Sondaggi politici/ Caso Carola, Lega al 37,5% e stallo M5s: la Sinistra non c’è più

- Niccolò Magnani

Sondaggi politici e intenzioni di voto: Salvini al 37,5% e stallo M5s dopo il caso Carola Rackete. Berlusconi in crisi e la Sinistra “non c’è più”

salvini contestatori potenza
Matteo Salvini (Lapresse)

Negli ultimi sondaggi politici prodotti da Swg per La7 si registra una “leggera” frenata per la Lega di Matteo Salvini dopo il caso-Carola e dopo l’ennesima emergenza migranti: il Carroccio resta comunque il primo partito con il 37,5%, mentre flette ancora il Movimento 5 Stelle che non riesce ad uscire dalla spirale involutiva che lo relega al 17,4%. Per il Pd la crescita non è che sia delle migliori, con il 22,4% registrato nel nuovo sondaggio stilato per il tg di Enrico Mentana: e la Sinistra? Se ne parla sempre poco, ma i dati elettorali sono impietosi: il partito che riunisce gli ex Sel, Articolo 1-Mdp e Rifondazione Comunista non va oltre all’1,7% nonostante l’impegno a bordo della Sea Watch del suo leader Nicola Fratoianni. Fanno meglio +Europa con Italia in Comune al 2,9% su base nazionale, o i Verdi al 2,4%: per finire, la crisi di Forza Italia non si placa con Berlusconi che non va oltre il 6,8%, di pochissimo avanti a Giorgia Meloni e al suo Fratelli d’Italia ormai stabilmente sopra il 6%.

TERMOMETRO (5 LUGLIO): AUTOSTRADE, SCONTRO LEGA-M5S

È difficile come sempre “incasellare” uomini e partiti ma se si osservano gli ultimi sondaggi politici di Termometro in merito alla situazione delicata di Autostrade per l’Italia, arrivare a definire la Lega il partito dei “privati” e il M5s quello dello “statalismo” forse non andiamo molto lontano dalla realtà. È stato chiesto in una delle domande del sondaggio se l’elettore intervistato fosse soddisfatto della gestione di Autostrade da parte di Atlantia (famiglia Benetton) e in generale dei privati che gestiscono la rete autostradale da nord a sud e se lo Stato secondo lui non farebbe meglio: il 38,5% si schiera con Di Maio e il M5s e replica «Se le gestisse lo Stato i prezzi sarebbero certamente più bassi, meglio tornare alla gestione statale». Il 14,9% sostiene invece che la preferenza sulla gestione dello Stato vi è a prescindere, anche se si dovesse pagare di più. Il 33,2% invece si dimostra più “leghista” e in generale contro lo statalismo dirigista che vorrebbe, dopo la tragedia del Ponte Morandi, rimettere in mano allo Stato la gestione di tutte le Autostrade: «Non sono soddisfatto, ma se fossero di nuovo gestite dallo Stato sarebbe ancora peggio, quindi malgrado tutto meglio i privati» rispondono gli elettori, mentre solo un 3,8% afferma «Sono soddisfatto, chi gestisce adesso le autostrade sta facendo bene e i pedaggi hanno il giusto prezzo».

BIDIMEDIA (LUGLIO): LE INTENZIONI DI VOTO

Gli ultimi sondaggi politici stilati da Bidimedia sono in leggera controtendenza rispetto alle altre analisi viste in questi giorni, tenendo la Lega di Salvini a livelli più “bassi” – pur sempre in testa al 35%, livelli altissimi comunque rispetto alla storia del Carroccio – e in generale con un minore credito dato dagli elettori a tutti i partiti, nessuno escluso. Il Pd infatti non va oltre al 23,5%, Di Maio invece prosegue nel momento di stallo-crisi del suo Movimento, non supera il 18,1% su scala nazionale. Resta dunque Salvini ancora il vero dominus della politica italiana, con i consensi personali e di partito che crescono con l’avanzare dei tanti casi “mediatici” sull’immigrazione, dalla Sea Watch alla Alex passando per la Alan Kurdi e tutte le Ong che hanno giurato “battaglia” contro il Ministro dell’Interno. Per il resto del Centrodestra, Meloni e Berlusconi continuano la battaglia per il secondo “posto” all’interno della coalizione dietro al Carroccio: la crisi di Forza Italia non ha confini e il 6,3% viene addirittura superato da Fratelli d’Italia al 6,8% di consenso. Gli altri partiti segnano un 2,7% per +Europa, 2,5% per Europa Verde e 1,9% per la Sinistra, tutti dati in tendenza maggiore rispetto alla media degli altri sondaggi politici nazionali.

TERMOMETRO (5 LUGLIO): RDC E OCCUPAZIONE

Da Bidimedia a Termometro Politico, l’analisi dei sondaggi politici sull’attuale situazione dei partiti e del Parlamento al momento segna sempre la Lega come punto di confronto e paragone per tutti gli altri: questo anche perché i diretti concorrenti-rivali, il Movimento 5 Stelle non trova il modo al momento di risalire nei consensi e di recuperare quel 34% che aveva guadagnato nelle Elezioni Politiche 2018. Tra i motivi vi è sicuramente il non decollo del Reddito di Cittadinanza, contestato da tanti soprattutto dagli elettori leghisti, di centrodestra e anche in parte di sinistra. Per il 56% degli elettori, il RdC non sta funzionando e i soldi pubblici stanno venendo sprecati inutilmente perché «non vi è reale incentivo alla ricerca del lavoro», mentre solo il 25% appoggia la misura M5s spiegandola così «i più poveri avevano bisogno di un sostegno finanziario». I nuovi dati sull’occupazione (rapporto Istat di fine giugno, ndr) che per una volta hanno segnato un segno positivo sono l’ultima domanda fatta dai sondaggi Termometro agli elettori intervistati: ebbene, per il 29,6% rappresentanti un ottimo viatico imputabile al Governo «sta ottenendo risultati», ma per il 38% il dato positivo non basta ancora per invertire la rotta della crisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA