Tina Cipollari attacca Riccardo Guarnieri: “Sei un farabutto”/ Lite a Uomini e Donne…

- Stella Dibenedetto

Tina Cipollari esplode a Uomini e Donne con Riccardo Guarnieri dopo la lite del cavaliere con Ida Platano: “Sei un farabutto. L’hai stuzzicata…”.

tina cipollari min 640x300
Screenshot da video

Tina Cipollari contro Riccardo Guarnieri a Uomini e Donne

Tina Cipollari perde la pazienza con Riccardo Guarnieri nella puntata di Uomini e Donne del 26 maggio. Dopo aver commentato il rapporto tra Alessandro e Pinuccia, Tina punta il dito contro Riccardo. Al centro dello studio, il cavaliere pugliese si confronta con Ida Platano che litiga furiosamente con Riccardo accusandolo di averla usata chiedendole di uscire a cena per conquistare il centro dello studio. Dopo aver ascoltato le parole di Ida e la versione di Riccardo, Tina esplode e attacca duramente il cavaliere pugliese.

Sei un farabutto perchè conoscendo il carattere di questa donna, per quale motivo ti sei messo a piangere? Hai stuzzicato in mille modi una donna che prova ancora dei sentimenti per te. L’hai invitata ad uscire quindi la donna, dall’altra parte, pensa che ci sarà l’inizio di qualcosa e, invece, tu cosa hai fatto? L’hai ripudiata come spesso era accaduto in passato”, sbotta la bionda opinionista.

Tina Cipollari e Gianni Sperti attaccano Riccardo Guarnieri

Tina Cipollari non perdona nulla a Riccardo Guarnieri. “Tu pensavi che lei fosse cambiata. Lei non è cambiata perchè si è ritrovata lo stesso farabutto di due anni fa perchè un uomo con una testa non avrebbe avuto questo atteggiamento. Io con un ex non ci avrei riprovato se non fossi stata sicura e non avrei giocato con i sentimenti di una persona”, dice ancora Tina. “E’ un peccato che tu ancora oggi ti stia dannando dietro a quest’uomo”, ha detto Tina ad Ida Platano.

Anche Gianni Sperti sbotta contro Riccardo: “Se piangi ascoltando una canzone, fai credere a lei e a noi di provare ancora qualcosa“, dice Gianni. “Una persona che ti ha fatto male una volta, lo farà ancora. Ricordatelo”, conclude Tina rivolgendosi alla Platano.







© RIPRODUZIONE RISERVATA