Diretta/ Venezia Cremona (risultato finale 78-75): la Reyer vince, ci sarà gara-5!

- Claudio Franceschini

Diretta Venezia Cremona, risultato finale 78-75: la Reyer vince una partita incredibile, pareggia sul 2-2 la semifinale playoff e guadagna gara-5, che verrà giocata però in casa Vanoli.

Diener Haynes Cremona Venezia lapresse 2019
Diretta Venezia Cremona, gara-4 semifinale playoff (Foto LaPresse)

DIRETTA VENEZIA CREMONA (RISULTATO FINALE 78-75)

Venezia Cremona 78-75: la Reyer vince una partita incredibile, dominata nel primo tempo e giocata malissimo nel secondo, forzando gara-5 che deciderà quale squadra raggiungerà Sassari in finale. Quarto periodo pazzesco: Venezia sembra averla chiusa e invece ancora una volta Cremona risorge, arriva fino al -6 quando Andrea De Nicolao, senza punti nella serata, segna una tripla che mette una parola fine… o pare sia così, perché ancora una volta gli orogranata smarriscono la via del canestro. Mitchell Watt (19 punti), che aveva 3/3 dalla lunetta, ne sbaglia due in fila; Andrew Crawford, tenuto a 0 punti, ne infila due che portano clamorosamente la Vanoli a un solo possesso di distanza. La palla del pareggio ce l’ha l’MVP di regular season ma sbaglia il decimo tiro su dieci della sua pessima gara-4, Watt recupera il rimbalzo e Michael Bramos, l’uomo dello scudetto di due anni fa, segna il canestro che significa vittoria, perché subito dopo il tmeout la Vanoli perde palla e partita con Austin Daye (11 punti e 8 rimbalzi) che sigilla dalla linea della carità. Tornerà al PalaRadi per gara-5, sapendo però di aver possibilmente gettato alle ortiche una grande occasione. (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA CREMONA (60-50): 4^ QUARTO

Cremona Venezia 60-50: in questa semifinale playoff sta davvero succedendo di tutto. Anche che la Vanoli, che sembrava morta e sepolta sotto i 49 punti della Reyer nel primo tempo, rientri in metà terzo periodo: Mitchell Watt segna per gli orogranata che toccano quota 51 ma poi è un assolo lombardo, grazie al contributo di giocatori diversi ma in particolar modo con l’atletismo di Mangok Mathiang, la tripla esiziale di Michele Ruzzier e Peyton Aldridge. La Reyer non segna letteralmente più, gli ospiti arrivano al -9 riportando lo svantaggio in singola cifra ma nel momento in cui potrebbero rientrare totalmente sono imprecisi in alcuni dettagli e permettono a Gaper Vidmar di spezzare l’equilibrio. Sono passati 6 minuti nel terzo periodo e Venezia ha segnato appena 4 punti, facendo anche peggio di quanto la Vanoli aveva fatto nel primo quarto; il momento di svolta però sembra passare, ancora Vidmar e poi Austin Daye ricacciano la Vanoli a -15 con Giampaolo Ricci che litiga con il canestro e non riesce a mettersi in ritmo. Invece Wesley Saunder ha ancora qualcosa da dire, gli orogranata ricadono nei loro errori – soprattutto palle perse e tiri forzati – e permettono a Cremona di rientrare fino a -8. In tutto questo, Andrew Crawford ha 0/9 dal campo: dovesse accendersi, potremmo vedere un quarto periodo di tipo diverso… (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

La diretta tv di Venezia Cremona, ancora una volta, sarà trasmessa dalla televisione di stato: bisognerà andare su Rai Sport (o sul suo “gemello” Rai Sport +) con la possibilità di visitare il sito www.raiplay.it con apparecchi mobili quali PC, tablet e smartphone. In alternativa come sempre c’è il canale Eurosport 2, riservato però ai soli clienti della televisione satellitare; la diretta streaming video sarà disponibile anche per tutti gli abbonati alla piattaforma Eurosport Player, che per tutta la stagione ha fornito l’intera gamma delle partite di basket A1.

CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING VIDEO SU RAIPLAY

VENEZIA CREMONA (49-31): INTERVALLO

Venezia Cremona 49-31: la Vanoli non poteva giocare peggio del primo quarto, e infatti ha ripreso vigore segnando 21 punti ma, all’intervallo lungo, ne ha recuperati appena due a una Reyer che continua a essere padrona della partita. Le percentuali degli orogranata si sono abbassate anche per merito di Cremona che ha ripreso a girare anche in difesa, ma un ottimo Stefano Tonut (15 punti con 5/6 da 2), MarQuez Haynes che si è acceso nel secondo periodo e Mitchell Watt hanno permesso ai padroni di casa di rimanere sempre a distanza di sicurezza, rintuzzando i tentativi dei lombardi. Che, pian piano, stanno prendendo ritmo: lo ha fatto di sicuro Mangok Mathiang che è già arrivato a 10 punti, bene anche Giampaolo Ricci e Wesley Saunders che rimane sempre temibilissimo, come ha già dimostrato in gara-3. Adesso Cremona ha un solo compito: rientrare con un’altra faccia nel secondo tempo e provare a diminuire il margine tra le due squadre, in caso contrario Venezia potrebbe prendere ancora più fiducia e chiudere definitivamente i conti, guadagnandosi il ritorno al PalaRadi per gara-5. (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA CREMONA (30-10): 2^ QUARTO

Venezia Cremona 30-10: avvio forte della Reyer in gara-4 di semifinale playoff, ma non poteva essere che così visto che la squadra lagunare ha le spalle al muro e non può che vincere per prolungare la serie. Attenzione, perché quando Mitchell Watt è in serata per gli avversari sono dolori: il centro arriva rapidamente in doppia cifra, Venezia come di consueto si appoggia molto alla fisicità dei suoi lunghi e infatti anche Gasper Vidmar è efficace e scava il canestro del +15 (22-7) sul rimbalzo offensivo di Bruno Cerella, gettato nella mischia da Walter De Raffaele e capace di essere incisivo. Stefano Tonut converte un gioco da tre punti sul fallo di Andrew Crawford – pessimo il suo inizio per il +18: Mangok Mathiang spezza il digiuno cremonese, ma Austin Daye sigilla addirittura il +19 che diventa +20 con i liberi di Tonut nel finale; che gara-4 della semifinale sia già in ghiaccio? Sembra essere così, ma attenzione a quello che potrebbe succedere nel proseguimento visto che in questa serie, e in tutto il campionato, la Vanoli ha dimostrato grande carattere… (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA CREMONA (0-0): PALLA A DUE!

Venezia Cremona sta finalmente per cominciare: nel terzo episodio della semifinale playoff abbiamo visto tra i protagonisti anche Michele Ruzzier, che ha giocato 15 minuti senza mettere punti ma ha smazzato 4 assist importanti. Come sappiamo, il playmaker triestino è un ex: ha infatti giocato con la maglia della Reyer tra il 2014 e il 2016, disputando un totale di 58 partite in regular season ad una media di 2,8 punti. In quel periodo era ancora piuttosto giovane e nelle rotazioni partiva alle psalle di giocatori affermati come Phil Goss e Julyan Stone, ma anche Jarrius Jackson e naturalmente Mike Green – parlando della stagione seguente. Dopo un prestito alla Fortitudo Bologna, Ruzzier è arrivato a Cremona e sembra aver trovato la sua giusta dimensione: con la maglia della Vanoli ha segnato 5,3 punti per gara e nella serie contro la “sua” Trieste ha ottenuto 5,4 punti di media, segnandone 12 in gara-2 con un ottimo 4/6 dal campo. Sarà determinante anche questa sera, magari risultando come elemento a sorpresa per l’eventuale qualificazione della sua squadra alla finale scudetto? Per saperlo non dobbiamo fare altro che metterci comodi e lasciare che a parlare sia il campo, perchè finalmente gara-4 di Venezia Cremona, attesissima e davvero incerta, sta per cominciare! (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA CREMONA: IL PROTAGONISTA

