PAGELLE/ Borussia Dortmund-Malaga (3-2): i voti e il tabellino della partita (Champions League, ritorno quarti)

- La Redazione

Le pagelle e il tabellino di Borussia Dortmund-Malaga 3-2, partita di ritorno dei quarti di finale della Champions League: match deciso in un finale incredibile, tedeschi in semifinale

gotze_isco_antunes
(INFOPHOTO)

Borussia Dortmund batte Malaga 3-2 e vola non col vento, ma con un tornado in poppa alle semifinali di Champions League. In un contesto incredibile i tedeschi passano con due gol nei minuti di recupero, che riesumano lo United 1999. Gol di Joaquin ed Eliseu per il Malaga, passato due volte in vantaggio, raggiunto da Lewandowski prima e da Reus poi e definitivamente superato da Felipe Santana.

Partita pazzesca, incredibile, che regala le emozioni che solo il calcio, nei suoi momenti più alti, può regalare. Aggiungo solo che stasera, essere un tifoso del Borussia Dortmund consentirebbe di provare una delle gioie più grandi che una competizione sportiva possa regalare a un uomo. Fino al 90′ ha vinto il Malaga. Poi, è successo quel che era scritto e che, purtroppo o per fortuna, non può essere cambiato. 

Gioca male, ritmi bassi fino a dieci dalla fine, decisamente troppo tardi per una squadra normale in una situazione normale. Ma, evidentemente, questa non è una squadra normale, perché le cose più strane succedono proprio ai soggetti più strani, cioè meno normali. E questa stranezza è sinonimo di unicità, che è proprio la caratteristica che rende una squadra “simpatica” a quei bizzarri manovratori dei destini del pallone che sono gli dei del calcio. 

Viene a Dortmund e gestisce la partita su qualsiasi punteggio. Non rischia mai troppo e si rende spesso pericoloso. Chiude la partita, e aspetta solo di festeggiare. Ma la festa non ci sarà. 

Convalida due gol in posizione di fuorigioco, prima quello di Eliseu su assist di Baptista, poi quello decisivo di Santana nella mischia dell’ultimo secondo. 

Weidenfeller 7.5: tre parate importantissime, una strepitosa su colpo di testa ravvicinato di Joaquin, interventi che tengono in vita in Borussia e gli permettono di ribaltare il risultato nel finale. Incolpevole sui gol.

Piszczek 6.5: spinge in avanti per tutta la partita e mette in mezzo cross invitanti per i compagni.

Subotic 6: il tiro di Joaquin gli passa sotto le gambe in occasione del primo gol, la palla di Isco per Baptista gli passa a fianco in occasione del raddoppio. Forse avrebbe potuto fare qualcosa in più per opporsi ai gol, comunque garantisce una certa solidità anche senza il compagno di reparto Hummels, bloccato da acciacchi fisici. 

Felipe Santana 6.5: una partita non certo brillante, che tuttavia lo innalzerà all’olimpo degli dei giallo-neri per il gol vittoria siglato nel secondo minuto di recupero, peraltro in fuorigioco. Ma non credo interessi a molti lì a Dortmund…

Schmelzer 5: spinge poco, fatica a tenere Joaquin e in occasione del primo gol si fa mettere a sedere, anzi si sdraia a terra, sulla finta del numero 7 avversario con cui libera il mancino che vale l’1-0.

Bender 5: molti falli, poche idee. Prestazione decisamente sotto-tono. 

Sahin, dal 27′ s.t., 6: la sua esperienza e la sua grinta danno una mano nel forcing finale. 

Gundogan 6.5: un paio di assist geniali che Goetze non finalizza a dovere, conditi con una gran bella dose di intensità e inserimenti negli spazi tra le linee. 

Hummels, dal 40′ s.t., s.v.

Blaszczykowski 6: spinge molto, ma non è sempre lucido nell’ultimo passaggio. Tanti errori nel primo tempo, un po’ meno nella ripresa, anche se non convince a pieno Klopp, che al 27′ lo chiama a sedere in panchina.

Schieber, dal 27′ s.t., s.v.

Gotze 6.5: sprazzi di luce vivissima, alternati a ombre inspiegabili. Assist millimetrici ai compagni, insieme con errori grossolani a tu per tu col portiere. C’è da migliorare la fase di finalizzazione, ma le basi su cui lavorare sono ottime. 

Reus 7.5: talento puro, anche se non espresso per tutti i 90′. Assist sublime a Lewandowski in occasione del primo gol, un colpo di tacco che mette il compagno solo davanti al portiere. In più, il merito di segnare il gol del momentaneo 2-2, che riaccende le speranze poi culminate nella gioia del gol vittoria. 

Lewandowski 7.5: è il migliore dei suoi. Segna il primo gol, semplice solo all’apparenza, grazie a un tocco sotto morbidissimo con cui salta il portiere e può poi appoggiare comodamente in porta l’1-1. Il resto della partita lotta, tiene palla su, si fa incontro per le sponde e ci prova di testa sui cross che spiovono da destra e da sinistra. 

Klopp 6: non carica a dovere la squadra, che gioca a ritmi bassi fino all’80’. Alla fine, è andata come è andata. Quel che era scritto era scritto, e nemmeno un BVB inusualmente spento avrebbe potuto modificarlo.

Caballero 8: una partita strepitosa, tolti gli ultimi 2′ di follia, peraltro non sua. Una serie di parate al limite su Goetze, Lewandowski e Reus, che tengono in corsa i suoi per la semifinale fino a quello sciagurato recupero. Oggi avrebbe senz’altro meritato qualcosa in più. 

Gamez 6: tiene bene su Blaszczykowski, e non è chiamato a spingere più di tanto in avanti.

Demichelis 5.5: buona partita fino a quel liscio su colpo di testa che vale l’assist a Subotic e poi il gol di Reus. Errore nel calcolo dei tempi dello stacco, inspiegabile per uno della sua esperienza. 

Sanchez 5: pericoloso quando tocca palla, ancor più quando gli è chiesto di intervenire in anticipo di testa, un difetto che è senz’altro la causa di molti guai per gli spagnoli questa sera. 

Antunes 6.5: buona partita in fase di spinta e di ripiegamento, sulla sua fascia si sviluppano le iniziative più pericolose dei suoi. 

Toulalan 7: grandissima intensità per tutta la gara, a cui va aggiunto un missile terra-aria che lascia partire nella ripresa dopo aver schiacciato a terra la conclusione, respinta in orbita coi pugni da Weidenfeller, che ancora di sta massaggiando le nocche per la botta. 

Camacho 6.5: vince il duello fisico con Bender, annullandolo completamente. Insegue Goetze negli spazi tra la linea di difesa e centrocampo, lasciandoselo sfuggire solo in paio di occasioni. 

Joaquin 7.5: dà l’anima, e nel finale esce stremato, convinto di aver guadagnato un posto tra le quattro migliori d’Europa. Spiace dover dire che, nel finale, rimarrà deluso. Splendido il gol dello 0-1, rasoterra sinistro millimetrico all’angolino. Tante le galoppate sulla destra, che fanno letteralmente impazzire Schmelzer.

Portillo, dal 42′ s.t., s.v.

Duda 6: tanta corsa e tante botte, date e prese. 

Eliseu, dal 29′ s.t., 6.5: entra e segna, seppur in fuorigioco. Di più non gli si può chiedere. Poi, va come va. 

Isco 6.5: primo tempo sotto tono, secondo tempo a sprazzi, con un lampo di luce al momento del gol dell’1-2, quando serve un assist geniale per il taglio di Julio Baptista. 

Baptista 6: corre tantissimo, e serve col suo diagonale un assist non certo voluto per Eliseu, che devia in rete la conclusione della “Bestia” che si sarebbe altrimenti persa sul fondo.

Santa Cruz, dal 38′ s.t., s.v.

Pellegrini 7.5: mette in campo una squadra tonica, in forma, perfettamente schierata tatticamente, e soprattutto che gioca bene. Non meritava di uscire per quanto si è visto nel doppio confronto. E, comunque, di certo non così. 

 

(Pietro Macchiarella – twitter @whyalwaysme4545)

Il tabellino

Marcatori: 25’pt Joaquin (M), 40’st Lewandowski (B), 37’st Eliseu (M), 46’st Reus (B), 47’st F.Santana (B)

Borussia Dortmund (4-2-3-1): Weidenfeller; Piszczek, Subotic, F.Santana, Schmelzer; S.Bender (27’st Sahin), Gundogan (41’st Hummels); Blaszczykowski (27’st Schieber), Gotze, Rues; Lewandoeski (Langerak, Kehl, Leitner, Grosskreutz). All.Klopp.

Malaga (4-2-3-1): W.Caballero; J.Gamez, Demichelis, S.Sanchez, Antunes; Toulalan, Camacho; Joaquin (42’st Portillo), Duda (29’st Eliseu), Isco; J.Baptista (38’st Santa Cruz). All.Pellegrini.

Arbitro: Thomson (Scozia)

Ammoniti: S.Bender (B), Schmelzer (B), Toulalan (M) per gioco scorretto, J.Gamez per simulazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori