Martina Trevisan, semifinale al Roland Garros/ Bertolucci: “Se la gioca!” (esclusiva)

- int. Paolo Bertolucci

Martina Trevisan in semifinale al Roland Garros 2022: il punto di Paolo Bertolucci che in esclusiva parla dell’impresa della tennista fiorentina e della sua prossima avversaria Coco Gauff.

Martina Trevisan esultanza Roland Garros lapresse 2022 640x300
Martina Trevisan gioca la semifinale del Roland Garros 2022 (Foto LaPresse)

MARTINA TREVISAN IN SEMIFINALE AL ROLAND GARROS 2022: IL PUNTO DI PAOLO BERTOLUCCI

Dopo nove anni dalla semifinale di Sara Errani un altro exploit di una tennista al Roland Garros. E’ Martina Trevisan, che a 28 anni raggiunge questo risultato dopo aver sconfitto nei quarti di finale la canadese Leylah Fernandez. Se la vedrà in semifinale con la statunitense Coco Gauff, la diciottenne ragazza prodigio del tennis mondiale, designata erede delle sorelle Williams (a Wimbledon, tre anni fa, proprio battendo Venus era diventata la più giovane tennista a vincere un match nel tabellone principale dei Championships, iniziando a rivelarsi al mondo).

Un match tutto da giocare per Martina Trevisan – che due anni fa, in rimonta, lo aveva vinto al secondo turno per poi approdare fino ai quarti, dove era stata eliminata dalla futura campionessa Iga Swiatek – pronta a sfruttare fino in fondo questa grande occasione della sua carriera. Per presentare questa semifinale (Trevisan Gauff si gioca giovedì 2 giugno al Roland Garros 2022) e parlarci proprio di Martina Trevisan abbiamo sentito Paolo Bertolucci. Eccolo in questa intervista a ilsussidiario.net.

Martina Trevisan in semifinale al Roland Garros nove anni dopo Sara Errani: se l’aspettava? Sinceramente no ed è stata una bella sorpresa, una grande cosa. Specie per me che l’avevo anche allenata quando era ragazzina al Tennis Club Santa Croce sull’Arno. Me la ricordo ancora quando sorrideva. E’ stato propria bella questa semifinale al Roland Garros…

A 28 anni l’esplosione della tennista fiorentina, è nata una stella? No non diciamo questo, un traguardo importante per Martina Trevisan che però già nel 2020 aveva raggiunto i quarti di finale proprio al Roland Garros. C’è però da dire che Martina Trevisan è stata anche sfortunata nella sua carriera, per cinque anni è stata fermata dall’anorresia. Poi si è ripresa e ora eccola qua in semifinale a Parigi.

Ora la semifinale con Coco Gauff, l’erede americana delle sorelle Williams come lo vede questo incontro? Tutto da vedere, tutto da giocare, potrà succedere veramente di tutto. In fondo adesso nel tennis non ci sono più tenniste imbattibili più come la Graf, Serena Williams. Solo la numero uno del mondo la Swiatek sembra proprio di un altro pianeta. Anche se può sempre capitare di tutto in una partita secca.

Fisicità impressionante, colpi da fondocampo micidiali cosa dovrà evitare Martina Trevisan per battere Coco Gauff, la ragazza prodigio del tennis? Giocare un tennis variato, un tennis con i suoi schemi, evitando il diritto della Gauff, il suo gioco da fondo campo. Credo che Martina Trevisan ce la possa fare. Dopo il successo nel torneo di Rabat sta attraversando un grande periodo di forma. Come testimonia questo torneo del Roland Garros. E’ una partita aperta a ogni risultato.

O più che i colpi stessi di Martina Trevisan, sarà la testa, le motivazioni che l’hanno portata a arrivare alla semifinale di Parigi, superando ogni pronostico? Le motivazioni le avranno sia Martina che la Gauff. La voglia di vincere, di arrivare in finale le avranno tutte e due.

Crede che Martina Trevisan possa arrivare alla finale di Parigi magari anche vincerla? Un passo per volta, un passo per volta, aspettiamo questa semifinale e poi vediamo.

La performance di Parigi potrebbe essere anche un impulso, un aiuto a tutto il tennis azzurro femminile? Speriamo, ci sono la Giorgi e la Trevisan che non sono più molto giovani. E’ un periodo di crisi per il tennis femminile. Magari i successi, questa semifinale al Roland Garros di Martina potrebbero essere un impulso per le nuove speranze del tennis femminile del futuro. Speriamo che sia così…

(Franco Vittadini)





© RIPRODUZIONE RISERVATA