MILAN SI QUALIFICA SE…/ Champions League, i risultati utili: fuori dall’Europa

- Mauro Mantegazza

Milan si qualifica agli ottavi se… in Champions League solo la vittoria è un risultato utile per andare avanti, mentre per il passaggio in Europa League…

Messias Milan
Junior Messias (LaPresse)

MILAN SI QUALIFICA AGLI OTTAVI SE: FUORI DALL’EUROPA

Il verdetto per sapere se il Milan si qualificherà per gli ottavi di finale di Champions League è arrivato, con i rossoneri che sono stati costretti a cedere sul traguardo, rinunciando non solo alle speranze di qualificazione agli ottavi di finale, ma anche a quelle di proseguire l’avventura in Europa. E’ arrivato infatti un ko interno contro in Liverpool che non ha regalato nulla ai rossoneri, 1-2 al 90′ e Milan dunque ultimo nel girone in virtù della vittoria dell’Atletico Madrid in un infuocato match in casa del Porto. Spagnoli agli ottavi, Porto terzo e ai play off di Europa League e Milan costretto a rinviare alla prossima stagione le ambizioni continentali. (agg. di Fabio Belli)

MILAN SI QUALIFICA AGLI OTTAVI SE: PARI AL 45′ A SAN SIRO

Scopriremo solo a fine gara se iMilan si qualificherà per gli ottavi di finale di Champions League, con la sfida a San Siro contro il Liverpool che si è chiusa sull’1-1 al 45′. Rossoneri in vantaggio al 29′ con Tomori, gol vitale visto che solo con una vittoria la formazione di Pioli proseguirebbe nella sua avventura europea. Il Liverpool però nonostante il primo posto già acquisito non ci sta a perdere ed ha ottenuto il pari al 36′ grazie a Momo Salah. 0-0 tra Porto e Atletico Madrid sull’altro campo del girone, con questo risultato sarebbero i lusitani ad accompagnare gli inglesi agli ottavi di finale, il Milan si dovrebbe accontentare al momento del terzo posto e del ripescaggio in Europa League. (agg. di Fabio Belli)

MILAN SI QUALIFICA AGLI OTTAVI SE: IN CAMPO A SAN SIRO!

Manca poco ormai al fischio d’inizio della partita che ci dirà se iMilan si qualificherà per gli ottavi di finale di Champions League, dovrà accontentarsi di passare in Europa League oppure vedrà terminare già stasera la propria avventura europea, cioè naturalmente Milan Liverpool. Questa partita richiama alla mente precedenti leggendari, nel male (2005) e nel bene (2007) per i rossoneri, che d’altronde in questo girone B stanno vivendo molti incroci speciali. Ad esempio, il Milan è in lotta con l’Atletico Madrid, che era stata l’ultima squadra affrontata dal Diavolo nel 2013-2014, anno dell’ultima partecipazione del Milan in Champions League.

L’Atletico Madrid fu vittorioso sia all’andata a Milano (0-1) sia al ritorno a Madrid (4-1) negli ottavi di finale ed eliminò il Milan, che però metterebbe per il momento la firma per arrivare di nuovo agli ottavi di finale. Per farlo, bisognerà battere il Liverpool, missione difficile anche con i Reds già qualificati: ci vorrebbe una prestazione stile primo tempo di Istanbul 2005, o qualcuno scatenato come il Pippo Inzaghi di Atene 2007… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

I RISULTATI CHE SERVONO AI RAGAZZI DI PIOLI!

Il Milan si qualifica agli ottavi di Champions League se… innanzitutto, possiamo dire che fa già piacere ritrovarci all’ultima giornata a fare questi calcoli, perché un inizio di cammino con tre sconfitte su tre lasciavano pensare a un ritorno in Champions League amarissimo per il Milan di Stefano Pioli. Il pareggio casalingo contro il Porto era stato un primo parziale sussulto, utile se non altro per evitare l’umiliazione dell’eliminazione già nella quarta giornata, ma l’impresa è stata due settimane fa, quando il Milan ha vinto in casa dell’Atletico Madrid rimettendosi pienamente in corsa per l’accesso agli ottavi di finale di Champions League.

La classifica del girone B ci dice che il Liverpool a quota 15 punti ha espresso una superiorità totale, poi c’è il Porto con 5 punti ed infine la coppia formata da Milan e Atletico Madrid a quota 4 punti. Oggi ci attendono Milan Liverpool e Porto Atletico Madrid: i rossoneri potrebbero approfittare dei Reds già ampiamente certi del primo posto, d’altronde è certo che in Portogallo almeno una delle due avversarie farà punti. Il Milan dunque è obbligato a vincere per arrivare secondo, ma nemmeno un successo è detto che basti. Infatti il Milan si qualificherà agli ottavi di Champions League solo in caso di vittoria unita a un pareggio in Porto Atletico Madrid, oppure anche ad un successo degli spagnoli, ma a patto di mantenere sull’Atletico Madrid il vantaggio nella differenza reti (al momento -2 Milan e -3 Atletico) oppure a scalare nei gol totali nel girone o ancora nei gol totali in trasferta nel girone, criteri che saranno utilizzati se i precedenti saranno pari.

MILAN SI QUALIFICA AGLI OTTAVI SE… CHAMPIONS LEAGUE: IN BILICO ANCHE IL TERZO POSTO

Il Milan dunque deve vincere e sperare in buone notizie da Porto per ottenere la qualificazione agli ottavi di Champions League, però naturalmente in caso di successo sarebbe certo di arrivare almeno terzo e dunque passare in Europa League anche nella peggiore delle ipotesi. In caso di pareggio oppure di sconfitta, invece, il terzo posto diventerebbe l’obiettivo massimo raggiungibile e le combinazioni si fanno ancora più complicate. Con un pareggio, il Milan sarebbe terzo in caso di successo del Porto, sarebbe eliminato da tutto con una vittoria dell’Atletico Madrid causa scontro diretto sfavorevole contro i lusitani, mentre in caso di pareggio anche al Dragao sarebbe a pari punti con l’Atletico e si applicherebbe quanto detto prima, ma con in palio solo il terzo posto.

Infine, paradossalmente almeno il passaggio in Europa League potrebbe concretizzarsi anche in caso di sconfitta, ma in questo caso è necessario che perda pure l’Atletico Madrid e sempre conservando il vantaggio negli altri criteri che giungeranno da discriminante in caso di arrivo a pari punti. Magari qualcuno dirà che a quel punto sarebbe invece meglio arrivare ultimi ed uscire da tutto per concentrarsi solamente sul campionato, ma questi sono calcoli che il Milan non deve pensare. L’obiettivo deve essere solo vincere contro il Liverpool, impresa già di suo per niente semplice…

© RIPRODUZIONE RISERVATA