PROBABILI FORMAZIONI ROMA FEYENOORD/ Quote, Abraham è la grande speranza giallorossa

- Mauro Mantegazza

Probabili formazioni Roma Feyenoord, quote e ultime notizie sulla finale di Conference League su moduli e titolari per Mourinho e Slot a Tirana.

Abraham Omar Colley Roma Sampdoria lapresse 2022 640x300
Probabili formazioni Roma Feyenoord, finale Conference League (Foto LaPresse)

PROBABILI FORMAZIONI ROMA FEYENOORD: IL BOMBER

Stiamo mettendo in copertina alcuni possibili protagonisti, è allora doveroso parlare pure di Tammy Abraham nelle probabili formazioni di Roma Feyenoord, finale sulla quale l’attaccante inglese vorrebbe lasciare il segno dopo avere già firmato il gol decisivo per la qualificazione della Roma alla finale di Conference League, cioè la rete che ha deciso il successo per 1-0 contro il Leicester nella semifinale di ritorno. Il bilancio complessivo stagionale di Tammy Abraham è arrivato a quota 27 gol, dei quali diciassette segnati in campionato (al suo primo anno in Serie A), nove in Conference League e uno anche in Coppa Italia, per una media gol che ci parla di una rete segnata ogni 154 minuti giocati, che in Conference League scende addirittura a 92 minuti.

abrahamDa evidenziare anche cinque assist (quattro in Serie A più uno in Coppa Italia), numero significativo per un centravanti che deve innanzitutto segnare in prima persona, anche se da questo punto di vista è ancora a secco in Conference League. In campionato tra l’altro Tammy Abraham è reduce dalla doppietta di venerdì scorso a Torino che ha blindato la qualificazione della Roma alla prossima Europa League e che ha spezzato un anomalo digiuno, che per Abraham in campionato durava dalla doppietta nel derby contro la Lazio di domenica 20 marzo scorso. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ROMA FEYENOORD: LA RIVELAZIONE

Nicola Zalewski merita certamente qualche parola di approfondimento nella nostra analisi sulle probabili formazioni di Roma Feyenoord, perché per il classe 2002 italo-polacco dovrebbe esserci una maglia da titolare, che per un ragazzo di 20 anni è sempre una notizia di grande rilevanza in occasione di una finale di Coppa europea. Zalewski è uno dei tanti giovani lanciati da José Mourinho nel corso di questa stagione, a volte magari per necessità ma con risposte comunque molto spesso positive: si veda ad esempio quando alle prime critiche Zalewski aveva risposto con una prestazione eccellente nel derby contro la Lazio, che gli fece guadagnare molti punti nella considerazione dell’ambiente romano.

L’attenzione di Mourinho è indicata da numeri molto chiari: dal 19 febbraio in poi ha giocato tutte le partite di campionato (delle quali nove da titolare) e in Conference League è sempre stato titolare nelle quattro partite trequarti e semifinali, tra l’altro anche con due assist all’attivo all’Olimpico contro il Bodo/Glimt e poi a Leicester. Peccato solo che Zalewski abbia scelto la Polonia come Nazionale pur essendo nato a Tivoli: avrebbe potuto farci comodo nel progetto di rilancio con i giovani della nuova Italia, ma almeno per oggi questo aspetto interessa poco ai tifosi della Roma… (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’INTOCCABILE

Un nome di spicco nelle probabili formazioni di Roma Feyenoord è senza dubbio il portiere dei giallorossi Rui Patricio, dal momento che l’estremo difensore portoghese è intoccabile per il connazionale José Mourinho, tanto da avere già raccolto 53 presenze in partite ufficiali su un massimo possibile di 54, cioè 38 su 38 in campionato, nel quale non ha saltato nemmeno un minuto, tredici in Conference League (preliminari compresi) e due in Coppa Italia, tutte partite nelle quali Rui Patricio non ha mai saltato nemmeno un minuto.

Per la perfezione, gli manca solo la partita sul campo del Cska Sofia all’ultima giornata del girone di Conference League, unica “briciola” concessa alla sua riserva Fuzato (in quella occasione il portiere portoghese non fu nemmeno convocato). I numeri complessivi sono molto buoni, perché Rui Patricio ha mantenuto inviolata la sua porta in ben ventuno partite, delle quali cinque (più una ai preliminari) sono arrivate in Conference League: in questa competizione, Rui Patricio non ha subito gol contro il Trabzonspor nel ritorno dei preliminari, in entrambe le sfide della fase a gironi contro lo Zorya Lugansk, all’andata degli ottavi contro il Vitesse Arnhem, nel ritorno dei quarti contro il Bodo/Glimt ed infine con il Leicester nella semifinale di ritorno. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

CHI GIOCA STASERA?

Le probabili formazioni di Roma Feyenoord, che si giocherà stasera a Tirana, attirano la nostra attenzione perché stiamo parlando della finale della Conference League 2021-2022, prima edizione della nuova Coppa creata dalla Uefa a partire da questa stagione. La Roma di José Mourinho ci è arrivata eliminando il Leicester in semifinale, il traguardo è già prestigioso perché la Roma da 31 anni non raggiungeva una finale di Coppe europee e da 14 anni non vince trofei di alcun genere. Fermarsi proprio adesso sarebbe davvero un peccato anche se la qualificazione alla prossima Europa League è comunque arrivata tramite il campionato, la Roma vuole scrivere la storia della società giallorossa.

José Mourinho tra l’altro potrà mettere sul piatto i suoi numeri straordinari nelle finali europee contro il Feyenoord, che dal canto suo però vanta un maggiore blasone nelle Coppe internazionali. Rimanendo all’attualità, dobbiamo invece evidenziare che la squadra di Rotterdam, allenata da Arne Slot, in semifinale ha avuto la meglio contro l’Olympique Marsiglia. Adesso però andiamo a scoprire tutte le ultime notizie sulle probabili formazioni di Roma Feyenoord.

PRONOSTICO E QUOTE

Diamo nel frattempo uno sguardo anche al pronostico su Roma Feyenoord in base alle quote offerte dall’agenzia Snai. I giallorossi poterebbero essere favoriti e il segno 1 (la Roma è formalmente in casa) è quotato a 2,35, mentre poi si sale a quota 3,05 in caso di segno 2 per il successo del Feyenoord e fino a 3,30 volte la posta in palio sul segno X in caso di pareggio che naturalmente non metterebbe fine alla partita.

PROBABILI FORMAZIONI ROMA FEYENOORD

LE MOSSE DI MOURINHO

Nelle probabili formazioni di Roma Feyenoord, José Mourinho dovrebbe avere le idee molto chiare e per questo motivo possiamo andare relativamente sul sicuro parlando di un modulo 3-4-2-1 in questa finale di Conference League che vedrà naturalmente titolare in porta Rui Patricio; davanti a lui ci sarà l’immancabile difesa a tre composta da Mancini, Smalling e Ibanez; a centrocampo ecco Karsdorp come esterno destro, la coppia centrale formata da Cristante ed Oliveira ed infine il giovanissimo Zalewski è favorito a sinistra; infine, nel reparto offensivo ecco Zaniolo e il capitano Pellegrini che agiranno sulla trequarti in appoggio al centravanti Abraham.

LE SCELTE DI SLOT

Sul fronte olandese, l’allenatore Arne Slot dovrebbe puntare per le probabili formazioni di Roma Feyenoord su un modulo 4-2-3-1 e questi sono i possibili undici titolari per il Feyenoord: Marciano in porta; davanti a lui da destra a sinistra i quattro difensori Geertruida, Trauner, Senesi e Malacia; a centrocampo dovrebbe agire la coppia mediana formata da Kökçü e Aursnes; sulla trequarti ecco invece Nelson a destra, Til in posizione centrale ed infine Sinisterra come esterno sinistro a supporto del centravanti, che dovrebbe essere Dessers per il Feyenoord.

IL TABELLINO: PROBABILI FORMAZIONI ROMA FEYENOORD

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Cristante, Oliveira, Zalewski; Zaniolo, Pellegrini; Abraham. All. Mourinho.

FEYENOORD (4-2-3-1): Marciano; Geertruida, Trauner, Senesi, Malacia; Kökçü, Aursnes; Nelson, Til, Sinisterra; Dessers. All. Slot.





© RIPRODUZIONE RISERVATA