GHALI INFIAMMA IL PALCO CON GOOD VIBES/ Gli auguri a Radio Italia Live

- Ilaria Macchi

Ghali ha vissuto un’infanzia difficile (è stato cresciuto dalla mamma mentre il papà era in carcere): il successo ha rappresentato per lui un riscatto.

Ghali
Ghali

Radio Italia Live 2022, Ghali esegue un medley e fa gli auguri a Radio Italia

Il concerto musicale più atteso della primavera 2022, il Radio Italia Live 2022, vede Ghali eseguire un medley di successi, tra cui Good Times, un brano che fa scatenare il pubblico accorso al live di Milano. Ghali così infiamma il palco del concerto milanese dedicato a Radio Italia, che in questi giorni celebra il suo prima quarantennale. Gli auguri di Ghali rivolti a Radio Italia sono rappresentati dall’annuncio di un nuovo tour: “Dal 20 luglio gireremo in tutta Italia”. (Aggiornamento di Serena Granato).

Ghali ospite a Radio Italia Live 2022

Ghali è uno dei rapper più apprezzati e amato soprattutto dai giovanissimi, ma è proprio la sua storia che lo ha reso determinato a fare il possibile per realizzare i suoi sogni. E farlo con la musica, che rientra da sempre tra le sue passioni, è proprio uno di questi.

Lui non ha mai nascosto le sue origini tunisine, ma queste non gli hanno impedito di conoscere da vicino un fenomeno che è ancora oggi troppo diffuso nella nostra società: il razzismo. E lui non ha avuto alcun timore nel raccontarlo: “Agli inizi della mia carriera ho lavorato con i Club Dogo, Guè e Fedez – ha detto a ‘Il Fatto Quotidiano’ -. Venivo apprezzato per come scrivevo e producevo. Poi accadeva che caricavo su YouTube dei pezzi miei e venivo inondato di commenti a sfondo razzista. Sono passati anni, mi sono preso le miei rivincite, ma certe sensazioni ti rimangono ancora addosso. Ci vuole tempo”

Ghali e il suo passato difficile: la voglia di riscatto

La sua passione per la scrittura  è nata sin da bambino, ma questo lo ha portato a subire forti discriminazioni dai suoi stessi coetanei. Nonostante questo, lui non si è arreso, al punto tale da riuscire a farsi conoscere e guadagnarsi soprannomi di impatto come “poeta del rap” e “nuovo Jovanotti. Ed è proprio per quest’ultimo che lui sogna di comporre un brano.

Queste non sono state però le uniche difficoltà che ha vissuto da piccolo. Il papà, infatti, era in carcere ed è per questo che la mamma si è trovata costretta a crescerlo da sola. Quando aveva 38 anni la donna ha scoperto di essere ammalata di cancro, ma ha fortunatamente sconfitto quel brutto male: Ghali è convinto che quello sia stato un vero miracolo. Ed è a lei che lui ha dedicato il suo primo singolo, oltre che un messaggio dolcissimo sui social: “Ciao mamma, ora puoi stare tranquilla, non sono mai stato il primo della classe, però sono ora il primo in classifica e questo lo dedico a te”. Nei momenti più difficili lui aveva iniziato a pensare di avere un amico immaginario con cui confidarsi, cosa che in quel periodo non era possibile fare con i coetanei.

 





© RIPRODUZIONE RISERVATA