DIRETTA/ Milan Sassuolo (risultato finale 0-0): Diavolo sfortunato, festa rovinata!

- Claudio Franceschini

Diretta Milan Sassuolo streaming video e tv: probabili formazioni, quote, orario e risultato live della partita che si gioca a San Siro per la 16^ giornata del campionato di Serie A.

piatek napoli
Piatek (Foto LaPresse)

DIRETTA MILAN SASSUOLO (RISULTATO FINALE 0-0): DIAVOLO SFORTUNATO, FESTA ROVINATA!

È un Diavolo sfortunato quello che poco ha chiuso l’incontro casalingo a “San Siro” pareggiando per 0-0 contro un Sassuolo pericolo e spavaldo per oltre un’ora ma che nel finale è stato letteralmente sommerso dalla marea rossonera ma è riuscito comunque a tornare a casa con un punto. Decisivo per la svolta finale è stato il brasiliano Paquetà, al posto di uni spento Kessie, e soprattutto del baby Leao che, in campo al 78’ al posto di Piatek, ha fatto molto di più del polacco nel poco spazio concessogli. Il portoghese prima spaventa Pegolo con un tiro a giro che si stampa sulla traversa (83’) e poi al minuto 87 concede il bis con uno sfortunatissimo palo centrato a Pegoo battuto: ad ogni modo c’era stato poco prima un pericolo portato a Donnarumma dal neo entrato Traorè. Ma le emozioni non erano finite perché nei quattro minuti di recupero diventati quasi sei prima il difensore neroverde Romagna staccava di testa (facile la presa di Donnarumma) e poi Hernandez sprintava, nonostante due sassolesi a terra, per mettere al centro per Paquetà murato provvidenzialmente da Kyriakopoulos: e sul successivo angolo ancora Romagnoli per poco non trovata il gol-beffa con un colpo di testa che Pegolo, oggi migliore in campo, faceva suo. Con questo deludente pareggio si interrompe la striscia di successi del Milan proprio nel giorno delle celebrazioni per i 120 anni mente la compagine di De Zerbi sale a quota 16 e resta a cinque lunghezze dai rossoneri. (agg. di R. G. Flore)

STREAMING VIDEO E TV: COME VEDERE MILAN SASSUOLO

La diretta tv di Milan Sassuolo verrà trasmessa sui canali di Sky Sport, e dunque solo gli abbonati al pacchetto Calcio della televisione satellitare potranno quindi seguire questa partita di Serie A, eventualmente sfruttando (qualora impossibilitati a mettersi davanti al televisore) il servizio di diretta streaming video garantito dall’applicazione Sky Go, che non comporta costi aggiuntivi e si può attivare su dispositivi mobili come PC, tablet e smartphone.

MIRACOLO DI PEGOLO AL 70′!

Dopo un avvio tentennante dei suoi, Pioli si gioca il primo cambio inserendo Paquetà per un deludente Kessie e proprio il brasiliano al 56’ ha una ghiotta chance da gol quando viene servito di tacco da Piatek e da posizione ravvicinata trova l’eccellente risposta di Pegolo. Il match è vibrante e al 60’ è l’attaccante polacco a non arrivare per poco in scivolata su un bel pallone messo in mezzo da Bonaventura, tra i migliori in campo. A minuto 64 brivido per la difesa sassolese quando Toljan rischia la figuraccia con un passaggio di petto che va sul fondo ma sfiora l’autogol: De Zerbi vede in difficoltà i suoi e allora inserisce Traoré al posto di Djuricic mentre il Milan sale in cattedra. Prima Paquetà si rende ancora pericoloso al 69’ con un tiro da buona posizione che sorvola la traversa e 60 secondi dopo Pegolo è chiamato al doppio miracolo: prima interviene su Calhanoglu e poi sul successivo tap-in di Bonaventura getta il cuore oltre l’ostacolo e col corpo salva tutto. Gli animi si scaldano e nel giro di pochi minuti ne fanno le spese prima Bonaventura e poi l’ex di turno, Locateli, entrambi ammoniti dal direttore di gara. (agg. di R. G. Flore)

PERICOLOSO BONAVENTURA AL 52′!

Il secondo tempo del match tra Milan e Sassuolo riprende a “San Siro” dopo che sul terreno di gioco hanno sfilato le vecchie glorie rossonere per i 120 anni della società e senza che i due tecnici, Pioli e De Zerbi, abbiamo effettuato cambi: pronti via ed ecco che prima il Diavolo fa una mezza frittata, con Conti e Bennacer che regalano il pallone per un contropiede che però Boga spreca calciando fuori e poi ecco che prima Kyriakopoulos impegna Donnarumma con un tiro da fuori e sul successivo corner è il difensore neroverde Ferrari a tentare il gol di fino con il tacco. Stordito dall’avvio veemente degli ospiti, il Milan si riordina e al 52’ si rende pericoloso col solito Bonaventura: bella azione prima di portarsi la palla sul destro ma il tiro a colpo sicuro viene contrato da Marlon; poco dopo tocca a Piatek che sul corner che ne segue svetta di testa ma non impensierisce Pegolo. Sono passati poco più di 10 giri di lancette a “San Siro” ma entrambe le compagini attaccano a spron battuto e si allungano pure pericolosamente esponendosi ai colpi dell’avversario. (agg. di R. G. Flore)

GOL ANNULLATO AD HERNANDEZ!

Dopo un avvio frizzante, con occasioni da entrambe le parti, il match a “San Siro” si scalda e i rossoneri per ben due volte vanno vicini al vantaggio: prima al minuto 28 è Calhanoglu, fin qui assente dalla gara, si avventa sul cross di Hernandez ma il suo tocco non centra lo specchio della porta di Pegolo. Poco dopo però lo stesso terzino francese andrebbe pure in go ma viene poco dopo annullato: sugli sviluppi di un corner Hernandez tira e la sfera viene deviata prima di insaccarsi in porta (31’); tuttavia dopo l’esultanza c’è un check del VAR che segnala all’arbitro Manganiello un tocco di mano di Kessie in ara sul pallone scagliato da Hernandez. La risposta dei neroverdi arriva al 35’ con un gran tiro di Kyriakopoulos su cui fa buona guardia Donnarumma mentre poi comincia la girandola delle ammonizioni, con i “gialli” comminati prima a Caputo e poi a Musacchio per fallo di Boga. Ma una chance colossale al 41’ ce l’ha Bennacer: il regista rossonero recupera palla e si trova in posizione favorevolissima saltando Pegolo e poi, a porta sguarnita, cincischia e subisce il recupero nientemeno che di Berardi che salva i suoi. Il primo tempo si chiude con un’altra ammonizione per fallo in attacco di Kessie e con Berardi che in attacco è meno efficace del suo intervento difensivo e pecca di egoismo perdendo l’attimo. Si va al riposo sul punteggio di 0-0. (agg. di R. G. Flore)

CHE CHANCE PER BONAVENTURA E BOGA!

Dopo che il Sassuolo negli ultimi minuti aveva preso campo e coraggio, al 14’ è il Milan ad andare vicinissimo al gol col sempre pimpante Bonaventura che, su assist di Suso, calcia di prima ma trova la risposta attenta di Pegolo. Sul ribaltamento di fronte è il baby Boga a far salire i brividi lungo la schiena al pubblico di “San Siro” dopo una lunga progressione ma il suo tiro è debole e quindi facile preda per Donnarumma: in questo avvio ambo le squadre paiono molto in palla e si affrontano a viso aperto con rapide ripartenze che, fino ad ora, hanno difettato solamente di precisione al momento del tiro. Dopo il 20’ è Suso a salire in cattedra e per smuovere le acque di un situazione un po’ bloccata prova la conclusione dalla lunga distanza, sui 30 metri, ma la sfera viene contrata opportunamente dal terzino neroverde Kyriakopoulos prima che possa diventare pericolosa. (agg. di R. G. Flore)

CAPUTO E PIATEK PERICOLOSI IN AVVIO!

A “San Siro” va in scena questo pomeriggio l’interessante incrocio tra il Milan di Stefano Pioli e il Sassuolo di Roberto De Zerbi, match che vede i rossoneri padroni di casa nettamente favoriti e i neroverdi ospiti invece arrivare nel capoluogo meneghino col proposito di mettere in mostra il gioco che è valso molti complimenti nell’ultimo periodo alla compagine emiliana. E nei primi 10 minuti della sfida a partire meglio è il Diavolo che già al secondo minuto ha una ottima chance con Piatek che, ben imbeccato da Conti, tutto solo non riesce a inquadrare la porta difesa da Pegolo (ma era comunque in posizione di offside e il gol sarebbe stato annullato): i rossoneri hanno approcciato il match meglio del Sassuolo che, invece, pare voglia provare ad agire di rimessa nonostante un atteggiamento tattico anche più spregiudicato del Milan che al 7’ avrebbe un’altra buona chance ma Bonaventura perde malamente palla e così sfuma. La risposta del Sassuolo arriva pochi secondi dopo con Caputo che si avventa su un pallone di Marlon e da dentro l’area calcia senza però trovare la porta di Donnarumma. Al 10’ il primo ammonito della gara: Toljan ferma Hernandez sull’out sinistro e si becca il “giallo” quasi inevitabile. (agg. di R. G. Flore)

FORMAZIONI UFFICIALI, IN CAMPO!

Milan Sassuolo comincia fra qualche minuto allo stadio Giuseppe Meazza di San Siro, nel frattempo analizziamo il rendimento delle due squadre in questo campionato di Serie A. Il Milan si sta rilanciando, ma globalmente restano pochi per i rossoneri 20 punti in classifica, arrivati attraverso sei vittorie e due pareggi, a fronte però di ben sette sconfitte. Di conseguenza la differenza reti è un brutto -3 per la squadra ora affidata a Stefano Pioli, che ha segnato appena 16 gol e ne ha invece subiti 19. Il Sassuolo di Roberto De Zerbi invece ha finora raccolto 15 punti tramite quattro vittorie, tre pareggi e sette sconfitte con una partita ancora da recuperare, l’ottimo dato di 26 gol segnati ma anche 27 subiti per una differenza reti pari a -1. Adesso però non è più tempo di numeri e parole: leggiamo le formazioni ufficiali di Milan Sassuolo, poi la partita comincia! MILAN (4-3-3): Donnarumma G.; Conti, Musacchio, Romagnoli, Hernández; Kessie, Bennacer, Bonaventura; Suso, Piątek, Çalhanoğlu. A disp.: Donnarumma A., Reina; Calabria, Caldara, Gabbia, Rodríguez; Biglia, Krunić, Paquetá; Castillejo, Leão, Rebić. All.: Pioli. SASSUOLO (4-2-3-1): Pegolo; Toljan, Marlon, Ferrari, Kyriakopoulos; Magnanelli, Locatelli; Berardi, Djuricic, Boga; Caputo. A disp.: Turati; Muldur, Peluso, Rogerio, Romagna, Tripaldelli; Bourabia, Duncan, Mazzitelli, Obiang, Traoré; Raspadori. All.: De Zerbi. (Agg. di Mauro Mantegazza)

PIOLI CONTRO DE ZERBI

Manca sempre meno alla diretta di Milan Sassuolo per la Serie A e certo dobbiamo ora dare spazio anche ai due allenatori che saranno chiamati oggi in campo a San Siro. A fare gli onori di casa in questo turno sarà Stefano Pioli, arrivato a dirigere lo spogliatoio dei rossoneri solo nel mese di ottobre. Per il tecnico di Parma siamo quindi alla vigilia della nona presenza sulla panchina del diavolo e fino ad oggi ha messo da parte una media punti di 1,38 a incontro, ancora migliorabile. Va aggiunto che Pioli curiosamente è ex del match, avendo diretto il Sassuolo nella stagione 2009-2010. Di contro oggi ci sarà Roberto De Zerbi, attuale allenatore neroverde e per la precisione dal luglio del 2018 e giunto dunque alla sua 58^ presenza alla panchina emiliana. L’allenatore di Brescia (che pure come giocatore ha servito i colori rossoneri) ha poi messo da parte una media punti di 1,18 a incontro finora.

I TESTA A TESTA

Andiamo a vedere i precedenti della diretta di Milan Sassuolo. La gara si è giocata allo Stadio Giuseppe Meazza per 7 volte con il bilancio nettamente in favore dei rossoneri che hanno collezionato 5 successi, 1 sola la vittoria dei neroverdi così come i pareggi. La squadra emiliana viene giustamente considerata una bestia nera per il Milan, ma soprattutto per le sfide giocate al Mapei Stadium. Nella scorsa stagione il Milan si impose per 1-0, grazie a un autorete alla mezzora di Pol Lirola. La gara più pittoresca è sicuramente il 4-3 dell’ottobre del 2016. I rossoneri erano passati in vantaggio la nono minuto con Bonaventura, col pareggio che era arrivato appena un minuto dopo ad opera di Politano. I neroverdi erano clamorosamente andati sul 3-1 grazie ai gol di Acerbi e Pellegrini, subendo poi la rimonta della squadra allora di Vincenzo Montella in rete con Bacca su rigore, Locatelli e Paletta. L’unica vittoria del Sassuolo a Milano risale invece al gennaio dell’anno precedente. La gara terminò 1-2 con il Milan che era passato in vantaggio con Poli, subendo le reti di Sansone e Zaza. (agg. di Matteo Fantozzi)

ORARIO E PRESENTAZIONE

Milan Sassuolo viene diretta dal signor Gianluca Manganiello e si gioca alle ore 15:00 di domenica 15 dicembre, presso San Siro: siamo nella 16^ giornata del campionato di Serie A 2019-2020, e per i rossoneri c’è una bella occasione per risalire la corrente in classifica dopo le due vittorie in trasferta. Terza sfida consecutiva contro squadre emiliane: i colpi di Parma e Bologna hanno ridato al Milan un po’ di fiducia dopo il periodo complicato e adesso Stefano Pioli dovrà provare a fare il definitivo salto di qualità andando a onorare il fattore campo, contro una squadra che non riesce a trovare ritmo. Dopo il bel pareggio in casa della Juventus infatti il Sassuolo ha colto un altro 2-2, ma di natura ben diversa: in vantaggio di due reti si è fatto rimontare al 90’ dal Cagliari sprecando una bella opportunità per allontanare forse definitivamente la zona retrocessione, così che ora per Roberto De Zerbi questo impegno pomeridiano assume contorni più delicati. Vediamo dunque in che modo i due allenatori intendono disporre le loro squadre sul terreno di gioco del Meazza, leggendo le probabili formazioni mentre aspettiamo la diretta di Milan Sassuolo.

PROBABILI FORMAZIONI MILAN SASSUOLO

Nelle probabili formazioni di Milan Sassuolo notiamo che Stefano Pioli potrebbe confermare gli stessi undici che avevano iniziato al Dall’Ara: dunque, davanti a Gigio Donnarumma una difesa che salvo defezioni è sempre stata invariata, con Musacchio e Alessio Romagnoli centrali e due terzini come Andrea Conti e Théo Hernandez. A centrocampo Kessie vince il ballottaggio su Paquetà e Bonaventura si prende l’altra maglia sull’interno, Bennacer sarà il playmaker basso mentre nel tridente offensivo avremo Suso e Calhanoglu che accompagneranno Piatek, tornato a segnare anche se solo su rigore. Sassuolo con il solito 4-2-3-1: scalpita Consigli che potrebbe recuperare e sfilare la maglia da portiere al giovane Turati, davanti a lui dovremmo avere Romagna e Marlon (ma insidiato da Gian Marco Ferrari) mentre Toljan e Kyriakopoulos saranno ancora i laterali bassi. L’ex Locatelli e Magnanelli dovrebbero formare la coppia in mediana, davanti a loro Djuricic come trequartista stretto tra Domenico Berardi e Boga con Caputo che farà la prima punta di riferimento.

QUOTE E PRONOSTICO

Nel pronostico di Milan Sassuolo stilato dall’agenzia di scommesse Snai i rossoneri partono favoriti: la quota per il segno 1 sulla loro vittoria vale infatti 1,55 volte la puntata con questo bookmaker, mentre arriviamo ad un valore di 4,50 volte la cifra messa sul piatto con il segno X, che identifica il pareggio, e il successo esterno dei neroverdi identificato dal segno 2 vi permetterebbe di guadagnare una somma corrispondente a 5,50 volte la giocata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA