STOCCARDA-LAZIO/ Gentile: biancocelesti superiori, i tedeschi senza Ibisevic… (esclusiva)

- int. Riccardo Gentile

Si gioca questa sera Stoccarda-Lazio, andata degli ottavi di finale di Europa League: RICCARDO GENTILE di Sky Sport commenta in esclusiva i temi principali della partita di coppa.

Stoccarda
Foto Infophoto

Dopo la sconfitta pesante in campionato contro il Milan per 3-0, la Lazio cercherà il riscatto nell’andata degli ottavi di finale di Europa League. Questa sera alle 19 incontrerà la formazione tedesca dello Stoccarda. Dopo aver eliminato nei sedicesimi il Borussia Monchengladbach ecco un’altra squadra teutonica sulla strada dei biancocelesti; un impegno anche questo non impossibile, visto che lo Stoccarda non sta facendo un grande campionato, naviga nelle posizioni di centroclassifica della Bundesliga. Forse sarà importante strappare un risultato positivo all’andata, visto che per la condanna della Uefa la partita di ritorno all’Olimpico dovrebbe giocarsi a porte chiuse. Per una Lazio che vuole pensare in grande in Europa questa trasferta dovrà dare motivazioni particolari. Per parlare di Stoccarda-Lazio abbiamo sentito Riccardo Gentile, giornalista di SkySport, esperto di calcio tedesco. Eccolo in questa intervista esclusiva rilasciata a ilsussidiario.net.

Stoccarda-Lazio: che partita sarà? Non credo che per la Lazio sia poi una partita così difficile, lo Stoccarda in fondo occupa una posizione di centro classifica in campionato e, anche se ha raggiunto la semifinale di Coppa di Germania, non è una delle migliori formazioni tedesche. Per intenderci: lo Stoccarda non mi sembra più forte del Borussia Monchengladbach.

Biancocelesti in grave difficoltà nelle ultime uscite esterne; perchè questo mal di trasferta? La Lazio sta subendo un calo rispetto all’inizio dell’anno e certamente non è riuscita a cogliere risultati sempre positivi in trasferta, anzi si è trovata spesso in difficoltà. Forse sarebbero stati necessari due-tre rinforzi questo inverno per rendere la squadra ancora più competitiva.

Forse l’assenza di Klose è il vero tallone d’Achille della squadra in questo momento? Decisamente: Klose era il punto di riferimento della Lazio. Con la sua assenza la squadra ha perso un grande giocatore che faceva reparto da solo in attacco, e ha cominciato a perdere punti in classifica. Un po’ la stessa cosa era successa la scorsa stagione.

Cosa dovrà fare Petkovic per questa partita? 

Niente di particolare, perchè in ogni caso la Lazio è superiore allo Stoccarda e se giocherà come è capace tornerà dalla Germania con un risultato positivo.

Chi bisognerà temere di più dello Stoccarda? C’è il giapponese Sakai che sembra interessare alla Juventus… Sakai non mi sembra così forte. È un buon giocatore, non certamente eccezionale. C’è invece Ibisevic, un attaccante molto valido che nella prima partita sarà assente.

La partita di ritorno si dovrebbe giocare a porte chiuse, giusta la decisione dell’Uefa? Visti i precedenti che si sono verificati allo stadio Olimpico, la decisione dell’Uefa mi sembra giusta, anche se questo penalizzerà certamente la Lazio; ma non vedo proprio alternative.

Lo Stoccarda ha chiesto di poter permettere l’ingresso del pubblico, per permettere ai suoi tifosi di venire a Roma a vedere la partita… Ma l’Uefa non potrà tornare indietro nella sua scelta: sarebbe veramente assurdo. E’ da ammirare il tentativo dello Stoccarda di “preservare” i suoi sostenitori intenzionati a venire a Roma, tuttavia non si può fare altrimenti, la decisione dell’Uefa è questa e non potrà cambiare.

Il suo pronostico su Stoccarda-Lazio? Credo che in questa partita di andata la Lazio possa cogliere un pareggio con dei gol. Nel doppio confronto penso che la Lazio passerà il turno e in generale potrebbe fare molto bene in questa edizione di Europa League.

 

(Franco Vittadini)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori