Inter eliminata dalla Champions League/ Pareggio 0-0: Conte fuori da tutto!

- Mauro Mantegazza

Inter eliminata dalla Champions League e fuori anche dalla Europa League, il pareggio per 0-0 contro lo Shakhtar sancisce la disfatta europea di Antonio Conte.

Inter gruppo
Inter si qualifica se (Foto LaPresse)

INTER ELIMINATA DALLA CHAMPIONS LEAGUE E FUORI DA TUTTO!

Inter eliminata dalla Champions League e ultima nel suo girone, dunque per i nerazzurri di Antonio Conte non ci sarà nemmeno il ripescaggio in Europa League che d’altronde, per come si erano messe le due partite di stasera, non era più una possibilità. Vincendo, l’Inter si sarebbe qualificata per gli ottavi di Champions League; invece è finita con un pareggio per 0-0 contro lo Shakhtar Donetsk e di conseguenza l’Inter è fuori da tutto. La partita è stata un assedio dei nerazzurri, come già all’andata, ma se in 180 minuti dominando non segni nemmeno un gol, ecco quattro punti buttati via, che aggiunti alla doppia sconfitta contro un Real Madrid di certo non scintillante completano la disfatta europea dell’Inter 2020-2021. A rendere tutto più amaro provvede il fatto che il Real Madrid nell’altra partita ha vinto per 2-0 contro il Borussia Monchengladbach, dunque non c’è stato il tanto temuto “biscotto” nella capitale spagnola, ma nemmeno questo è bastato all’Inter, che già a dicembre si ritrova fuori da tutto. All’Inter adesso resta il campionato, e magari non avere le Coppe alla lunga da questo punto di vista potrebbe essere un vantaggio: in questo momento però si tratta di una consolazione davvero modestissima per un flop destinato a fare rumore. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

INTER SI QUALIFICA SE… BRUTTE NOTIZIE ALL’INTERVALLO

L’Inter all’intervallo è ancora ferma sul pareggio per 0-0 contro lo Shakhtar Donetsk e questo segno X non basterebbe per far sì che l’Inter si qualifichi agli ottavi di finale di Champions League, dal momento che la condizione necessaria (e purtroppo da sola neanche sufficiente) per sperare è appunto una vittoria dei nerazzurri. Ricordiamo naturalmente che le possibilità dell’Inter di qualificarsi per gli ottavi di finale di Champions League dipendono anche dall’altra partita del girone B, dunque è doveroso fare presente pure che, quando anche in Spagna siamo giunti all’intervallo, il match tra Real Madrid e Borussia Monchengladbach vede in vantaggio i padroni di casa di Zinedine Zidane per 2-0 e questa sarebbe una buona notizia per i nerazzurri, perché vuol dire che si riducono i rischi di un “biscotto” tra gli spagnoli e i tedeschi. Tuttavia dovrà essere capace l’Inter di approfittarne: in caso di buone notizie da Madrid l’impresa non sarebbe impossibile, ma naturalmente i nerazzurri dovranno vincere. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

SI COMINCIA!

Stasera scopriremo se l’Inter saprà qualificarsi per gli ottavi di Champions League. Di certo, possiamo dire che il girone B è stato “pazzo” (parola che spesso ricorre quando c’è di mezzo l’Inter…). Lo Shakhtar Donetsk, odierno avversario dei nerazzurri, è l’esempio perfetto in tal senso: in quale altro modo si potrebbe definire una squadra che vince sia all’andata sia al ritorno contro il Real Madrid e invece contro il Borussia Monchengladbach prende dieci gol in due partite? Augurandoci per gli uomini di Antonio Conte che lo Shakhtar sia in “versione Borussia”, è chiaro che sono stati tanti i risultati anomali. Per il Real Madrid abbiamo due vittorie contro l’Inter, un pareggio faticoso agguantato in extremis all’andata a Monchengladbach e le due sconfitte contro gli ucraini: anche per Zinedine Zidane dunque c’è davvero poca logica nei risultati. I tedeschi potrebbero invece rimpiangere a caro prezzo le prime due giornate, quando furono acciuffati nel finale sia dall’Inter sia dal Real Madrid. La morale della favole è che fare calcoli in questo girone è pericoloso: cediamo allora la parola al campo! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

I PRECEDENTI

In attesa di scoprire se l’Inter si qualificherà per gli ottavi di Champions League, possiamo fare un tuffo nella storia. Quella più recente è infausta, perché nelle ultime due partecipazioni i nerazzurri si sono sempre giocati tutto alla sesta giornata, ma ne sono usciti male: due anni fa un pareggio casalingo contro il Psv Eindhoven, l’anno scorso la sconfitta sempre in casa contro un Barcellona già qualificato – tutto questo per ricordare che, prima di pensare a “biscotti” altrui, bisogna vincere la propria partita contro lo Shakhtar Donetsk, altrimenti ogni calcolo sarà inutile e il destino sarà anche peggiore delle scorse due stagioni, perché non ci sarebbe nemmeno il terzo posto con passaggio in Europa League, bensì l’Inter sarebbe fuori da tutto. Meglio allora tornare al 2009-2010: anche allora l’Inter nella sesta giornata giocava al Meazza una partita decisiva, però in quel caso gli uomini di José Mourinho vinsero per 2-0 contro i russi del Rubin Kazan e poi ricordiamo tutti benissimo che cosa sarebbe successo nei mesi successivi, fino al 22 maggio 2010… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

COSA SERVE?

L’Inter si qualifica agli ottavi di Champions League se vincerà questa sera contro lo Shakhtar Donetsk, a patto che Real Madrid e Borussia Dortmund non pareggino nell’altra partita di un intricatissimo girone B, nel quale praticamente è ancora tutto possibile. I calcoli sono di conseguenza piuttosto complicati da fare, perché le possibili combinazioni sono davvero tante e potrebbero anche implicare scontri diretti o classifiche avulse. Tutto sommato, però, è facile tenere in mente che cosa servirà all’Inter per raggiungere gli ottavi della Champions League 2020-2021: una vittoria, senza però un pareggio nell’altra partita del girone, che condannerebbe infatti i nerazzurri al terzo posto a causa degli scontri diretti sfavorevoli contro il Real Madrid e dunque al passaggio in Europa League (come nelle precedenti due stagioni) anche in caso di vittoria. Un successo è d’altronde condizione necessaria per l’Inter, attualmente ultima sia pure in una classifica cortissima, perché con una sconfitta o anche in caso di pareggio i nerazzurri resterebbero quarti e sarebbero eliminati da tutto, chiudendo davvero troppo presto la loro stagione europea.

IL CAMMINO NEL GIRONE

Come siamo giunti a questa situazione tale per cui l’Inter si qualifica per gli ottavi di Champions League solo con una vittoria a patto inoltre che nell’altra partita non ci sia un pareggio tra Real Madrid e Borussia Monchengladbach? I nerazzurri pagano un cammino fin qui molto deludente nel girone B di Champions League, cominciato con il pareggio casalingo per 2-2 contro i tedeschi, acciuffato da Lukaku solamente al 90′ minuto. Poi è arrivato il pareggio per 0-0 in Ucraina contro lo Shakhtar, forse la partita con più rimpianti, perché l’Inter dominò senza però trovare la via della rete: con un successo in quella partita, adesso i calcoli sarebbero molto diversi. Il punto più basso sono però state le due sconfitte contro un Real Madrid di certo non esaltante in questa stagione, ma comunque capace di vincere per 3-2 in casa e poi anche di espugnare San Siro per 0-2, conquistando ovviamente il vantaggio negli scontri diretti che sarebbe una condanna per l’Inter in caso di pareggio tra gli spagnoli e il Borussia Monchengladbach. L’Inter dunque era in bilico già settimana scorsa, ma vincendo 2-3 in Germania è rimasta viva: oggi saprà completare la rimonta?





© RIPRODUZIONE RISERVATA