Venezia Cremona ha un protagonista di eccezione: stiamo parlando di Wesley Saunders, guardia losangelina che compirà 26 anni tra 11 giorni. Nel suo passato c’è anche un tentativo di andare in NBA, anche se poi si è limitato a giocare nella D-League; la Vanoli lo ha pescato dal campionato finlandese dove aveva ottime statistiche, e va detto che Saunders è riuscito a confermarsi anche nella nostra Serie A1. In gara-3 della semifinale il numero 1 ha chiuso con 18 punti, 6/12 dal campo, 7 rimbalzi, 2 assist e un recupero per 22 di valutazione: un miglioramento netto rispetto alla serie del primo turno contro Trieste, quando aveva avuto 11,0 punti (ma anche 8,5 rimbalzi), in semifinale Saunders sta garantendo 16,7 punti e 5,0 rimbalzi ma anche 3,0 assist per gara, tirando sempre sopra il 50% da 2 punti. Seconda partita consecutiva con 18 punti e soprattutto, due sere fa, tutti i canestri decisivi per impedire a Venezia di allontanarsi e per vincere: adesso chiaramente Meo Sacchetti si affida al suo talento per evitare di tornare al PalaRadi, chiudere la serie in quattro partite e volare in finale contro la sua ex Sassari. (agg. di Claudio Franceschini)

VENEZIA CREMONA: ORARIO E PRESENTAZIONE

Venezia Cremona, in diretta dal Taliercio, si gioca alle ore 20:45 di mercoledì 5 giugno: gara-4 della semifinale playoff di basket A1 2018-2019 riparte dal 2-1 che la Vanoli ha conquistato due sere fa, espugnando il parquet lagunare e riuscendo dunque a riprendersi il fattore campo, che la Reyer aveva strappato in gara-1. A questo punto è primo match point a favore di Meo Sacchetti e della sua banda: una vittoria esterna manderebbe Cremona a giocare la finale contro Sassari che ha eliminato Milano con un netto 3-0. Per quello che abbiamo visto nei primi due episodi della serie, potrebbe finire con qualunque risultato: gara-3 è finita all’overtime e con basso punteggio, entrambe le squadre sono state in corsa per una vittoria che alla fine la Vanoli è stata brava a prendersi. Vedremo allora come andranno le cose nella diretta di Venezia Cremona, la cui palla a due è attesa ormai tra poche ore.

VENEZIA CREMONA: RISULTATI E CONTESTO

Gara-3 di Venezia Cremona è stata spettacolare, anche se come detto il punteggio non è stato altissimo: la serie è dominata in particolar modo dalle difese, con l’eccezione del primo episodio. Per due volte Venezia ha avuto il vantaggio, per due volte la Vanoli ha impattato: si è arrivati all’overtime dove la squadra di casa è partita meglio, ma non è riuscita a staccarsi e ha permesso ai lombardi di allungare con il primo canestro di serata di Vojislav Stojanovic e quello del solito Wesley Saunders, che ancora una volta è stato determinante nel creare separazione e mettere tutti i tiri importanti. Venezia ci ha provato, ma lo scintillante Austin Daye del primo quarto è calato vistosamente alla distanza nonostante abbia chiuso con 18 punti; adesso la Reyer ha le spalle al muro e in ogni caso portare a casa la serie diventa difficile, perchè se anche dovesse vincere gara-4 andrebbe a giocare la partita decisiva al PalaRadi, e dunque per andare in finale dovrebbe ottenere un altro successo esterno. Ad ogni caso noi non possiamo fare altro che metterci comodi e lasciare che a parlare sia il campo, dove le due squadre faranno a breve il loro ingresso per giocare questa partita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA