Elena Di Cioccio, scuse a Walter Zenga a Le Iene/ “Mi spiace, ho superato il limite”

- Davide Giancristofaro Alberti

Elena Di Cioccio è stata protagonista ieri di un breve monologo per scusarsi con Walter Zenga e il figlio Andrea, dopo alcune parole decisamente forti

elena di cioccio iene 640x300
Elena Di Cioccio a Le Iene

Elena Di Cioccio è tornata ieri a Le Iene, e lo ha fatto per chiedere scusa a Walter Zenga e al figlio Andrea, chiarendo la propria posizione. L’ex Iena è stata infatti querelata dall’Uomo Ragno, e dovrà andare a processo a seguito di alcune frasi proferite dalla stessa nei confronti dell’ex portiere, risalenti all’anno scorso, precisamente al 29 gennaio del 2021. Nel corso di una diretta del Grande Fratello Vip Elena Di Cioccio aveva accusato Walter Zenga di essere un bullo, dopo un duro confronto dello stesso con il figlio, all’epoca concorrente del Gf Vip.

“Un padre dall’ego ipertrofico, una persona inutile”, aveva commentato l’ex Iena, come ricorda GossipeTv, e ancora: “Zenga padre parla come un 16enne bullo a suo figlio che è diventato adulto”, quindi la frase più forte e da condannare assolutamente: “Fai schifo come uomo e come padre. Vergognati. Sei una mer…”. Walter Zenga era quindi passato alle vie legali, prima querelando la iena e poi arrivando a processo (prima udienza il prossimo 16 giugno).

ELENA DI CIOCCIO, MEA CULPA A LE IENE: “QUANDO SEI PICCOLO NON CAPISCI…”

Elena Di Cioccio ha voluto fare mea-culpa, spiegando di fatto cosa l’abbia spinta a commentare in maniera così forte l’incontro fra Walter Zenga e il figlio, ovvero, la sua esperienza personale, lei che è figlia del musicista Franz di Cioccio della PFM, padre che definisce “ingombrante”. “Quando sei piccolo non capisci – il monologo di Elena Di Cioccio a Le Iene – sai solo che tuo padre ti manca e che lo vorresti accanto”.

“E quel mi dispiace – ha proseguito – che noi figli non abbiamo sentito mi ha fatto arrabbiare, avrei voluto entrare nella casa e urlare “Walter dì a tuo figlio che gli vuoi bene e che ti dispiace, non all’uomo, ma dillo al bambino che ha sofferto la tua assenza!”. Invece di tenermi questi pensieri per me ho stupidamente fatto un tweet maldestro, subito cancellato, ma non è una scusante. C’è un limite a quello che possiamo dire sulla vita degli altri e io l’ho superato […] Quel “mi dispiace” che i nostri padri non ci hanno detto oggi tocca a me dirlo, sinceramente, Andrea e Walter mi dispiace”. Qui il monologo di Elena Di Cioccio a Le Iene







© RIPRODUZIONE RISERVATA