CALCIOMERCATO/ Napoli, si studia il “nuovo” Cannavaro. Oggi Vargas al Gremio?

Grandi movimenti di mercato previsti oggi in casa Napoli. Potrebbe essere il giorno di Eduardo Vargas al Gremio, mentre si continua a studiare il nuovo difensore

15.01.2013 - La Redazione
edu_vargas_napoli
Edu Vargas in campo contro l'AIK Solna (INFOPHOTO)

Sono attesi grandi movimenti di mercato in casa Napoli nelle prossime 24 ore, a cominciare dal futuro di Eduardo Vargas. L’attaccante della nazionale cilena, ex Universidad de Chile, sbarcato a Castelvolturno 12 mesi or sono, è praticamente ad un passo dal trasferimento in Brasile. Nelle ultime ore è stata infatti raggiunto l’accordo fra tutte le parti in gioco per il passaggio di Turboman al Gremio. Si tratta di un trasferimento che avverrà con la formula del prestito oneroso ad 1,5 milioni di euro fino al prossimo 30 giugno del 2013, quando le due società si siederanno ad un tavolo e faranno il punto della situazione. Beffato quindi il San Paolo che gli scorsi giorni si era avvicinato moltissimo al talento cileno, invano; già qualche giorno fa avevamo svelato come la trattativa tra i due club si fosse arenata a favore del Gremio (clicca qui per approfondire). Il Napoli spera di poter rilanciare il giovane attaccante, mai incisivo in maglia azzurra e spesso e volentieri rasentante l’irritazione. L’idea del presidente Aurelio De Laurentiis è infatti quella di ri-valorizzare il giocatore per poi riaccoglierlo fra le proprie fila in estate, e magari cederlo con una maggiore valutazione o eventualmente provare un nuovo inserimento nello scacchiere di Walter Mazzarri, sempre che il tecnico toscano rimanga sulla panchina partenopea, cosa non scontata visto l’atteggiamento prudente del tecnico rispetto al rinnovo e la lunga fila di pretendenti alla panchina. Ieri, a margine della rielezione di Giancarlo Abete come numero uno delle Federazione calcistica, il focoso presidente del club campano ha di fatto confermato l’allenatore livornese: “Preferisco tenermi un tecnico grintoso piuttosto che uno sorridente ma moscio…”. Il contratto di Mazzarri scadrà al termine di questa stagione, al 30 giugno del 2013, e la sensazione circolante è che alla fine il rapporto continuerà. Sul banco vi sarebbe infatti già una proposta per un prolungamento che potrebbe essere analizzata con attenzione già nelle prossime ore. Il Napoli, nel contempo, starebbe prendendo in seria considerazione soluzioni alternative, e non è da escludere che possa promuovere come “primo” il vice-allenatore Nicolò Frustalupi, ed offrire il ruolo di direttore tecnico proprio a Mazzarri. Quest’ultimo, in cuor suo, è combattuto fra un anno di riposo, che va tanto di moda fra gli allenatori delle big, e un ruolo alla Sir Alex Ferguson, ovvero una sorta di manager all’inglese che si occupa in toto anche di mercato. Ecco perché il ruolo di dt potrebbe di fatto convincere lo stesso livornese a non abbandonare i campi da gioco. Naturalmente non mancano le alternative a Frustalupi e Mazzarri, come ad esempio Stefano Pioli, che tanto ha fatto bene in questi due anni a Bologna, nome spesso e volentieri accostato ai napoletani, ma in cima alla lista pare esserci il “nemico” di Mazzarri, quel Massimiliano Allegri il cui futuro al Milan è tutt’altro che certo, nonostante le recenti dichiarazioni di Berlusconi (“Il nostro allenatore ha un contratto con noi e resta qui”). Allegri piace a De Laurentiis come ci aveva anticipato Ciro Venerato (clicca qui per l’intervista esclusiva), pur se la prima alternativa, nel caso in cui Mazzarri lasciasse, sarebbe Luciano Spalletti (almeno come tentativo: clicca qui per l’esclusiva). Chiusa la pratica Vargas e con al centro delle vicende di mercato il futuro della panchina, il direttore sportivo Riccardo Bigon si dedicherà anche a risolvere l’annoso problema relativo alla difesa. A Castelvolturno urge un innesto per il cuore della retroguardia, vista la partenza di Salvatore Aronica (ha già esordito con il Palermo) e la squalifica per capitan Paolo Cannavaro e Gianluca Grava, per via delle vicende legate al calcioscommesse. Moltissimi i sondaggi che verranno effettuati nelle prossime ore, a cominciare da quelli relativi a Rolando, 27enne centrale del Porto. Nelle scorse ore sono stati avvistati a Milano alcuni dirigenti dei Dragoes e fra questi anche il figlio del presidente Pinto da Costa. Ci sono in programma incontri con gli azzurri nonché con l’Inter. Il Porto segue Ricky Alvarez, in partenza da Appiano Gentile, ma il Napoli potrebbe offrire cash o eventualmente il prestito con obbligo di riscatto. L’Inter sta meditando il da farsi anche perché prima dovrebbe cedere Silvestre, ed è per questo che i partenopei sembrerebbero per ora in vantaggio. Nelle idee di Mazzarri c’è però innanzitutto Astori (clicca qui per l’esclusiva con Carlo Alvino). Attenzione infine alle novità che potrebbe giungere dal fronte uscite.

Dopo Vargas potrebbero partire altri giocatori e fra questi vi sono in particolare i casi di Fernandez, Bruno Uvini, Donadel ed El Kaddouri. I primi due sono stati spesso accostati a diverse società sia italiane quanto estere (il secondo soprattutto al Siena). Il loro destino sarà legato all’eventuale ingresso o meno in squadra di un nuovo difensore, pur se su Fernandes ci sono dubbi a prescindere sulla sua utilità (clicca qui per approfondire). In caso di esito positivo la loro partenza verrebbe portata a termine. Discorso simile anche per Donadel ed El Kaddouri anche se entrambi non sembrano essere allettati dalle proposte ricevute (Pescara, Genoa e Brescia) e di conseguenza alla fine potrebbero decidere di rimanere a Napoli, seppur facendo tanta panchina/tribuna. Infine, la situazione di Cavani: il Matador dovrebbe rimanere almeno un altro anno, ma le sirene del Chelsea sono sempre presenti (clicca qui per l’esclusiva con José Alberti).

 

(Giancristofaro Davide)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori