PROBABILI FORMAZIONI/ PSG-Valencia: ultime novità (Champions League, ritorno ottavi)

- La Redazione

Il PSG vede i quarti di finale di Champions League: nella partita d’andata ha vinto al Mestalla per 2-1, ma il gol di Jonas nel recupero tiene aperta una debole speranza per il Valencia.

lavezzi_rami
(INFOPHOTO)

Il Paris Saint Germain vede i quarti di finale: la formazione di Carlo Ancelotti questa sera ospita il Valencia nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League e lo fa partendo dal 2-1 con cui ha vinto la partita del Mestalla. Il gol di Jonas nel recupero tiene aperta una flebile speranza per la squadra guidata da Valverde, ma a conti fatti il PSG ha più qualità e soprattutto può permettersi di gestire il risultato; non sembra plausibile che possa subire due gol al Parco dei Principi e soprattutto che chiuda la gara senza segnare, vista la forza del reparto offensivo; tuttavia bisogna comunque fare attenzione, perchè ci sono alcune assenze importanti e perchè il Valencia è, almeno per tradizione degli ultimi anni, squadra abituata a giocare partite importanti. A questo proposito però Ancelotti è un maestro in situazioni simili: parla il curriculum, fatto di due Champions League vinte. Insomma: i transalpini hanno più di un piede nei quarti di finale. 

“”Giocheremo come sappiamo, senza fare calcoli”. Ecco l’Ancelotti-pensiero: il tecnico emiliano vuole una squadra concentrata e che sviluppi la sua manovra e la sua filosofia senza curarsi dei novanta minuti giocati in Spagna. A conti fatti, resta il modo migliore per blindare la qualificazione. “Dobbiamo dimenticarci della partita d’andata, anche se non ci possiamo negare che abbiamo un buon vantaggio. Tuttavia, bisogna scendere in campo senza pensarci”. Il PSG recupera Thiago Silva: “Un grande giocatore che aumenta il livello nella qualità della squadra, sono contento del suo rientro”. Lo stesso difensore brasiliano ha parlato in conferenza stampa: “E’ difficile tornare in campo in una partita di Champions League, ma ho lavorato duro per essere pienamente pronto. Non è facile restare fuori, ho dedicato tutte le mie energie per tornare al meglio, sono pronto ad aiutare i compagni”. Compagni tra i quali ci sarà David Beckham: la grande attesa è soprattutto per lui, che torna titolare in una partita di Champions. Sarà il regista nel centrocampo a 4 predisposto da Ancelotti, che ancora una volta sceglie di giocare con il 4-4-2 classico nel quale gli esterni saranno atipici: Lucas a destra, Pastore a sinistra, con Matuidi ormai confermato nel ruolo di incontrista e incursore senza palla. In difesa accanto a Thiago Silva giocherà il brasiliano Alex (altro giocatore con alle spalle partite importanti in Europa), a destra il veterano Jallet con Maxwell dalla parte opposta. L’attacco sarà composto da Ezequiel Lavezzi, ormai pienamente ritrovato, e da Kevin Gameiro, i cui spazi si sono notevolmente ridotti con i grandi arrivi della scorsa estate. A conti fatti potrebbero trovare posto anche Thiago Motta e Van Der Wiel, ma molto probabilmente solo a gara in corso.

In panchina va anche il capitano Olivier Sakho: il rientro di Thiago Silva gli chiuderà qualche spazio, da qui in avanti se la dovrà giocare con Alex per il posto di secondo difensore centrale. Si va a sedere anche Chantome, così come Sylvain Armand che è la bandiera della squadra e può ricoprire due ruoli: quello di centrale e quello di terzino sinistro.

Stangata su Zlatan Ibrahimovic, che deve scontare due giornate di squalifica e dunque non ci sarà nemmeno nell’eventuale andata dei quarti di finale. Squalificato (per un turno) anche Marco Verratti, mentre è fuori per infortunio Jeremy Menez. Anche senza questi tre giocatori comunque il PSG ha una rosa talmente ampia che può benissimo affrontare l’impegno contro il Valencia senza annaspare. Anzi, l’occasione è buona per far tirare un po’ il fiato a qualche titolare che dovrà essere fresco per il finale di stagione.

Ernesto Valverde ci crede: nonostante la sconfitta casalinga nella gara d’andata il tecnico del Valencia non ammette che il discorso qualificazione sia già fuori. “Non abbiamo giocato una grande gara all’andata, per merito del PSG. Faremo del nostro meglio per centrare la qualificazione; non c’è niente di deciso, dobbiamo credere in noi stessi. Certo i francesi sono favoriti, ma noi daremo il 100% per rimanere in corsa. Sappiamo di dover segnare tanti gol, dovremo essere veloci in attacco ma al contempo difendere bene: loro hanno ottimi attaccanti”. Per una partita così importante la formazione va ben ponderata, e infatti Valverde ha ancora qualche dubbio: “Dobbiamo trovare l’equilibrio giusto, in difesa ho diverse soluzioni, sono molto contento di come sta giocando Mathieu che ha tanta qualità. Vedremo come sta fisicamente: è appena rientrato da un infortunio”. Mathieu dovrebbe esserci: sarà il centrale di difesa al fianco dell’ex Napoli Victor Ruiz. A completare il reparto i due terzini Joao Pereira e Aly Cissokho, vecchio obiettivo del Milan poi scartato per un presunto problema di masticazione. Il centrocampo dovrebbe essere a cinque, ma in realtà Feghouli e Jonas avanzeranno in fase di possesso palla a formare un tridente con Soldado, che sarà il riferimento offensivo. Il capitano e veterano David Albelda sarà lo schermo davanti alla difesa, Parejo e Canales ai suoi lati.

In panchina il secondo portiere Diego Alves, che ha perso il posto a favore di Guaita. Poi Barragan, Andres Guardado che a La Coruna giocava quasi da trequartista e qui invece si è reinventato terzino; Ever Banega, che potrebbe anche giocare dal primo minuto per aumentare la qualità del palleggio in mezzo al campo; Pablo Piatti, la scorsa stagione quasi sempre titolare e oggi invece riserva di lusso, lo stesso dicasi per l’argentino Tino Costa che Valverde potrebbe mandare in campo per sfruttare il suo mancino su tiri da fuori e punizioni. Chiude la panchina Nelson Haedo Valdez, attaccante paraguayano che ha girato il mondo e ha sempre dato il suo contributo.

Il francese Rami è indisponibile ed è un’assenza pesante. Occhio alle diffide: con un giallo scatterebbe la squalifica per Guaita, Tino Costa e Barragan.

 

 

 Sirigu; Jallet, Thiago Silva, Alex, Maxwell; Lucas, Beckham, Matuidi, Pastore; Gameiro, Lavezzi. All. Ancelotti

A disp: Douchez, Sakho, Tiené, Armand, Van Der Wiel, Chantome, Thiago Motta

Squalificati: Verratti, Ibrahimovic

Indisponibili: Menez

 Guaita; Joao Pereira, Victor Ruiz, Mathieu, Cissokho; Feghouli, Parejo, Albelda, Canales, Jonas; Soldado. All. Valverde

A disp: Diego Alves, Barragan, Guardado, Banega, P. Piatti, Tino Costa, Valdez

Squalificati: –

Indisponibili: Rami

 

Arbitro: Mazic (Serbia)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori