TONY COLOMBO E TINA RISPOLI/ “In tv sono state dette tante caz*ate” (Non è l’Arena)

- Emanuele Ambrosio

Tony Colombo e Tina Rispoli ospiti a Non è l’Arena di Massimo Giletti: “In tv sono state dette tante caz*ate”. E scoppia la lite col direttore di Fanpage Francesco Piccinini

tony colombo non e larena
Tony Colombo a Non è l'Arena

Tony Colombo a “Non è l’Arena” spiega perché ha deciso di accettare di farsi intervistare da Massimo Giletti. «Ho deciso di venire qui perché da casa non ti ha seguito solo il pubblico, ma anche i nostri figli, i miei genitori. Ti hanno seguito persone che credono in noi e si sono sacrificate per noi. Credo sia giusto far sapere come stanno realmente le cose». Non manca però un attacco a chi si è occupato delle sue nozze trash e ha ipotizzato un legame con la camorra. «La televisione dovrebbe raccontare ciò che accade realmente, ma non sempre è così. Non sono qui per rispondere, ma per chiarire. Dirò la verità su molte cose». Quando però gli viene chiesto conto delle sue conoscenze replica: «Ho un manager che mi gestisce». Poi attacca Francesco Piccinini, il direttore di Fanpage: «Ha fatto una bellissima fiction, ha montato una bella storia di camorra, ma non c’è un punto reale tra quelli che ha toccato». Nasce però uno scontro con Piccininni sulla vicenda dei permessi, al centro peraltro di un’indagine. «Non ci sono i permessi per l’Hummer. Piazza Plebiscito è pedonale. Possono accedere solo le auto blu», dice il giornalista. E Tony Colombo attacca: «Per farla entrare non servono permessi. Ma lo stabiliranno i pm, non lui. La carrozza può circolare con i cavalli e dire che la carrozza ha bloccato la città è sbagliato». Riguardo il fatto che sia stata spostata una manifestazione antimafia per dare a lui il permesso di sposarsi dice: «Sono state dette un sacco di cazzate in tv! Dopo di me si è sposata un’altra coppia. Sono stato male per questo, ma non è colpa mia!». (agg. di Silvana Palazzo)

Tony Colombo e Tina Rispoli a Non è l’Arena

Tony Colombo e Tina Rispoli tornano in tv, ma questa volta saranno a Non è l’Arena di Massimo Giletti nella puntata di domenica 19 gennaio 2020. A distanza di mesi dall’ultima apparizione televisiva nel programma “Live – Non è la D’Urso” di Barbara D’Urso trasmesso su Canale 5, la coppia è pronta a rispondere alle domande sicuramente più dirette del giornalista e conduttore di La7. Ad annunciare la loro presenza in video nella prossima puntata di Non è l’Arena è stato proprio il cantante neomelodico che sui social ha voluto fare un vero e proprio annuncio. “Ormai è più di un mese che provate a intervistare me, mia moglie e i miei collaboratori” – dice Tony Colombo, che vuole una volta e per tutte fare chiarezza sulla sua situazione. Nel video messaggio condiviso sui social, Tony Colombo ha spiegato i motivi che l’hanno spinto con la moglie Tina Rispoli ad accettare l’invito di Massimo Giletti nel talk show di informazione “Non è l’Arena”. “Voglio mettere un punto a tutta questa storia verremo personalmente io e mia moglie Tina per difendere i nostri diritti e quelli della nostra famiglia” dice nel videomessaggio il cantante neomelodico. Un’intervista che si preannuncia davvero imperdibile visto che, proprio dal salotto di Non è l’Arena, Massimo Giletti si era scagliato contro la coppia portando alla luce una serie di fatti e situazioni poco chiare su cui anche il sito FanPage stava facendo delle ricerche.

Tony Colombo e Tina Rispoli: “Difendiamo la nostra famiglia”

Per questo motivo Tony Colombo ha deciso di incontrare “faccia a faccia” Giletti per chiarire la situazione. “Dopo più di un mese che tratti il mio caso, verrò personalmente con mia moglie Tina per difendere i nostri diritti” ha detto il cantante neomelodico.Chissà se Tony Colombo e la moglie Tina Rispoli parleranno di quanto accaduto nei giorni scorsi. Venerdì infatti il cantante neomelodico è stato ascoltato per due ore in Procura. Accompagnato dalla moglie e dall’avvocato Luigi Senese, Tony Colombo ha parlato nell’ambito dell’inchiesta dei sostituti procuratori Maurizio De Marco e Vincenza Marra sul concerto non autorizzato di piazza del Plebiscito, tenutosi la sera del 26 marzo scorso, ma registrato all’ufficio del Comune apposito come flash mob. L’artista siciliano risulta infatti tra gli indagati. E come lui è stato ascoltato anche Claudio de Magistris, fratello del sindaco, anche lui tra le persone che risultano indagate nello stesso procedimento.

Tony Colombo e Tina Rispoli: i precedenti con Non è l’Arena

Lo scorso novembre le telecamere di Non è L’Arena con la giornalista Francesca Carrarini avevano provato ad avvicinare Tony Colombo, ma l’intervista si era conclusa nel peggiore dei modi. La giornalista, infatti, è stata quasi aggredita dal cantante neomelodico che le ha strappato il cellulare di mano dicendole: “cancella il video e poi ti ridò il telefono”. Il cantante neomelodico è andato su tutte le furie dicendole: “lei il suo lavoro non lo sa fare, non c’è privacy, è una confidenza che lei non si deve prendere” dinanzi alle parole della giornalista che ipotizzava un suo coinvolgimento in famiglie di stampo mafioso. Colombo, infatti, ha sempre negato la cosa precisando di non avere avuto mai a che fare con malavitosi. Questa volta il cantante avrà la possibilità in diretta di affrontare l’argomento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA