Classifica Tour de France 2019/ Maglia gialla Alaphilippe, nulla cambia in testa

- Claudio Franceschini

Classifica Tour de France 2019: maglia gialla e altre graduatorie entrando nella 9^ tappa. Julian Alaphilippe è tornato leader della Grande Boucle con 23 secondi sul nostro Giulio Ciccone.

classifica tour alaphilippe
Classifica Tour de France 2019: Julian Alaphilippe sempre maglia gialla (facebook LeTour)

Giornata perfetta per la fuga, nulla cambia nella classifica del Tour de France 2019 per quanto riguarda le prime posizioni. Julian Alaphilippe si è goduto un 14 luglio di festa in maglia gialla, c’è stato solo un minimo di bagarre grazie a Porte, Bardet e Kruijswijk sull’ultimo Gpm ma il Team Ineos ha subito annullato ogni velleità di attacco e così le emozioni sono arrivate tutte dalla bellissima lotta per la vittoria di tappa fra i fuggitivi, tutti uomini però lontanissimi nella classifica generale del Tour de France 2019, che di conseguenza oggi non è cambiata. Resta secondo il nostro Giulio Ciccone a 23” davanti a Thibaut Pinot che è terzo a 53” e primo tra i big con ambizioni di podio a Parigi, l’abruzzese della Trek-Segafredo naturalmente conserva anche la maglia bianca di leader della classifica dei giovani, che oggi ha regolarmente indossato dal momento che la maglia gialla è tornata sulle spalle di Alaphilippe. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA SITUAZIONE FRA I GIOVANI

Abbiamo già detto, nel presentare la classifica del Tour de France 2019, che Giulio Ciccone rimane in testa alla graduatoria dei giovani: l’abruzzese della Trek-Segafredo ha un vantaggio di 53 secondi su Egan Bernal, il sorprendente colombiano del Team Ineos che precede sul podio virtuale Enric Mas. Anche nella classifica della maglia bianca viene comunque confermato l’ottimo momento del ciclismo belga, manco a farlo apposta proprio in un’edizione del Tour de France che celebra il grande Eddy Merckx: Laurens De Plus e Wout Van Aert, entrambi del Team Jumbo-Visma, sono rispettivamente il sesto e il decimo miglior giovane della Grande Boucle in corso di svolgimento. Per trovare un altro italiano in questa speciale classifica dobbiamo invece scendere fino alla tredicesima posizione: Gianni Moscon, lui pure della Ineos come il già citato Bernal, ha ambizioni di finire tra i primi dieci per la maglia bianca ma il suo distacco nella classifica generale, dalla maglia gialla Julian Alaphilippe, è già di 47’20’’ e dunque non ci sono speranze di chiudere con una buona posizione. Per adesso comunque il venticinquenne trentino può sicuramente accontentarsi… (agg. di Claudio Franceschini)

CICCONE SEMPRE PROTAGONISTA

Nella classifica del Tour de France 2019 Giulio Ciccone avrà anche perso la maglia gialla a favore di Julian Alaphilippe, ma sta comunque disputando una Grande Boucle entusiasmante come confermato dalle altre graduatorie. Intanto, avendo 24 anni, l’abruzzese della Trek-Segafredo comanda la classifica della maglia bianca che è dedicata al miglior giovane della corsa: anzi, oggi tornerà a indossare questa visto che appunto è scivolato al secondo posto della generale (come sappiamo, le maglie si indossano secondo l’ordine di importanza). Ciccone però, grazie soprattutto alla sesta tappa in cui si era vestito di giallo per la prima volta, ha anche il terzo posto tra gli scalatori: sono 30 i suoi punti, 7 meno di Thomas de Gendt e 13 da recuperare a Tim Wellens, che anche entrando in questa nona tappa resta al comando della classifica del Tour de France 2019 per quanto riguarda la maglia a pois. Ciccone inoltre si trova al primo posto della classifica a squadre con la sua Trek Segafredo, e questo ovviamente si deve anche ad alcuni compagni di squadra: tra questi soprattutto Richie Porte e Bauke Mollema che sono rispettivamente diciottesimo e diciannovesimo, e sui quali almeno sulla carta il team ripone grandi speranze per arrivare a podio nel Tour de France 2019. (agg. di Claudio Franceschini)

IL RITORNO DI ALAPHILIPPE

Studiando la classifica del Tour de France 2019 in avvicinamento alla nona tappa, possiamo ricordare come già accennato che Julian Alaphilippe aveva già indossato la maglia gialla di leader della Grande Boucle: il corridore francese l’aveva infatti strappata all’olandese Mike Teunissen dopo la terza tappa (Binche-Epernay) riuscendo a imporsi in fuga solitaria davanti a Michael Matthews e Jasper Stuyven e prendendo il comando davanti all’altro belga Wout Van Aert e all’olandese Steven Kruijswijk. Classifica confermata anche nelle due tappe seguenti: concluse in volata con le affermazioni di Elia Viviani e Peter Sagan, e dunque Alaphilippe arrivando insieme al gruppo era riuscito a mantenere la sua maglia gialla di leader. Questo, fino alla sesta tappa Mulhouse-La Planche des Belles Filles: vittoria di Dylan Teuns ma Giulio Ciccone, arrivando secondo a 11 secondi e con ottimo vantaggio sugli inseguitori, si era preso il comando della graduatoria mantenendolo anche a Chalon Sur Saone. Poi, Alaphilippe è tornato nuovamente davanti: adesso il duello è molto interessante, ma le cose potrebbero nuovamente cambiare a breve. (agg. di Claudio Franceschini)

JULIAN ALAPHILIPPE IN MAGLIA GIALLA

La classifica del Tour de France 2019, entrando nella 9^ tappa della Grande Boucle che si corre domenica 14 luglio (si va da Saint Etienne a Brioude per un percorso di 170,5 Km) ha cambiato padrone: sabato infatti è tornata sulle spalle di Julian Alaphilippe, che se l’è ripresa giungendo secondo sul traguardo grazie a uno sprint e un allungo nel finale, che gli ha permesso di ridurre a 6 i secondi di ritardo da Thomas de Gendt che ha vinto la tappa. Alaphilippe aveva già indossato il giallo del leader del Tour de France 2019, ma si era dovuto inchinare temporaneamente al nostro Giulio Ciccone; ieri invece il ciclista della Deceunink-QuickStep ha saputo fare la voce grossa e tornare padrone della corsa di casa. Ciccone ha comunque limitato i danni: resta al secondo posto della classifica con un ritardo di 23 secondi e in questa prima fase della Grande Boucle può certamente dire la sua, avendo anche un margine di 30 secondi rispetto a Thibaut Pinot, che però è uno degli uomini più attesi e di conseguenza ha iniziato a dare una spallata. Nella Top Ten è poi entrato il tedesco Emanuel Buchmann, mentre ha salito qualche gradino anche Rigoberto Uran; la classifica del Tour de France 2019 insomma sta iniziando a ravvivarsi, per il momento comunque i primi dieci sono ancora entro il minuto e 45 secondi di margine.

CLASSIFICA TOUR DE FRANCE 2019: LE ALTRE MAGLIE

Se la classifica del Tour de France 2019 per la vittoria della Grande Boucle ha subito un bello scossone, dopo l’ottava tappa della corsa le altre graduatorie sono sostanzialmente rimaste invariate. L’ambita maglia a pois, che è prestigiosa soprattutto in questo contesto e premia il miglior scalatore, resta appannaggio del belga Tim Wellens che ha 43 punti: alle sue spalle però De Gendt ha fatto un bel passo in avanti e adesso ha 37 punti avendo sfruttato la sua fuga con tanti GPM passati al comando, terza piazza per Ciccone che dunque anche in questa classifica occupa il podio virtuale, in un contesto nel quale cinque corridori tra i primi sei sono belgi. La maglia verde per la classifica a punti è proprietà di Peter Sagan, che ancora una volta minaccia di fare il vuoto: provano a resistere in particolar modo Michael Matthews e il nostro Sonny Colbrelli. La Trek-Segafredo rimane prima nella classifica a squadre, con la Movistar che è seconda con 1’39’’ di ritardo e, a sua volta, un vantaggio di 5 secondi sulla Groupama-FDJ; infine la classifica dei giovani, nella quale Giulio Ciccone mantiene un vantaggio di 53 secondi su Egan Bernal e dunque da oggi tornerà a indossare la maglia bianca, avendo ceduto quella gialla ad Alaphilippe.

CLASSIFICA TOUR DE FRANCE 2019: LA GENERALE DOPO LA 9^ TAPPA

1. Julian Alaphilippe (Fra) 38h37’36’’
2. Giulio Ciccone (Ita) a 23’’
3. Thibaut Pinot (Fra) a 53’’
4. George Bennett (Aus) a 1’10″
5. Geraint Thomas (Grb) a 1’12″
6. Egan Bernal (Col) a 1’16″
7. Steven Krujswuijk (Ola) a 1’27’’
8. Rigoberto Uran (Col) a 1’38’’
9. Jakob Fuglsang (Dan) a 1’42’’
10. Emanuel Buchmann (Ger) a 1’45’’

© RIPRODUZIONE RISERVATA