AGENZIA DELLE ENTRATE, MAIL TRUFFA RIMBORSI IVA/ Cosa fare: non aprire allegato e…

- Emanuela Longo

Agenzia delle Entrate e mail truffa su rimborsi Iva, cosa fare: non aprire allegato e cestinare l’avviso falso. In atto nuova campagna di pishing

nuovo 730
Agenzia delle Entrate, logo (Wikipedia)

Recentemene sono state segnalate mail inviate apparentemente dall’Agenzia delle Entrate, ma in realtà si tratta di truffe. Sono falsi messaggi, inviati attraverso posta elettronica, che provano a ingannare coloro che le ricevono. Si parla di fantomatiche incoerenze emerse durante la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva inviata dal contribuente appunto all’Agenzia delle Entrate. Spesso queste mail sono accompagnate da un file malevolo in formato zip. Lo stesso ente ha segnalato la truffa in una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito web. Oltre a invitare alla prudenza e raccomandare di cestinare l’e-mail in questione, nel caso in cui la si riceva, senza peraltro aprire alcun allegato, l’Agenzia delle Entrate invita a consultare la sezione “Focus sul phishing” in caso di dubbi.

Qui vengono periodicamente pubblicati gli avvisi e gli aggiornamenti in merito alle ultime e-mail truffa che circolano. Altrimenti c’è il call center al numero 800.909696 da contattare per fugare ogni perplessità. (agg. di Silvana Palazzo)

AGENZIA DELLE ENTRATE: ALLARME MAIL TRUFFA

In questi giorni l’Agenzia delle Entrate è intervenuta con un comunicato ufficiale allo scopo di fare luce e mettere in guardia i contribuenti su una nuova truffa in atto. In particolare, da qualche tempo verrebbero inviate delle mail false apparentemente da parte dell’Agenzia delle Entrate che però hanno il solo scopo di ingannare gli onesti cittadini. Le comunicazioni in oggetto riguarderebbero delle presunte liquidazioni periodiche Iva inviate dal contribuente alle Entrate e sono spesso accompagnate da file in allegato in formato .zip che è consigliabile non aprire.

La truffa è stata segnalata dalla stessa Agenzia delle Entrate tramite un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito che recita: “Attenzione alle email-truffa inviate a nome dell’Agenzia relative a comunicazioni e rimborsi Iva”. Si è ricordato quindi quello che sta accadendo in questi ultimi giorni ed ha voluto ricordare ai propri utenti che da parte dell’Agenzia non saranno mai inviate comunicazioni di questo tipo via mail.

AGENZIA DELLE ENTRATE: FALSO AVVISO SU RIMBORSI IVA

Quella in atto in questi ultimi giorni rappresenta una nuova campagna di phishing attraverso false comunicazioni di rimborso Iva apparentemente inviate dall’Agenzia delle Entrate. La mail in realtà contiene un allegato malevolo in formato .zip. Nel messaggio in questione scritto in italiano pressoché corretto, è possibile tuttavia notare alcune incongruenze che rendono lo stesso una farsa a partire dalla password per l’allegato contenuta nel medesimo messaggio passando poi ad altri errori causati da una maldestra traduzione come ad esempio le espressioni “mail figliata automaticamente”, oppure “la preghiamo di non reagire a questo indirizzo”. L’Agenzia ha inoltre ricordato, nel caso in cui si dovesse ricevere una simile mail, di provvedere immediatamente alla sua cancellazione senza aprire l’allegato presente ed ha messo a disposizione dei propri utenti una sezione dal titolo “Focus sul phishing” presente sul proprio sito ufficiale dove vengono riportati in modo aggiornato tutti gli avvisi sulle nuove mail truffa in circolazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA