DIRETTA/ Inghilterra Irlanda (risultato finale 24-12): prima sconfitta per i verdi

- Mauro Mantegazza

Diretta Inghilterra Irlanda, risultato finale 24-12: prima sconfitta per i verdi nel Sei Nazioni 2020, la nazionale inglese domina a Twickenham e si porta al terzo posto in classifica.

Inghilterra rugby
Inghilterra rugby, Sei Nazioni 2020 (Foto LaPresse)

DIRETTA INGHILTERRA IRLANDA (RISULTATO FINALE 24-12)

Inghilterra Irlanda 24-12: a Twickenham arriva la seconda vittoria della nazionale inglese nel Sei Nazioni 2020, un successo netto e convincente che era maturato già in un primo tempo chiuso sul 17-0. Nella ripresa l’Inghilterra ha provato a prendersi anche il punto addizionale con le mete, ma si è limitata a segnare con Cowan-Dickie; Farrell ha convertito chiudendo la sua ottima giornata con 9 punti, mentre l’Irlanda che aveva provato a riaprire i conti con Henshaw si è fermata lì fino al pieno recupero, quando finalmente è arrivata la seconda meta di giornata e una conversione che in precedenza era stata mancata. Dunque ora in classifica l’Inghilterra si porta al terzo posto, proprio alle spalle dell’Irlanda che perde per la prima volta nel Sei Nazioni 2020: i verdi vedono scappare via la Francia che ieri ha battuto il Galles, sarà dura andare a prendersi la vittoria del torneo ma la sfida diretta potrebbe segnare la differenza. Nel frattempo l’Italia rimane fanalino di coda, mestamente a 0 punti in classifica e con un cucchiaio di legno che è sempre più vicino, a meno che non arrivi un risultato a sorpresa nelle ultime due partite. (agg. di Claudio Franceschini)

INGHILTERRA IRLANDA (17-0): INTERVALLO

Inghilterra Irlanda 17-0: per il momento la partita di rugby valida per la terza giornata del Sei Nazioni 2020 si sta rivelando un dominio da parte dei padroni di casa, che stanno facendo valere la legge di Twickenham e comandano con una frazione che, al netto del punteggio, si è rivelata decisamente complessa per l’Irlanda. Gli inglesi sono andati a segno al 7’ minuto, vincendo la resistenza avversaria grazie alla meta di Ford; Farrell, incaricato dei calci piazzati, ha convertito e così dopo nemmeno un quarto del primo tempo gli irlandesi si sono trovati sotto di 7 punti. Al 24’ minuto è arrivata la seconda meta per l’Inghilterra, questa volta con Daly; esattamente come prima Farrell ha trasformato per i due punti addizionali. A quel punto il CT degli ospiti ha operato una prima sostituzione, mandando sul terreno di gioco Kilcoyne che ha preso il posto di Healy; la partita però è continuata sulla stessa falsariga (anzi gli inglesi hanno anche trovato un calcio di punizione vincente per altri 3 punti), adesso vedremo quello che succederà nel secondo tempo ma la sensazione è che l’Inghilterra possa condurre in porto la vittoria senza troppi patemi, ottenendo così il suo secondo successo nel Sei Nazioni 2020 e rilanciando le proprie ambizioni per la vittoria del titolo. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE INGHILTERRA IRLANDA (6 NAZIONI RUGBY)

Come già nelle passate edizioni, tutto il Sei Nazioni e quindi anche la sfida Inghilterra Irlanda in diretta tv sarà trasmessa in chiaro ed in esclusiva da Dmax, canale che appartiene a Discovery Channel e che si trova al numero 52 del digitale terrestre gratuito, al 28 di Tivùsat e al numero 170 della piattaforma satellitare Sky. Non solo: l’emittente si dedica con grande spiegamento di forze al rugby in queste settimane e in aggiunta alle partite live ci saranno anche una serie di trasmissioni dedicate alla palla ovale, con approfondimenti tecnici ma anche di colore. DMax in queste settimane vivrà di rugby anche sui social network ufficiali del canale (Facebook, Twitter, YouTube), oltre a garantire anche la diretta streaming video agli utenti che non potessero mettersi davanti a un televisore all’ora delle partite, tramite il servizio Dplay. Informazioni utili sul web si troveranno anche sui social network: ricordiamo ad esempio, per limitarci ai profili ufficiali del torneo Rbs 6 Nations, che l’account in italiano su Twitter è @SeiNazioniRugby. CLICCA QUI PER LO STREAMING DMAX

INGHILTERRA IRLANDA (0-0): SI COMINCIA!

Inghilterra Irlanda sta per cominciare: il match di rugby per il 6 Nazioni 2020 si giocherà naturalmente presso lo stadio di Twickenham, a Londra, l’impianto probabilmente più celebre al mondo per la palla ovale, sede delle partite casalinghe della Nazionale inglese di rugby. Twickenham è la casa del rugby inglese fin dal 1909, quando lo stadio fu inaugurato al termine dei lavori che erano iniziati due anni prima su un terreno dove in precedenza si coltivavano i cavoli (da cui il soprannome in inglese ‘Cabbage Patch’). Per stare al passo con i tempi, l’impianto è stato restaurato ben quattro volte (1927, 1981, 1994 e 2005) nel corso della sua lunga e gloriosa storia. Attualmente la capienza è di ben 82.000 spettatori e gli eventi che sono ospitati qui sono tantissimi, a partire da tutte le partite casalinghe dell’Inghilterra nel Cinque e poi nel Sei Nazioni, ma Twickenham è stato naturalmente anche il campo centrale delle due edizioni della Coppa del Mondo organizzate dall’Inghilterra, nel 1991 e nel 2015, ospitando in entrambi i casi anche la finale. Inoltre ospitò diverse partite anche della Coppa del Mondo 1999, anche se in quel caso l’onore della finale spettò al Galles e quindi a Cardiff. In ogni caso, l’ambientazione è prestigiosa e l’attesa cresce sempre di più: parola al campo, Inghilterra Irlanda comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL GRANDE EX RORY BEST

Sempre più vicina la diretta di Inghilterra Irlanda, nei giorni scorsi il grande ex Rory Best ha fatto visita alla Nazionale dell’Irlanda. Lo storico capitano, leader dell’ultimo Grande Slam dei verdi nel 2018, si è ritirato solo da pochi mesi (al termine della Coppa del Mondo 2019) ed è stato colpito dalla partenza di questo 6 Nazioni da parte dell’Irlanda, vincente in casa contro Scozia e Galles. Ora arriva però la trasferta chiave di Londra, in vista della quale Best ha detto: “L’Irlanda è sulla giusta strada per fare un grande 6 Nazioni. Ci sono troppi giocatori forti perché non succeda qualcosa di buono. La partenza della squadra è stata positiva, spero che possano continuare così anche a Twickenham, che è un posto dov’è molto difficile vincere. E questo è normale: l’Inghilterra, anche se ha della pressione, è comunque vice-Campione del Mondo, quindi sono incredibilmente combattivi. Questo però non vuol dire che l’Irlanda parta spacciata. Rob Herring mio erede? Sta giocando molto bene, senza dubbio. È un ottimo giocatore, e penso che dal punto di vista di Ulster sia bello che dopo di me è arrivato un altro tallonatore della stessa Provincia”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’IPOTESI

In vista della diretta di Inghilterra Irlanda, apriamo una parentesi circa l’ipotesi ventilata dal Daily Mail di un possibile allargamento del 6 Nazioni nelle prossime edizioni, perché proprio il c.t. dell’Inghilterra, Eddie Jones, si è schierato in modo molto duro contro questa possibilità: “Il 6 Nazioni è definito come il più grande torneo di rugby al mondo, e io sono d’accordo. Perché quindi inserire altre squadre abbassandone il livello? Parlo per esperienza, guardate cos’è successo col Super Rugby: il Super 12 era la gallina dalle uova d’oro, con 12 squadre davvero forti e spettacolari. Poi hanno voluto allargarlo a 14, 15 e ora 18, e ha perso sicuramente il suo fascino. Se vogliano avere partite che fanno la storia, il Sei Nazioni è perfetto, ricco di team dalla lunghissima tradizione”. Va detto che il Daily Mail ipotizzava l’inserimento del Sudafrica, che di certo non abbasserebbe il livello, tuttavia Jones ha le idee molto chiare: “Oggi come oggi il Torneo è anche più duro della Coppa del Mondo, è molto fisico e di anno in anno migliora sempre – ha aggiunto il c.t. inglese -. So che gli allenatori dell’emisfero sud ammirano il 6 Nazioni, perché le squadre riescono sempre a dare il massimo in ogni singola partita. Parlando delle squadre britanniche (Inghilterra, Galles, Irlanda e Scozia) credo che ormai abbiano raggiunto uno standard altissimo, e le differenze sono davvero minimali tra di loro”. (Aggiornamento di Mauro Masntegazza)

PRESENTAZIONE DEL MATCH

Inghilterra Irlanda, diretta dall’arbitro sudafricano Jaco Peyper, si gioca oggi pomeriggio domenica 23 febbraio alle ore 16.00 italiane (le 15.00 locali) per completare la terza giornata del 6 Nazioni 2020 di rugby. L’appuntamento con Inghilterra Irlanda sarà naturalmente al Twickenham Stadium di Londra, da sempre casa del rugby inglese, che ospiterà oggi pomeriggio una delle partite più attese per questa edizione del 6 Nazioni. Infatti le ambizioni di Inghilterra e Irlanda nel Torneo saranno molto più chiare dopo questa partita: i Verdi ospiti finora hanno vinto due partite su due e in caso di impresa a Londra naturalmente diventerebbero in modo definitivo la grande favorita per il successo finale, pur con l’incognita della trasferta in Francia nell’ultima giornata; l’Inghilterra invece a Parigi ha già giocato e perso, dunque adesso è al bivio perché rischia un 6 Nazioni davvero anonimo se oggi non riuscisse a vincere.

DIRETTA INGHILTERRA IRLANDA: IL CONTESTO

La diretta di Inghilterra Irlanda sarà come sempre imperdibile per tutti gli appassionati di rugby, in una partita che ha grande fascino anche per la rivalità che va oltre la palla ovale, ricordando che per secoli di fatto che l’Irlanda è stata colonia inglese. Anche rimanendo all’aspetto strettamente sportivo, c’è curiosità per capire il livello di un’Inghilterra che non sembra quella della Coppa del Mondo e ha già perso abbastanza male in Francia; nella seconda giornata è arrivato il riscatto in Scozia, ma è il match contro l’Irlanda che ci potrà dire quale sia il livello di competitività dei Bianchi inglesi. L’Irlanda finora ha vinto al debutto contro la Scozia soffrendo e poi in modo più convincente contro il Galles, ma giocando sempre a Dublino: la trasferta a Twickenham segna un salto di qualità nel valore della sfida, di conseguenza anche per gli ospiti Verdi la partita di oggi sarà fondamentale. Gli appassionati di rugby non possono davvero perdersi questo confronto…

© RIPRODUZIONE RISERVATA