THEO HERNANDEZ AL MILAN: UFFICIALE/ Il saluto ai tifosi e il record sui dribbling

- Davide Giancristofaro Alberti

Theo Hernandez al Milan, ufficiale: “qui per vincere la Champions League”. Sarà il nuovo Serginho per la fascia mancina: Rodriguez verso l’addio?

Theo Hernandez (AcMilan)
Theo Hernandez (AcMilan.com)

Ieri Theo Hernandez è stato ufficializzato come nuovo acquisto del Milan, oggi il terzino francese ha voluto salutare il popolo rossonero. Dopo aver rilasciato le prime dichiarazioni da giocatore del Milan, ha augurato buona domenica ai tifosi in attesa che cominci la preparazione in vista della prossima stagione. Il raduno della squadra, agli ordini dell’allenatore Giampaolo, è infatti previsto per mercoledì. Ora che il suo contratto è depositato in Lega Calcio, i tifosi del Milan si stanno informando sul giocatore arrivato in prestito con obbligo di riscatto dal Real Madrid. Così è emerso un particolare record di Theo Hernandez: è il calciatore che ha completato più dribbling nelle ultime tre stagioni di Liga. Siamo a quota 129, un numero incredibile riportato da Opta. (agg. di Silvana Palazzo)

ECCO IL NUOVO SERGINHO: RODRIGUEZ VERSO L’ADDIO?

Sarà il nuovo Serginho per il Milan, una freccia a sinistra che promette per una volta spinta e cross costanti che purtroppo da tempo mancano tra le fila rossonere: proprio il numero 27 felice interprete della fascia mancina fu l’ultimo grande terzino sinistro (se si eccettua il monumento Maldini, il più forte della storia in quel ruolo) prima dell’arrivo di Jankulovski che comunque non fece per nulla male in maglia Milan. Ora però Theo Hernandez promette davvero tanto e Maldini su di lui ha spinto molto per potersi aggiudicare un talento in un ruolo teoricamente coperto da Rodriguez, Laxalt e Strinic: il capitano della Svizzera potrebbe essere agli sgoccioli di un trasferimento, difficilmente rimarrà da subalterno del neo-terzino proveniente dal Real Madrid. Per Giampaolo, Hernandez può rappresentare quella costante freccia sull’arco mancino che in questi anni è mancato al Milan: RR ha offerto ottima tecnica di base e copertura difensiva sufficiente, ma non ha mai potuto interpretare l’uomo che va sul fondo e mette cross per gli attaccanti, come invece a destra più spesso ha saputo fare Calabria e lo stesso Abate (con risultati alterni). Ora si vedrà il mercato ma di certo ai nastri di partenza della nuova stagione rossonera Theo Hernandez parte davanti a tutto sul lato sinistro. (agg. di Niccolò Magnani)

MILAN E I FRANCESI, LA TRADIZIONE NON PROMETTE BENE…

Theo Hernandez è ufficialmente un nuovo calciatore del Milan. Il club rossonero se l’è assicurato dal Real Madrid, operazione da circa 20 milioni di euro, con l’obiettivo di innestare la fascia sinistra con un giocatore di talento e di qualità. Hernandez è nato a Marsiglia in Francia, un primo dettaglio che potrebbe far storcere il naso ai fan rossoneri più accaniti. Salvo qualche eccezione, infatti, il Diavolo non vanta una tradizione fortunata con i cugini d’oltralpe, basti pensare ad esempio a Dugarry, che il Milan acquistò al posto di Zidane, ma a Bruno N’Gotty, difensore centrale che non ha lasciato il segno in rossonero, o per arrivare alle stagioni più recenti, attenzione a Menez, Niang e Mexes, tre calciatori nati oltralpe che hanno alternato prestazioni interessanti ad altre un po’ meno. Fra i francesi passati da Milanello non si può non nominare Patrick Viera, che il Diavolo cedette molto frettolosamente all’Arsenal, dove poi sarebbe divenuto uno dei mediani più forti al mondo. Degne di nota, infine, le prestazioni di Marcel Desailly e Jean Pierre Papin. Il primo ha giocato 183 partite con la maglia del Milan, distinguendosi in maniera eloquente, mentre il secondo è giunto a Milanello come Pallone d’Oro, senza comunque eccellere ma regalando prestazioni positive. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

THEO HERNANDEZ AL MILAN

Theo Hernandez è a tutti gli effetti un nuovo calciatore del Milan. Dopo Krunic e Bennacer, il club rossonero ha annunciato l’arrivo del giovane terzino sinistro francese, che l’hanno scorso ha giocato fra le fila della Real Sociedad, ma il cui cartellino apparteneva fino a poche ore fa al Real Madrid. «Sono emozionato e molto contento – le prima parole dello stesso classe 1997, in un video messaggio diffuso sui propri canali social dal Milan – spero di poter fare la storia con questo Club, io darò il mio meglio. Il Milan è una grande Società, ecco perché sono qui. Voglio raggiungere il massimo e vincere la Champions League con questi colori. Sono qui per scrivere la storia e farò del mio meglio per tutti i tifosi. Sono felice di essere qui. Forza Milan». Il ragazzo ha firmato un contratto di cinque anni, per un’operazione che dovrebbe costare complessivamente attorno ai 20 milioni di euro.

THEO HERNANDEZ AL MILAN, LE PRIME PAROLE

Figlio d’arte, visto che il padre, Jean Hernandez, giocava nell’Olympique Marsiglia che ha vinto la Champions League 1992/1993 (proprio contro il Milan), è cresciuto nelle giovanili dell’Atletico Madrid, e poi è stato acquistato nel 2017 dal Real in cambio di un assegno da 26 milioni di euro, la stessa cifra presente sulla clausola rescissoria. Dopo una stagione in cui è sceso in campo in 23 match, nonostante la presenza in squadra di un certo Marcelo, alla fine il transalpino è volato in prestito alla Real Sociedad per trovare più spazio, giocando sempre da titolare. Ora la grande chance Milan, una squadra che sogna di tornare ai fasti di un tempo ricominciando dai giovani, dalla qualità e dal talento. Hernandez rappresenta infatti il profilo ricercato dall’amministrato delegato del Milan, Ivan Gazidis, che punta appunto su giocatori giovani ma nel contempo non troppo cari. I tifosi rossoneri sperano ovviamente che il ragazzo sia un gran bel colpo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA