Ultime notizie/ Ultim’ora oggi, Morto Clu Gulager de Il ritorno dei morti viventi

- Davide Giancristofaro Alberti

Ultime notizie, ultim’ora oggi: l’acqua è definitivamente tornata a Courmayeur dopo che l’acquedotto era stato danneggiato da una frana

ultime notizie

Altro lutto nel mondo del cinema americano. Clu Gulager è morto a Los Angeles all’età di 93 anni. Il celebre attore, noto in particolare per il ruolo da protagonista nel film cult “Il ritorno dei morti viventi”, si è spento “circondato dalla sua amorevole famiglia”, come confermato dal figlio John ai microfoni di Variety.

“Clu era tanto premuroso quanto leale e devoto al suo mestiere, un membro orgoglioso della nazione Cherokee, un trasgressore, acuto e astuto e dalla parte, sempre, degli oppressi. Era di buon umore, un avido lettore, tenero e gentile. Rumoroso e pericoloso. Era scioccato di essere sopravvissuto, anche un giorno dopo la morte di Miriam Byrd-Nethery, l’amore della sua vita, 18 anni fa”, si legge ancora nella nota.  Clu Gulager è stato molto attivo tra piccolo e grande schermo, ricordiamo tra gli altri “Nightmare 2 – La rivincita”, “L’alieno” e “Il villaggio delle streghe”.

Ultime notizie, torna l’acqua a Courmayeur: riparato l’acquedotto

E’ stato riparato l’acquedotto di Courmayeur che era risultato danneggiato a seguito della frana causata dal maltempo degli scorsi giorni. Il Comune ha fatto sapere che: “I lavori di riparazione dell’acquedotto comunale, interessato nella sera del 5 agosto dalla frana in Val Ferret, sono sostanzialmente terminati”, così come si legge su TgCom24.it. La mancanza d’acqua aveva creato pesanti disagi a residenti, albergatori, ma anche ristoratori, nonché proteste fra i turisti che in questi giorni hanno affollato la località per le vacanze estive. Il Comune ha fatto sapere che l’acqua necessita “ancora di essere bollita, poiché potranno esserci delle impurità”. Il sindaco Roberto Rota ha aggiunto: “Abbiamo lavorato con celerità, senza fermarci, considerando che è accaduto tutto nel fine settimana”, Già nella giornata di ieri le frazioni di Entreves e La Palud, che erano state quelle più colpite dal danno, avevano di nuovo l’acqua a disposizione. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, Calenda rompe col Pd, Letta: “Noi andiamo avanti”

Calenda comunica al centro sinistra di non farne più parte. Prima avverte Franceschini e poi ripete la sua versione anche davanti le telecamere. La decisione è sofferta, ma abbandona il campo largo, troppo ampio a suo dire, disegnato da Letta. Troppe forze inconciliabili secondo Calenda, che con gli alleati era separato anche da differenze di programma, come il sì al nucleare, al termovalorizzatore e convinto di dover rivedere il reddito di cittadinanza. Si apre così la strada per nuovi accordi come Renzi che spalanca la porta verso la creazione del terzo polo. La rottura non è stata presa bene da Letta che dovrà ora rivedere le sue strategie di coalizione e che ha spiegato: “Noi andiamo avanti”. Il centro destra non esita a sottolineare la differenza tra loro che compatti studiano il programma da presentare agli italiani e la sinistra che si mostra più attaccata ai propri interessi personali e del tutto inaffidabile.

Ultime notizie, operazione Breaking Dawn in Israele

“Stiamo agendo in maniera mirata e responsabile in modo da rendere minimi i danni per coloro che non sono coinvolti”, queste le parole del premier israeliano Yair Lapid, commentando l’operazione in corso lungo la Striscia di Gaza. Come riferisce l’agenzia Ansa, la Farnesina sta seguendo con preoccupazione quanto sta accadendo in quella zona del mondo, nonché le notizie riguardanti le vittime fra la popolazione palestinese. L’Italia ha fatto sapere di condannare con fermezza il lancio di razzi verso Israele, ribadendo il diritto di garantire, per gli israeliani, la sicurezza dei suoi cittadini. “Si invitano le parti – fa sapere il ministero degli esteri – a esercitare moderazione per evitare un’espansione delle ostilità che causerebbe altre vittime e sofferenze ai civili. Questa nuova ondata di violenza costituisce l’ennesima conferma della necessità di rilanciare gli sforzi diplomatici per giungere a una soluzione giusta e duratura del conflitto israelo-palestinese”. La speranza è che le sirene smettano di suonare dopo una giornata di bombe e morti. Ad annunciare la tregua a partire dalle ore 20 è l’Egitto che ha svolto il ruolo di mediatore tra Israele e la Jihad islamica, che in un attimo ha visto azzerato il suo comando militare dagli attacchi israeliani. L’operazione denominata Sorgere dell’alba ha avuto la sua risposta con 780 missili lanciati dalla striscia di Gaza contro Israele e contro quello che da più parti è stato considerato come atto terroristico. 36 i morti, di cui almeno sei bambini e 311, feriti con sirene di allarme che hanno continuato a suonare fino a poco tempo fa.

Ultime notizie, crisi Taiwan-Cina: operazioni militari verso chiusura

Sembrano vicine alla conclusione le maxi operazioni militari della Cina in quel di Taiwan, come rappresaglia a seguito della visita della Speaker della Camera Usa, Nancy Pelosi. Il ministero dei trasporti taiwanese ha fatto sapere che “l’interdizione al volo e alla navigazione in sei delle 7 zone intorno all’isola, designate off-limits a seguito delle maxi esercitazioni militari volute dalla Cina, è venuta meno oggi (ieri ndr) a partire da mezzogiorno, rimarcando così che le operazioni dell’Esercito popolare di liberazione si stanno avviando alla fine”. E’ invece restato in vigore fino alle ore 4:00 di oggi in Italia (le 10:00 locali), il bando sulla settima zona, nelle acque a est di Taiwan, così come riferisce l’agenzia Ansa. Il ministero dei trasporti ha aggiunto che: “I voli e le partenze possono riprendere”, confermando quindi un ritorno alla normalità.

Ultime notizie Pisa: trovato cadavere vicino alla stazione

Ieri mattina è stato rinvenuto un cadavere attorno alle ore 6:30 lungo la linea ferroviaria in provincia di Pisa. Come riferisce TgCom24.it, il corpo senza vita è stato trovato di preciso presso i binari della ferrovia tra Pontedera e San Romano, nel pisano. L’autorità giudiziaria, una volta allertata, si è recata sul posto per l’identificazione e l’avvio delle indagini, assieme alle forze dell’ordine, e per rimuovere la salma si è reso necessario interrompere la circolazione dei treni. Inoltre si sono verificati dei ritardi e disagi per i passeggeri. Il traffico è tornato regolare dalle ore 10:30 di ieri, dopo circa 4 ore di “blocco”, fra cui il treno delle ore 6:25 in partenza da Roma Termini e diretto a Genova Principe, che ha avuto un ritardo di 50 minuti. Diversi disagi segnalati anche per alcuni treni regionali, fra cui qualche cancellazione.

Ultime notizie, partenze d’agosto tra caldo e brutto tempo

Complice il gran caldo sono ancora moltissimi gli incendi che imperversano in tutta la penisola in questo agosto rovente. Disagi per cittadini e italiani in vacanza con strade e tratti ferroviari chiusi per precauzione con roghi vicinissimi alle case. Brucia il sud e il centro Italia, mentre al nord il maltempo ha creato danni ancora incalcolabili, con gli operatori al lavoro per ripulire le zone dal fango.

Ultime notizie, i misteri delle scomparse della Cesaroni e della Orlandi

Ci sono indagini in Italia che arrancano senza riuscire ad avvicinarsi alla verità, il tempo passa e la giustizia non arriva a una conclusione ed è costretta molto spesso ad archiviare. E’ il caso di Simonetta Cesaroni, uccisa con 29 coltellate nell’agosto del 1990, ed Emanuela Orlandi, sparita in una sera di giugno del 1983 e di cui non si sono mai avute notizie. Gialli che restano un mistero, molti i sospettati nel caso Cesaroni, che oggi riprende vigore con nuove figure i cui alibi non sono mai stati controllati. Per quanto riguarda la Orlandi, il caso è stato archiviato con Marco Sarnataro ritenuto responsabile, un uomo della banda della Magliana per ordine del suo stesso capo De Pedis. Ma i gialli in Italia non finiscono mai e molti interrogativi ancora restano vivi.

Ultime notizie, domenica trionfale per il motociclismo italiano

Per l’Italia è stata una domenica trionfale nel motociclismo a Silverstone. Bagnaia vince il gran premio d’Inghilterra in sella alla Ducati, davanti a Vinales e Miller. Le prime cinque moto piazzate sono made in Italy, tra Ducati e Aprilia, non accadeva dal 1968 a Monza, dove vinse Agostini. Quartararo è ancora in testa alla classifica, ma il suo vantaggio si è bruscamente ridotto. Corsa al titolo apertissima quando alla fine della stagione mancano ancora 8 gran premi.





© RIPRODUZIONE RISERVATA