continua a monitorare il calciomercato dei giovani: l’ultima idea porta ad Avellino e si chiama Davide Zappacosta, esterno destro nel giro dell’Under 21 di Gigi Di Biagio

Zappacosta_R400
Davide Zappacosta, terzino destro dell'Avellino (Foto Infophoto)

La Juventus guarda ai giovani. Domenico Berardi e Simone Zaza, entrambi al Sassuolo, sono entrambi “controllati” dai bianconeri nella speranza che crescano il giusto per poi essere richiamati (anzi: chiamati, visto che non ci sono mai stati) a Vinovo; e la squadra Primavera, allenata oggi da Andrea Zanchetta ma “svezzata” dalle vittorie di Viareggio e Coppa Italia ottenute con Marco Baroni, ha lanciato tanti talenti che sono andati a giocare in prestito. Il nome nuovo, stando a quanto segnala calciomercato.com, è Davide Zappacosta: terzino destro dell’Avellino, un giocatore che può disimpegnarsi anche a centrocampo, e sarebbe dunque perfetto per gli schemi di Antonio Conte che, guardacaso, svaria dal più classico 3-5-2 all’intraprendente 4-3-3. Classe ’92, Zappacosta gioca anche nell’Under 21, chiamato da Gigi Di Biagio. E’ in comproprietà tra la società irpina, con cui sta disputando un grande campionato nella serie cadetta, e l’Atalanta: la Juventus, pare, vuole ottenere il 50% del cartellino a gennaio, trattando con l’Avellino, e parlare poi con gli orobici per l’acquisto a titolo definitivo. Chissà: c’è un po’ di concorrenza da battere – anche Fiorentina e Milan sono su di lui, e pare ci sia qualche club straniero che ci sta pensando – ma Beppe Marotta potrebbe anticipare tutti e assicurarsi il calciatore. Che, innanzitutto, andrebbe ad aumentare la profondità della rosa rappresentando un rincalzo giovane e con entusiasmo; ma che all’ombra di grandi campioni e in un ambiente vincente potrebbe crescere fino a diventare un titolare. Per ora solo un’idea e qualche contatto: si vedrà se ci saranno sviluppi.

In partenza già a gennaio? Chissà: una voce che fino a poco tempo fa avrebbe trovato poco fondamento, ma che invece ora potrebbe diventare una realtà. Rimbalza dalla Germania, dove il Borussia Dortmund sembra fortemente interessato ad avvalersi dei servigi del montenegrino a partire dalla seconda parte della stagione in corso. Vucinic, elemento fondamentale nei due scudetti vinti dalla Juventus, è da tempo fermo ai box per un infortunio; nel frattempo Antonio Conte sembra aver trovato una sua quadratura del cerchio, complice anche la crescita esponenziale di Fernando Llorente (che, ricordiamo, in estate era accreditato dei galloni di titolare). Certo il tecnico salentino continua a considerare importante il suo numero 9, e il modo in cui ha reagito alle cessioni di Emanuele Giaccherini e Alessandro Matri fa capire che non vedrebbe di buon occhio un’altra partenza illustre; tuttavia, un’offerta davvero sostanziosa potrebbe far cambiare idea anche a lui, soprattutto se Marotta e Paratici riuscissero a individuare un sostituto all’altezza. Che potrebbe arrivare, chissà, dallo stesso Borussia Dortmund: difficile pensare che giocatori del calibro di Henrik Mkhitaryan (in passato seguito anche dai bianconeri) e Pierre-Erick Aubameyang, solo per citare gli ultimi arrivati, possano già fare le valigie; nè che Jurgen Klopp e Michael Zorc possano accettare uno scambio alla pari con uno tra Robert Lewandowski (altro sogno proibito della Juventus, così come di mezza Europa) e Marco Reus, che hanno un valore di mercato decisamente superiore a quello di Vucinic, anche per carta d’identità. Alla Juventus però stuzzica non poco l’idea Kuba Blaszczykowski: l’esterno perfetto per giocare nel tridente in pianta stabile. Che possa essere lui la giusta pedina di scambio per i bianconeri? Da valutare, come da valutare è il fatto che i campioni d’Italia accettino davvero di mettere in vendita Mirko Vucinic prima che sia terminata la stagione.

L’agente di Berardi, giovane talento del Sassuolo ma di proprietà della Juventus, ci ha svelato il futuro del suo assistito in esclusiva.

Paul Pogba torna al centro di intense voci di mercato. La stella della nazionale francese e del centrocampo della Juventus, Pogba, ha risolto la complicata sfida contro il Parma sabato sera al Tardini. Guarda caso, sugli spalti dello stadio emiliano vi erano alcuni osservatori del Real Madrid, proprio per visionare da vicino il giovane ex Manchester United. La situazione del ragazzo è alquanto semplice e delineata: Pogba ha un contratto in scadenza al 30 giugno del 2016 ma la dirigenza di corso Galileo Ferraris starebbe spingendo per il rinnovo del contratto fino al 2018 a cifre più elevate. Non va però dimenticato che l’agente della stellina transalpina è Mino Raiola, e con il noto procuratore italo-olandese tutto è possibile. Raiola starebbe spingendo affinché il suo assistito strappi un contratto a cifre elevate, attorno ai 4/4,5 milioni di euro netti annui, divenendo di fatto il bianconero più pagato della rosa assieme a Gigi Buffon e ad Andrea Pirlo, due mostri sacri del calcio italiano.

Il Real Madrid, tra l’altro, non è l’unica società fortemente interessata a Pogba. Oltre al Paris Saint Germain sulle tracce del francese vi sarebbe anche il Chelsea. Stando a quanto riportato nelle ultime ore, i Blues sarebbero tornati alla carica con un assegno super da ben 45 milioni di euro, una cifra che se confermata potrebbe far tentennare e non poco i vertici dei campioni d’Italia. Non vanno infatti dimenticate le famose parole del patron Andrea Agnelli, che poche settimane fa ammise che in caso di offerta shock sarebbe difficile trattenere a Vinovo la stella francese. Fra i bianconeri “presi di mira” anche il solito Arturo Vidal, anch’egli vicinissimo al rinnovo del contratto e visionato da vicino, come Pogba, dal Real Madrid sabato sera. Il suo cartellino vale circa 50 milioni di euro, una cifra che lo stesso ex Bayer Leverkusen si è guadagnata a suon di grandi prestazioni e marcature pesantissime sia in campionato quanto in Champions.

C’è anche la Juventus sulle tracce della stella dell’Atalanta, Baselli. L’erede di Pirlo piace moltissimo anche a Marotta come ci svela in esclusiva l’agente Fifa, Albrigi.

La Juventus fa sul serio per Ludovic Biabiany e lo si capisce chiaramente da quanto sta accadendo in queste ore. L’amministratore delegato bianconero, Beppe Marotta, è rimasto ammaliato dalla grande prova dell’esterno d’attacco francese del Parma in occasione della sfida contro la Vecchia Signora di sabato sera. L’idea del numero due di corso Galileo Ferraris è quella di far passare la gara contro il Real Madrid in programma domani sera e di dedicarsi quindi al mercato, con un probabile incontro fra lo stesso ad della Juventus e il direttore generale del Parma, Pietro Leonardi. Che Biabiany piaccia ai campioni d’Italia in carica non è di certo una novità visto che il talentuoso transalpino classe 1988, portato in Serie A dall’Inter, è sul taccuino dei dirigenti di Madama dalla scorsa estate. Antonio Conte cerca un esterno di ruolo per attuare al meglio il suo 4-3-3 e il francese rappresenta la soluzione perfetta. Tra l’altro Biabiany, oltre all’ala destra, è in grado anche di svolgere il ruolo di trequartista puro dietro le due punte nonché l’interno di centrocampo, una versatilità che si sposa alla perfezione con gli schemi del manager salentino.

L’idea della Juventus è quella di provare a strappare Biabiany al Parma già in occasione del mercato di riparazione che aprirà i battenti il prossimo 3 gennaio 2014. I bianconeri puntano alla formula del prestito fino al termine della stagione, per poi riscattarlo definitivamente a giugno. La questione riguarderà però anche la Sampdoria visto che l’ex nerazzurro è in comproprietà fra gli emiliani e i blucerchiati. Marotta potrebbe girare Padoin al club ligure, mentre al Tardini di Parma volerebbe il terzino sinistro Peluso, giocatore che Roberto Donadoni apprezza particolarmente dai tempi dell’Atalanta. Se ne riparlerà quindi nei prossimi giorni quando il mercato invernale entrerà finalmente nel vivo con l’avvicinarsi del mese di gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori