BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BORSA/ Indicazioni e analisi tecnica dei mercati al 18 ottobre 2010

ALESSANDRO SPATARO approfondisce l’analisi tecnica dei mercati, partendo dai principali indici azionari

Orso_Toro_ManagerR375.jpg (Foto)

La festività americana e i dati macro pubblicati in settimana hanno influenzato i mercati. Giovedì pomeriggio il Dipartimento del Lavoro ha comunicato che l’indice grezzo dei prezzi alla produzione ha evidenziato nel mese di settembre un rialzo dello 0,4%, ben superiore alle aspettative degli analisti (+0,2%).

Su base annuale l’indice è salito del 4% (previsioni +3,7%). L’indice core (esclusi energetici ed alimentari) ha segnato un progresso su base mensile dello 0,1%, in linea con le previsioni degli economisti. Su base annuale l’indice ha mostrato un aumento dell’1,6%, lievemente superiore alle stime degli addetti ai lavori (+1,5%). Lo stesso Dipartimento ha reso noto che le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono salite a 462 mila unità. Il dato è superiore alle attese degli economisti che si aspettavano un numero di richieste pari a 445 mila unità. Proprio quest’ultimo dato ha fatto spingere in alto i listini.

Inoltre il Dipartimento del Commercio ha annunciato che il deficit commerciale è salito a 46,35 miliardi di dollari nel mese di agosto, superiore alle stime di mercato fissate su un disavanzo commerciale pari a 44 miliardi di dollari.

S&P500

L’indice americano è pienamente in forza, non ci sono dubbi. È inserito in un canale rialzista e l’obiettivo di breve chiaramente visibile è area 1,200 e successivamente 1,220 (max aprile 2010). Gli oscillatori MACD e STOCASTICO sostengono il movimento rialzista dei prezzi, anche se, il primo è in ipercomprato agli stessi livelli di aprile 2010 e il secondo inizia a mostrare qualche segno di debolezza, pur restando sopra area 80.rimaniamo dunque con una visione LONG di fondo anche se ci attendiamo nelle prossime settimane un probabile ritracciamento, magari una volta raggiunta area 1,200. SHORT sotto 1,150.

 

Continua