VACCINO OBBLIGATORIO AI PROFESSORI?/ Green Pass a scuola, tensioni nel Governo

- Niccolò Magnani

Caos scuola e vaccini: obbligo vaccinale per i professori se entro il 12 settembre almeno il 93% non sarà immunizzato. Tutte le ipotesi sul Green Pass, tensione nel Governo

vaccini scuola
Lazio, campagna vaccini docenti scuola (LaPresse, 2021)

Potrebbe sbarcare già questo giovedì in Consiglio dei Ministri il tema molto delicato del Green Pass a scuola, o meglio dell’obbligo vaccinale per docenti e personale scolastico: come si evince dai vari focus qui sotto, la tensione non è da poco, tanto nel Governo quanto nella stessa scienza, seppur la linea principale che corre nella maggioranza è quella di inserire l’obbligo se oltre il 90% del personale non sarà vaccinato a settembre.

«Occorre anche che tutto il corpo docente che ancora non si è vaccinato, lo faccia entro l’inizio dell’anno scolastico per ridurre al minimo il rischio di contagi e scongiurare l’ennesima chiusura degli istituti. Se non sarà garantita la soglia di sicurezza di personale immunizzato, è bene valutare l’ipotesi di introdurre l’obbligo vaccinale per questa categoria», scrive sui social il Governatore della Liguria Giovanni Toti, in aperta distanza da un suo alleato di Governo sempre nel Centrodestra, il leghista Matteo Salvini. Per l’ex Ministro degli Interni, il Green Pass per accedere alla scuola non è neanche da considerare, «Non scherziamo, piuttosto dobbiamo continuare a vaccinare gli anziani e le persone fragili. Il vaccino salva la vita e questo è fuori discussione, ma dico no nell’obbligare i bimbi di 12-13 anni alla vaccinazione». Conte spinge per una scuola senza Dad, ma non chiede per il momento l’utilizzo del Green Pass obbligatorio, di contro invece il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi Giannelli, «Le condizioni per un rientro duraturo e in presenza dipendono essenzialmente dall’esito della campagna vaccinale per personale della scuola e studenti. L’alternativa a questo, deve essere chiaro a tutti, è la didattica a distanza». Come informa l’Agenzia ANSA, il Piano Scuola per il rientro in settembre sarà presentato dal Ministro MIUR Patrizio Bianchi il prossimo 29 luglio in Conferenza Stato-Regioni: all’incontro di oggi con i sindacati il ministro ha anticipato che adotterà a breve delle «specifiche linee guida a chiarimento del parere espresso dal Cts».

VACCINI A SCUOLA, IL PUNTO DI FIGLIUOLO

Tiene banco nel governo il dibattito sull’opportunità di varare il vaccino obbligatorio a insegnanti e personale scuola. La priorità di Mario Draghi è quello di assicurare un ritorno a scuola in presenza a partire dal mese di settembre, perciò non si esclude di intervenire in maniera mirata sulle (poche) sacche di resistenza nei confronti della vaccinazione ancora presenti nel comparto scuola. A dire la sua, come riportato da AdnKronos, è stato il commissario per l’emergenza Coronavirus, generale Francesco Paolo Figliuolo: “Dobbiamo riaprire le scuole, è un imperativo categorico. La scuola in presenza fa bene allo sviluppo sociale dei bambini“. Figliuolo ha spiegato che “abbiamo nove regioni che viaggiano dal 77 al 50% di personale scolastico non vaccinato, e questo non va bene. Quindi è importante che soprattutto in quelle regioni si convinca il personale docente e non docente a fare questo atto di generosità, perché solo così riparte il paese“. Figliuolo ha concluso: “E’ importante sapere quante sono le mancate adesioni a livello numerico, sempre nel rispetto della privacy, e quante di queste potrebbero dipendere dalla problematica sanitaria di persone che non possono vaccinarsi. Questa mappatura e’ importante per capire come procedere e che cosa fare“. (agg. di Dario D’Angelo)

VACCINO OBBLIGATORIO PER INSEGNANTI E PERSONALE SCUOLA?

Lo hanno detto sia il commissario all’emergenza COVID-19 Figliuolo, sia il Ministro della Salute Speranza: il primo obiettivo ora del Governo è la riapertura, se possibile in presenza, della scuola a settembre. L’esplosione della variante Delta (sui contagi, per ora non su ricoveri o vittime) ha impresso una nuova spinta alla prenotazione dei vaccini, specie dopo l’obbligo di Green Pass (dal 6 agosto) per entrare in ristoranti e attività al chiuso o con grandi assembramenti. Ma il punto di domanda riguarda il rientro nelle classi dopo l’estate: incognita sia per quanto riguarda la situazione epidemiologica, al momento non molto prevedibile, sia per la percentuale di vaccinati tra docenti, Ata e studenti che resta comunque al momento molto alta ma non del tutto completa (86% del personale scolastico ha ricevuto almeno la prima dose).

222 mila docenti-Ata ancora non vaccinati, questo il numero fornito dal MIUR: se entro il 20 agosto quella soglia non sarà abbassata sensibilmente (il giorno fissato da Figliuolo per ricevere gli aggiornamenti in tempo reale dalle Regioni sulla situazione scuola), allora potrebbe essere assai probabile l’inserimento dell’obbligo vaccinale per l’intero comparto della scuola. In quanto assolutamente prioritario l’evitare il più possibile la Dad per gli studenti a settembre, lo scopo della maggioranza (non coesa al suo interno, con Lega e M5s non convinti dall’obbligo) è quella di adottare il Green Pass anche in ambito scolastico con diverse ipotesi al momento sul tavolo. Per il Ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto ieri sera a “Controcorrente” su Rete 4, l’obbligo a scuola sarebbe la decisione ideale: «Sono valutazioni che stiamo facendo in queste ore. La riapertura della scuola senza Dad, se possibile, è una priorità per il governo. Valuteremo in queste ore quali saranno le strade migliori. Dobbiamo lavorare perché con la buona campagna di vaccinazione, oggi abbiamo superato 65 milioni di dosi somministrate, vogliamo tutelare la scuola. Nessuna soluzione è esclusa, l’obiettivo è riportare tutti i ragazzi a scuola in sicurezza e in presenza».

VACCINI & SCUOLA, TUTTE LE IPOTESI

Secondo quanto riportato oggi da Repubblica, se entro il 12 settembre almeno il 93% di insegnanti e personale tecnico-amministrativo non sarà vaccinato, allora si rischia la sospensione del servizio per chi ancora risulterà non immunizzato. Presidi d’accordo, politica quasi, sindacati molto meno: ieri il Ministro dell’Istruzione Bianchi è andato a Palazzo Chigi per fare il punto sulla scuola, uno dei tre cardini (oltre a lavoro e trasporti) da ben dirimere nelle prossime settimane per un eventuale obbligo di Green Pass anche in quei frangenti. Oggi invece è previsto un tavolo tra le sigle sindacali, il Miur e la Presidenza del Consiglio. «Tutti quelli che frequentano le scuole, dai fornitori ai bidelli, dagli insegnanti ai genitori degli studenti, devono essere muniti di Green pass: se vuoi entrare o sei vaccinato o fai un tampone. E’ indispensabile dimostrare che non si è portatori del virus. Non possiamo mettere a rischio i ragazzi o i professori», è la linea dettata da Mario Rusconi, presidente dei presidi del Lazio, all’Adnkronos, «Non vaccinarsi è un esempio diseducativo nei confronti dei giovani che devono avere fiducia nella scienza e nelle istituzioni. Gli insegnanti No Vax ripassassero le nozioni scientifiche». Contrario invece all’obbligo il sindacato scuola Anief, con il presidente Marcello Pacifico che a “Orizzonte Scuola” osserva «Introducendo l’obbligo vaccinale non si risolvgono i problemi della scuola che rimangono tanti. Ad esempio sul distanziamento poco o nulla si è fatto. Le classi non possono essere più quelle che abbiamo visto negli scorsi anni, non è tollerabile. Da 40 anni la legge italiana impone uno spazio di 2,80 metri ad alunno, ma la realtà è sotto gli occhi di tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA