Probabili formazioni Italia Cina/ Focus su Sara Gama, capitano delle azzurre

- Fabio Belli

Probabili formazioni Italia Cina: info tv e orario. Ecco le mosse dei tecnici per gli ottavi di finale dei Mondiali di calcio femminile 2019.

italia giamaica
Pronostico Italia Olanda, Mondiali di calcio femminile 2019 (Foto LaPresse)

Citazione d’obbligo per Sara Gama al termine della nostra analisi delle probabili formazioni di Italia Cina. Il capitano della nostra Nazionale di calcio femminile in questi Mondiali è stata naturalmente fin qui un punto fermo della difesa, come è normale che sia per una giocatrice che ha già raccolto un totale di 107 presenze con la maglia dell’Italia avendo debuttato nella Nazionale maggiore nell’ormai lontano 2006, quando Sara Gama aveva solamente 17 anni. Laureata in Lingue e letterature straniere, le è stata dedicata anche una speciale Barbie riproducente le sue fattezze: insomma, è il volto di questa nuova Italia del calcio femminile che ha fatto innamorare una Nazione intera e di certo non vuole fermarsi sul più bello. In bacheca ha tre scudetti, due Coppe Italia e altrettante Supercoppe Italiane, ma ha vinto anche in azzurro, l’Europeo Under 19 del 2008. Dopo undici anni, il sogno è naturalmente quello di scrivere qualcosa di straordinario anche a livello di Nazionale maggiore. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL NOSTRO PORTIERE

Proseguendo la nostra panoramica sulle probabili formazioni di Italia Cina, un ruolo molto importante fra le azzurre sarà quello del portiere Laura Giuliani. La Cina infatti finora ha segnato un solo gol ma ne ha pure incassato appena uno: di conseguenza è squadra solidissima, alla quale sarebbe pericoloso concedere dei gol. Si capisce dunque l’importanza di Giuliani, che sarà chiamata a tenere imbattuta la nostra porta. D’altronde, è stata fino a questo momento proprio Laura Giuliani una delle azzurre a mettersi in maggiore evidenza in questi mondiali, con tante eccellenti parate compreso un rigore contro l’Australia: “Siamo arrivate sino a qua – ha dichiarato in conferenza stampa – è un peccato mettersi ora dei freni. Continuiamo a sognare, nessuno si aspettava questi risultati e tutto quello che viene da adesso in poi è qualcosa di guadagnato”. Le idee sono chiare per Laura: Gigi Buffon è l’idolo di sempre, Alisson il modello del momento. Magari fra qualche anno si racconterà di chi ha avuto Laura Giuliani come modello… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL DUELLO

Per quanto riguarda le probabili formazioni di Italia Cina, una menzione speciale va fatta anche per Barbara Bonansea. La piemontese è una delle titolari indiscutibili nella squadra di Milena Bertolini: 28 anni compiuti 12 giorni fa, ha giocato le ultime due stagioni con la Juventus (due scudetti e una Coppa Italia) segnando 37 gol in 50 partite, ma nella sua bacheca figurano altri due campionati, due Coppe Italia e tre Supercoppe vinte con il Brescia. In Serie A la Bonansea ha giocato anche con il Torino; le sue cifre nel torneo raccontano di 120 reti in 266 apparizioni, e va detto che stiamo parlando di una giocatrice che di fatto è un esterno offensivo. Forse l’elemento di maggiore qualità che abbiamo in rosa, con la maglia della nazionale ha segnato 24 gol (60 le presenze) ed è stata lei a stappare al meglio i Mondiali di calcio femminile 2019, realizzando la doppietta con cui l’Italia ha ribaltato l’Australia. E’ difficile valutare contro chi se la vedrà perchè la Cina ha sempre variato il suo terzino destro: ha iniziato Li Yuping che poi è passata al centro, contro il Sudafrica ha giocato Wang Yan mentre la sfida alla Spagna è stata affrontata con Han Peng su quella corsia. (agg. di Claudio Franceschini)

LO SPAURACCHIO PER L’ITALIA

Nelle probabili formazioni di Italia Cina dobbiamo spendere qualche parola in più sul numero 10 della Nazionale asiatica. Numero che di solito non viene assegnato a caso in ogni squadra di calcio, non a caso stiamo parlando di Li Ying, attaccante che è stata la capocannoniere della Coppa delle nazioni asiatiche femminile 2018 con sette reti al proprio attivo e ha segnato anche l’unico gol finora messo a segno dalla Cina in questi Mondiali, quello che ha dato alle asiatiche la vittoria contro il Sudafrica, decisiva per il passaggio del turno. Nata il 7 gennaio 1993, Li Ying è una attaccante dello Shandong Ladies e naturalmente le sue sette reti hanno avuto un peso enorme nel terzo posto ottenuto dalla Cina nella Coppa delle nazioni asiatiche femminile 2018, che ha garantito la qualificazione per questi Mondiali adesso in corso in Francia. Li Ying vanta d’altronde una eccellente esperienza internazionale, avendo già fatto parte della Nazionale della Cina sia ai Mondiali 2015 sia alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LA PANCHINA

Le scelte dalla panchina nelle probabili formazioni di Italia Cina sono sostanzialmente già chiare: abbiamo già parlato dell’importanza di avere giocatrici come Valentina Bergamaschi (che rappresenta un utilissimo jolly potendo occupare almeno tre posizioni sul terreno di gioco), Ilaria Mauro e una tra Daniela Sabatino e Valentina Giacinti che possono entrare a gara in corso. Milena Bertolini però, in questi Mondiali di calcio femminile 2019, ha anche dato ampio spazio a Lisa Boattin facendola entrare nel secondo tempo per dare maggiore freschezza e spinta sulla corsia sinistra; di fatto fino a questa partita le rotazioni del Commissario Tecnico delle azzurre sono state abbastanza corte, hanno giocato sempre le stesse e ci sono alcune calciatrici che non hanno avuto la possibilità di farsi vedere. Tuttavia, contro la Cina potrebbe arrivare il momento di altre: una di queste per esempio è Stefania Tarenzi, che nell’ultimo campionato giocato con la maglia del Chievo ha segnato 13 gol e resta una giocatrice capace di andare a segno per 89 volte nella sua esperienza in Serie A (ha vestito anche le maglie di Mozzanica, Brescia e Sassuolo) e, conoscendo bene alcune delle sue compagne di reparto, potrebbe avere qualche minuto per provare eventualmente a portarci ai quarti di finale. (agg. di Claudio Franceschini)

L’ATTACCO

Il grande dubbio nelle probabili formazioni di Italia Cina riguarda l’attacco: per gli ottavi dei Mondiali di calcio femminile 2019 Milena Bertolini ovviamente confermerà Cristiana Girelli e Barbara Bonansea che sono sostanzialmente intoccabili, ma poi dovrà decidere tra tre prime punte. Al momento il nostro CT ha sempre ruotato: Ilaria Mauro ha giocato l’esordio contro l’Australia, Daniela Sabatino ha sfidato da titolare la Giamaica mentre Valentina Giacinti è stata scelta per guidare l’attacco contro il Brasile. Cosa succederà martedì? Difficile da valutare: la sensazione è che la maglia possa essere ancora di Giacinti, che ha guadagnato credito vincendo la classifica marcatori dell’ultima Serie A, ma bisogna anche considerare l’esperienza di Sabatino e la capacità di Mauro di essere determinante. Una bella scelta che coinvolge tre giocatrici pronte al salto di qualità: probabilmente Bertolini deciderà soltanto all’ultimo, è certamente prevista anche una staffetta tra almeno due delle protagoniste che potrebbero portarci ai quarti dei Mondiali di calcio femminile 2019 con i loro gol. (agg. di Claudio Franceschini)

IL CENTROCAMPO

Nelle probabili formazioni di Italia Cina dobbiamo guardare anche al centrocampo: fino a questo momento Milena Bertolini, nelle partite dei Mondiali di calcio femminile 2019, ha sempre puntato su due giocatrici come Manuela Giugliano, ovvero il playmaker della nostra nazionale, e Valentina Cernoia che è incaricata di battere tutti i calci da fermo. La terza giocatrice ha ruotato: contro la Giamaica per esempio ha avanzato il suo raggio d’azione la già citata Valentina Bergamaschi (che di fatto può ricoprire almeno tre ruoli sul terreno di gioco) ed è rimasta fuori Aurora Galli, che però subentrando dalla panchina ha segnato una doppietta completando il roboante 5-0 (decisivo per il primo posto nel girone) e si è confermata come mezzala di assalto che è bravissima a inserirsi negli spazi (era andata a segno anche nell’ultima amichevole pre-Mondiali, quella contro la Svizzera). E’ praticamente certo che anche contro la Cina vedremo questo terzetto, ovvero con Galli titolare al fianco di Giugliano; ne farà le spese ancora Bergamaschi, ma la giocatrice del Milan potrà essere utile soprattutto dalla panchina cambiando eventualmente il passo alla nostra nazionale. (agg. di Claudio Franceschini)

IN DIFESA

Leggendo le probabili formazioni di Italia Cina, appare abbastanza evidente come il nostro CT Milena Bertolini abbia ormai le idee chiare: in difesa per esempio si punta sulle solite note. In particolare Elisa Bartoli ha ormai preso il posto che all’inizio dei Mondiali di calcio femminile 2019 spettava a Valentina Bergamaschi, vero e proprio jolly che nel finale della partita contro il Brasile abbiamo anche visto operare nel tridente offensivo. Il terzino della Roma ha fatto la sua apparizione nel corso della gara contro l’Australia, e da quel momento ha avuto il posto assicurato: in questo modo Alia Guagni si è riposizionata sulla destra, cioè nella sua piazzola originaria. Ovviamente le due centrali a protezione del portiere Laura Giuliani non cambiano: il capitano Sara Gama agisce in coppia con Elena Linari, anche questa volta dunque la difesa dell’Italia è formata senza troppe sorprese. (agg. di Claudio Franceschini)

INFO E ORARIO

Si accenderà solo domani alle ore 18.00 allo Stade de la Mosson di Montpellier la sfida Italia Cina, valevole per gli ottavi di finale dei Mondiali di calcio femminile 2019. Le azzurre sono riuscite a fare innamorare del calcio femminile tutta Italia, con le vittorie contro Australia e Giamaica che hanno di fatto garantito il primo posto nel girone, davanti alle stesse australiane e al Brasile che pure ha battuto di misura le azzurre nell’ultima partita del girone. L’Italia va a caccia della qualificazione ai quarti di finale che rappresenterebbe il miglior risultato della loro storia, dopo quello ottenuto nel 1991 nella prima edizione del Mondiale. Per farlo dovrà riuscire a battere una Cina finita terza nel girone B dopo un pari con la Spagna e una vittoria col Sudafrica e che vanta la disputa di una finale ai Mondiali femminili, persa ai calci di rigore contro gli Stati Uniti.

PROBABILI FORMAZIONI ITALIA CINA

LE MOSSE DI BERTOLINI

Cambierà poco la CT azzurra Bertolini dopo i successi della prima fase: In porta Giuliani alle spalle di una difesa a 4 con la Linari e il capitano Sara Gama centrali, mentre Guagni e Bartoli saranno gli esterni di fascia. La Giuglino manterrà il suo posto in cabina di regia a centrocampo affiancata da Cernoia e Galli. Girelli si muoverà da trequartista provando come al solito a dare imprevedibilità offensiva alle spalle delle due punte di diamante dell’attacco azzurro, Giacinti e Bonansea.

LE SCELTE DI JIA XIUQUAN

Jia Xiuwuan schiererà la Cina con la consueta compattezza di un 4-4-2 che le ha permesso comunque di incassare un solo gol in tre partite nel girone eliminatorio contro Germania, Sudafrica e Spagna, segnandone però soltanto uno di conseguenza, sufficiente per il terzo posto e la qualificazione agli ottavi di finale. In porta giocherà Shimeng, difesa a 4 con Peng e la Liu Shanshan esterne di fascia e Wu e Lin centrali. Mediana di grande compattezza con Wang Yan e Zhang mentre le due laterali saranno Wang e la Yasha, pericolose con i cross per Li Ying e Shanshan Wang.

IL TABELLINO

ITALIA (4-3-1-2): Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli; Galli, Giugliano, Cernoia; Girelli; Giacinti, Bonansea.

CINA (4-4-2): Shimeng; Han Peng, Wu, Lin, Liu Shanshan; Wang, Zhang, Wang Yan, Yasha; Shanshan Wang, Li Ying.

© RIPRODUZIONE RISERVATA