SHAILA GATTA, FOTO DI FAMIGLIA/ “La mia felicità” e palpa il seno della mamma!

- Emanuele Ambrosio

Shaila Gatta, la velina di Striscia La Notizia, pubblica una foto con la mamma e la sorella: “La mia felicità”. Boom di commenti e like sui social

shaila_gatta_instagram
Shaila Gatta

Shaila Gatta, la velina mora di Striscia La Notizia, ha pubblicato una bellissima foto di famiglia in compagnia della mamma e della sorella. Le tre sono in costume in riva al mare; un ritratto di famiglia accompagnato da una didascalia semplice, ma ricca significato: “La mia felicità”. Proprio così, la famiglia rappresenta per la velina il suo porto sicuro, la sua ancora di salvezza in un mondo complicato come quello del mondo dello spettacolo a cui è arrivata per caso. La foto, manco a dirlo, è stata molto apprezzata dai fan e follower che hanno commentato: “Che bella famiglia felice” e “La cosa più bella…avere una famiglia unita … siamo fortunati”. Naturalmente non sono mancati i commenti esilaranti di qualche utente che ha sottolineato le forme giunoniche della sorella: “Fatte da un po’ de tette da tu sorella a shayla! Un’abbraccio sei grande” e chi, oltre alla famiglia stupenda, ha sottolineato: “ma tua sorella e pure bona come te”. Una serie di foto che la vedono felice al mare con la mamma, il papà e la sorella, ma tra tutte le foto ha fatto divertire quella in cui la velina palpa, divertita, il seno della mamma!

Shaila Gatta: “il mio sogno era diventare una grande ballerina”

I sogni, ma soprattutto il coraggio di credere nei suoi sogni ha portato Shaila Gatta lontano. A soli sedici anni lascia Secondigliano, piccolo paese della provincia di Napoli, per trovare la sua strada. “È stata una scelta coraggiosa ma nella vita vince chi ha coraggio. Ho pensato alla mia vita, al mio futuro e ho capito che dovevo spostarmi altrove per realizzare il mio sogno: quello di ballare, di poter lavorare in tv” ha raccontato a “La Città – Quotidiano di Salerno e Provincia”. Da Secondigliano è partita con una valigia carica di sogni: “il mio sogno era diventare una grande ballerina. Sono andata via senza un euro in tasca a 16 anni, contro il parere di mio padre. Oggi so che voleva solo proteggermi. Ricordo che avevo affittato una stanza vuota, senza armadio né letto. Avevo un materasso gonfiabile, che dopo un mese si è rotto. Mi svegliavo ogni mezz’ora per gonfiarlo. E lavoravo in un call center, l’unico che assumesse una minorenne. Le signore mi urlavano al telefono, ancora oggi porto grande rispetto per chi fa questo lavoro” ha raccontato la velina durante alcune interviste.

Shaila Gatta: “deve ringraziare il coreografo Marco Garofalo”

Durante un’intervista rilasciata a “La Città – Quotidiano di Salerno e Provincia”, Shaila ha dicharato come sia importante credere nei propri sogni: “non bisogna mai smettere di crederci. Sono partita dal niente, da una famiglia umilissima, da un quartiere a rischio. Ma ho sempre creduto in me, non mi sono mai arresa nonostante le difficoltà. Qualche volta sono anche caduta ma l’importante è rialzarsi. Sapere imparare dagli errori”. A Mediaset arriva nel 2015: “ho partecipato per la prima volta ad un provino e fui presa per la trasmissione “Amici”. È stata la mia prima rivincita. Poi è arrivato tutto il resto”. Quell’esperienza le ha cambiato per sempre la vita come ha raccontato a Verissimo: “Amici mi ha dato la possibilità di realizzare il mio sogno, per cui non avevo alcuna possibilità economica. Devo ringraziare il coreografo Marco Garofalo, che non c’è più, e che con me ha osato, a 19 anni mi ha dato un pezzo da prima donna a Ciao Darwin. Non lo ringrazierò mai abbastanza. Il talento non basta, quello che mi ha fatto arrivare fin qui è stata la mia forza di volontà”. Per il futuro Shaila ha le idee chiare: “il mio sogno è fare la conduttrice, avere un programma tutto mio. Penso ad un varietà con showgirl e un folto gruppo di ballo. Mi ispiro molto a Heather Parisi e a Lorella Cuccarini, loro sono davvero due grandi artiste”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Shaila Gatta 🌸 (@shaylinka) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA