Torna il Totocalcio/ Look rinnovato: ecco quando riparte e il nuovo regolamento

- Maurizio Mastroluca

Il Totocalcio è pronto a tornare con un look rinnovato. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha pubblicato il nuovo regolamento, ecco quando riparte.

Totocalcio lavagna lapresse 2021 640x300
Totocalcio (Foto di LaPresse)

Torna il Totocalcio: nuovo look e regole, si riparte a gennaio

Il Totocalcio è pronto a tornare con un nuovo look. La tanto amata e famosa “schedina“, che ha caratterizzato la cultura popolare, in modo particolare con il famoso detto “fare 13“, diventata una metafora nel linguaggio comune, che sta a significare avere un colpo di fortuna, farà il suo ritorno. Ad annunciarlo è l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a partire dal prossimo gennaio 2022.

Una nuova veste, più simile a quella delle più recenti scommesse. Prodotto profondamente cambiato rispetto alle vecchie storiche regole del gioco, se prima l’obiettivo era unico, ovvero indovinare tredici pronostici, da gennaio non sarà esclusivamente così. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha pubblicato il nuovo regolamento, il quale prevede altre vincite oltre al famoso 13.

Nuovo Totocalcio, il regolamento

Il nuovo Totocalcio è pronto a ripartire da gennaio. Il regolamento reso noto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli prevede nuove tipologie di pronostico. Sarà possibile vincere anche con 11 partite, e scalando con 9,7,5 e 3 gare, con una modalità simile a quella delle recenti scommesse multiple. Le partite del palinsesto verranno divise in due pannelli: nel primo ci saranno le partite considerate più equilibrate (con otto eventi), il secondo avrà le gare di maggior interesse della giornata (da 7 a 12 eventi).

La combinazione degli eventi dei due pannelli, dipenderà dal numero complessivo dei pronostici selezionati, scegliendo obbligatoriamente da entrambi i pannelli. Chi deciderà di puntare al tradizionale 13, dovrà pronosticare gli otto eventi del primo pannello e cinque a scelta del secondo. Gli incassi del nuovo Totocalcio saranno divisi tra: montepremi (75%), punto vendita (8%), Sport e Salute (12%), concessionario (5%).



© RIPRODUZIONE RISERVATA