Loredana Bertè/ Arena in delirio: “Felice di rappresentare quegli anni fantastici”

- Dario D'Angelo

Loredana Bertè protagonista ad “Arena Suzuki 60 70 80”: ma la cantante di Bagnara Calabra non è un’interprete del passato, continua a mietere successi.

Loredana Bertè
La cantante Loredana Bertè

Loredana Bertè scatenata sul palco dell’Arena di Verona con un medley dei suoi successi. La cantante, ospite della prima puntata di Arena ’60 ’70 ’80, si gode il calore e l’affetto del pubblico, che l’accoglie con grande entusiasmo. “Siete veramente strepitosi!”, dice lei. Da ‘E la luna bussò’ a ‘Non sono una signora’, le canzoni sono davvero tante. “Non sarebbe stata una vera festa senza di te, le dice Amadeus.

“Voglio un gran bene a questa donna. Sono particolarmente affezionato anche all’Arena, dove ho visto la Bertè tante volte. Tante volte l’ho intervistata e non mi ha mai detto no e oggi ce l’ho qui al mio fianco”, continua orgoglioso il conduttore. “Sono emozionata di rappresentare quegli anni fantastici che hanno alimentato le mie consapevolezze”, chiude la Bertè. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

Loredana Bertè all’Arena di Verona con Amadeus

In un programma come Arena Suzuki 60 70 80 che si propone di celebrare i grandi successi e i grandi interpreti del passato non poteva certo mancare all’appello Loredana Bertè. Dopo un lungo periodo di assenza dai social che aveva tenuto in apprensione i suoi fan, la cantante calabrese la scorsa estate ha tranquillizzato tutti con un post in cui ha annunciato: “Ho dovuto fare un piccolo intervento, sono in convalescenza, ma piano piano mi sto riprendendo. Il tour non è stato interrotto ma è stata spostata una data. Non c’è nessuna emergenza né angoscia. La realtà viene manipolata molto spesso, quindi andiamo sempre a cercare le fonti ufficiali ed attendibili“. Alla fine le sue parole si sono rivelate corrette se è vero che in questi giorni la Bertè è stata protagonista di diversi concerti in cui non si è risparmiata come sua abitudine. Una buona notizia per tutti coloro che amano lo stile inconfondibile di un cavallo di razza della musica italiana come Loredana Bertè.

Loredana Bertè: un idolo in cui gli italiani si riconoscono

Quello ad Arena Suzuki 60 70 80 non sarà l’unioco appuntamento televisivo di Loredana Bertè in questo autunno 2021. L’interprete tornerà di nuovo su Rai Uno come coach di The Voice Senior, il programma di Antonella Clerici. La presenza di Loredana è garanzia di ascolti: si tratta infatti di un personaggio molto amato dal pubblico italiano, che si riconosce in un’esperienza di vita fatta tanto da successi quanto da cadute e successive risalite. La vita sentimentale di Loredana Bertè ad esempio è stata molto sfortunata. Due i suoi matrimoni, entrambi finiti male: la prima volta con Robert Berger, con cui è stata sposata quattro anni; la seconda, nel 1989, con il grande tennista Björn Borg. Con il campione svedese si dice che il matrimonio sia finito per incomprensioni di natura caratteriale, anche se Loredana ha raccontato di non essere mai stata gradita dai genitori di lui.

Loredana Bertè: cantante di ieri ma anche di oggi

Il suo nome completo è Loredana Carmela Rosaria ed è nata a Bagnara Calabra il 20 settembre del 1950, tre anni dopo è nata sua sorella, l’indimenticabile Mia Martini, nata proprio lo stesso giorno e morta nel 1995. I genitori erano tutti e due insegnanti; il padre è scomparso nel 2017 e la madre nel 2003. Loredana ha anche due sorelle, ovvero Leda e Olivia; la prima è più grande di quattro anni, l’altra è più piccola di otto. In più occasioni Loredana ha detto di aver avuto un’infanzia difficile, in quanto il padre era violento e la madre era molto assente. Di pochi giorni fa la notizia di un importante riconoscimento: il disco d’oro per “Che sogno incredibile”, il brano cantato in coppia con Emma Marrona. Perché Loredana sarà pure imprescindibile per Arena Suzuki 60 70 80, ma lo stesso si potrà dire per un evento che dovesse celebrare gli anni Venti del Ventunesimo secolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA