DIRETTA TOUR DE FRANCE 2020/ Bennett vince 21^ tappa: Pogacar campione in giallo!

- Mauro Mantegazza

Diretta Tour de France 2020 streaming video Rai: è Sam Bennett a vincere la 21^ tappa Mantes la Jolie-Parigi, agli Champs Elysées. Pogacar campione in giallo.

Ewan Tour de France
Diretta Tour de France: Caleb Ewan vince a Parigi nel 2019

E’ Sam Bennett a vincere la 21^ tappa del Tour de France 2020! Si è appena chiusa la diretta di questa eccezionale edizione della Grande Boucle e in volata sugli Champs Elysèes è proprio l’irlandese della Deceuninck Quick Step (già maglia verde perchè leader della classifica a punti) ad alzare le braccia al cielo e dunque a salire sul primo gradino del podio: alle sue spalle Mad Pedersen e Peters Sagan. La festa però a Parigi è tutta per Tadej Pogacar, già in maglia gialla, che dunque vince questa edizione del Tour de France 2020 ed entra di diritto nell’albo d’oro della corsa francese, dove sta facendo scorpacciata di record. Venendo però alla strada e agli ultimi chilometri di questa brillante 21^ tappa del Tour de France 2020 ecco che dobbiamo dire che questi sono passati davvero in un attimo. Dopo una prima parte della corsa molto lenta, non appena si è entrati a Parigi, ci si è veramente scatenati. Decisa la fuga, come dicevamo, a circa 40 km dal traguardo finale, i 4 fuggitivi (Perichon, Swift, Schachmann e Van Avermat) sono riusciti a resistere al gruppo (sempre più vicino) solo a 10 km dal traguardo. Il primo a cedere è stato Swift, ma presto tutti e tre sono stati assorbiti dal gruppo, dove già cominciavano a formarsi i primi treni dei velocisti. E’ all’ultimo km che parte l’azione di Bennett: con grande lucidità l’irlandese supera la concorrenza e per un niente trova la vittoria ai Campi Elisi, davanti a Pedersen, Sagan, Kristoff e al nostro Elia Viviani. E ora è tempo della festa a Parigi: sia per Bennett vincitore della tappa che soprattutto per Tadej Pogacar, vincitore del Tour de France 2020! (agg Michela Colombo)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE IL TOUR DE FRANCE (21^ TAPPA)

Per seguire il Tour de France 2020 in diretta tv, ci sarà una amplissima copertura live sulla Rai e su Eurosport: in chiaro, il canale di riferimento sarà oggi Rai Due, la ventunesima tappa Mantes la Jolie-Parigi sarà infatti trasmessa a partire dalle ore 17.00 sul canale generalista della televisione di Stato italiana (considerando che l’epilogo sugli Champs Elysées sarà al tramonto), per garantire molte ore di trasmissione con la telecronaca di Francesco Pancani e Marco Saligari, premiazioni finali comprese.

Il Tour de France sarà inoltre visibile anche su Eurosport, canale disponibile tuttavia solamente per gli abbonati. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore oggi pomeriggio, ma non volesse perdere le emozioni della Grande Boucle, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, gratuita per tutti sul sito o l’applicazione di Rai Play, per gli abbonati tramite Eurosport Player. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Grande Boucle: il sito www.letour.fr, la pagina Facebook Le Tour de France e il profilo Twitter @LeTour. CLICCA QUI PER LA DIRETTA STREAMING DEL TOUR DE FRANCE SU RAI PLAY

VERSO PARIGI!

Come avevamo previsto è stato solo in vista di Parigi che la corsa finalmente si è animata e ora possiamo dire che la diretta del Tour de France 2020 per questa 21^ tappa si è davvero accesa. Superato il segnale che indica i meno 60 km dal traguardo ecco che in avanti si sono mossi in molti e presto sono arrivati i primi attacchi. A rompere le righe sono stati alcuni uomini della EF Pro Cycling: il gruppo, allungatissimo, però non gli ha permesso di fuggire. Quando mancano 40 km ecco che arriva la fuga giusta: in testa volano (e rimangono ancora) 4 ciclisti Van Avermat, Schachmann, Perichon e Swift ma alle loro spalle il gruppo rimane fin troppo vicino, visto che il gap è di appena 20 secondi scarsi. Alle spalle dei fuggitivi poi vi è grande alternanza tra i vari team: al momento sono gli uomini della Quick Step a fare l’andatura, abbastanza elevata a dir il vero. Aggiungiamo che la corsa ha già passato anche il punto sprint degli Champs Elysées e qui il primo a passare è saltato proprio il tedesco della Bora Schachmann. (agg Michela Colombo)

ANCORA TUTTI ASSIEME

Mancano ancora un’ottantina di km al traguardo degli Champs Elysées, ma per questa prima parte della 21^ tappa del Tour de France 2020 il ritmo in strada è ancora molto tranquillo: il gruppo è dunque ancora compatto e si muove ad andatura quasi turistica, ben poco dunque è cambiato rispetto al nostro ultimo aggiornamento, anche se ormai siamo a Versailles e la capitale è sempre più vicina. Va comunque segnalato che la corsa, sia pure a ritmo blandissimo ha superato anche l’ultimo Gran Premio della Montagna di questo Tour de France 2020: al Cote de Beulle il primo a passare e dunque a conquistare l’ultimo punto in palio è stato Clement Russo della Arkea Samic. Si tratta però di una piccola gioia solo per il debuttante francese: la maglia a pois, che identifica il leader della classifica degli scalatori è ancora una volta sulle spalle di Tadej Pogacar. In tal senso è un vero record per il giovane sloveno: oggi l’alfiere della UEA Team Emirates, arriverà al traguardo con la maglia gialla da leader della generale, quella a pois per la graduatoria degli scalatori e pure quella bianca, della lista dei giovani. Un fatto davvero unico nella storia della Grande Boucle. (agg Michela Colombo)

RITMO BLANDO AL VIA

Siamo nel vivo della diretta del Tour de France 2020 per questa 21^ e ultima tappa e sulle strade francesi si respira ancora un bel clima di festa: la competizione non è ancora entrata nel vivo e probabilmente dovremo attendere l’ingresso a Parigi perchè si muova qualcosa. Superati i primi 20 km dei 122 previsti fino al traguardo e ormai in vista all’unico Gran premio di Montagna della giornata (nonché l’ultimo del Tour de France) di Cote de Beulle, il gruppo procede ancora in maniera compatta e ritmo più che mai blando: anzi si vedono ciclisti chiacchierare e festeggiare la conclusione di questa eccezionale edizione della Grande boucle. In testa alla corsa poi parecchi team si stanno più o meno alternando. Prima sono stati gli uomini della UAE Team Emirates a farsi avanti per festeggiare il compagno di squadra nonché maglia gialla Tadej Pogacar: poi è stata la volta degli alfieri della Quick Step, per celebrare la maglia verde di Sam Bennett. Per il momento dunque è solo festa in strada. (agg Michela Colombo)

IN STRADA, SI PARTE!

Tutto è pronto per dare il via alla ventunesima e ultima tappa Mantes la Jolie-Parigi del Tour de France 2020, la Grande Boucle dunque fra poche ore incoronerà il vincitore dell’edizione numero 107 e pure chi saprà imporsi nell’ultima frazione sugli Champs Elysées. Non mancheranno le emozioni, ma in questo pazzo 2020 è inevitabile dare uno sguardo a quello che ci attenderà nelle prossime settimane: ad esempio già fra pochissimi giorni cominceranno i Mondiali a Imola, con la cronometro femminile giovedì, seguita venerdì dalla crono maschile e poi sabato e domenica le due gare in linea, sempre con le donne a precedere gli uomini. Ottobre poi sarà il mese del Giro d’Italia, che prenderà il via dalla Sicilia sabato 3 ottobre per concludersi a Milano domenica 25 ottobre. Mancano ancora pure tantissime classiche tra le quali pure tre Monumenti cioè la Liegi-Bastogne-Liegi, il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix oltre a Freccia Vallone, Amstel Gold Race e Gand-Wevelgem, infine la Vuelta ridotta a “sole” 18 tappe, che terminerà domenica 8 novembre. La stagione del ciclismo insomma ha ancora tantissimo da dire, ma per adesso si va a Parigi: la 21^ tappa del Tour de France 2020 comincia! (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’ARRIVO AI CAMPI ELISI

Oggi dunque la diretta del Tour de France 2020 culminerà con il tradizionale ed iconico arrivo sugli Champs Elysées, traguardo ambitissimo da tutti i velocisti e anche dai finisseurs, anche se gli arrivi di un uomo da solo sono una rarità – nell’epoca più recente, possiamo giusto citare il successo di Alexandre Vinokourov nel 2005. Un dominatore dell’ultima tappa del Tour de France è stato ad esempio Mark Cavendish, vincitore per quattro edizioni consecutive dal 2009 al 2012, seguito da un poker tedesco ma con due vincitori diversi, cioè Marcel Kittel nel 2013 e 2014 e poi André Greipel nel 2015 e 2016. Nelle ultime tre edizioni del Tour de France hanno invece fatto festa Dylan Groenewegen nel 2017, Alexander Kristoff nel 2018 e Caleb Ewan nel 2019. Per l’Italia contiamo cinque vittorie sugli Champs Elysées, l’ultima con Daniele Bennati nel 2007. In precedenza avevano vinto Guido Bontempi nel 1986, Fabio Baldato nel 1996, Nicola Minali nel 1997 e Stefano Zanini nel 2000. Da notare infine che il classicissimo arrivo sui Campi Elisi non è in realtà così antico, perché si effettua “solo” dal 1975: in precedenza il Tour de France arrivava o al velodromo del Parco dei Principi oppure in quello della Cipale, al Bois de Vincennes. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

L’ANNO SCORSO: LA VITTORIA DI CALEB EWAN

Mentre aspettiamo il via alla diretta della ventunesima tappa del Tour de France 2020, facciamo per l’ultima volta un passo indietro alla medesima frazione dello scorso Tour. Naturalmente nel giorno conclusivo della Grande Boucle non ci sono sorprese, perché l’epilogo è sempre sugli Champs Elysées: possiamo annotare che allora la partenza era da Rambouillet e che il chilometraggio era di poco superiore, cioè 128 km contro i 122 in programma oggi. Differenze comunque minime, la più significativa è ovviamente che allora eravamo a domenica 28 luglio mentre stavolta siamo già al 20 settembre, ma questo si deve naturalmente alla pandemia di Coronavirus che a lungo ha messo a rischio anche la disputa del Tour de France 2020. Poco più di un anno fa, la corsa come da tradizione si accese all’ingresso nel circuito degli Champs Elysées, con numerosi tentativi d’attacco che non evitarono però l’epilogo in volata, con la vittoria dell’australiano Caleb Ewan davanti all’olandese Dylan Groenewegen e al nostro Niccolò Bonifazio, eccellente terzo a Parigi mentre Matteo Trentin chiuse al settimo posto. Spazio poi alla festa di Ewan e soprattutto di Egan Bernal, vincitore del Tour de France 2019 con 1’11” sul compagno di squadra Geraint Thomas e 1’31” su Steven Kruijswijk. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

DIRETTA TOUR DE FRANCE 2020: ARRIVO A PARIGI!

Gran finale sugli Champs Elysées, la diretta Tour de France 2020 terminerà infatti oggi con la ventunesima tappa Mantes la Jolie-Parigi di 122 km, la tradizionale “passerella” a Parigi con lo scenografico traguardo sui Campi Elisi e poi le cerimonie del podio con l’Arco di Trionfo sullo sfondo – è cambiata la collocazione in calendario, ma non cambia l’iconico epilogo che caratterizzerà pure l’edizione numero 107 della Grande Boucle. Tappa molto particolare, come sempre all’ultimo giorno del Tour de France. Ricordiamo innanzitutto che si parla di “passerella” ma formalmente è una tappa come tutte le altre, con distacchi se qualcuno perde contatto e naturalmente l’obbligo per tutti di giungere al traguardo per non essere esclusi dalla classifica finale, tuttavia il chilometraggio breve e pianeggiante rende ridotto il valore tecnico di una giornata in cui saranno in primo piano i festeggiamenti per tutti, dalla UAE Team Emirates che ha nelle sue fila il vincitore del Tour de France 2020 Tadej Pogacar fino all’ultimo, che però è riuscito a raggiungere Parigi e “sfilerà” come tutti gli altri sugli Champs Elysées. Ritmo cicloturistico, ma fino a un certo punto: quando si entrerà sul circuito finale, si scatenerà la bagarre perché vincere a Parigi fa gola a tanti…

DIRETTA TOUR DE FRANCE 2020: PERCORSO 21^ TAPPA

Scopriamo infine anche il percorso della ventunesima tappa Mantes la Jolie-Parigi, con la quale calerà il sipario sulla diretta Tour de France 2020. Come abbiamo già accennato, dal punto di vista strettamente tecnico non c’è molto da dire: la partenza avrà luogo alle ore 16.00, dopo 13,5 km ci sarà anche un Gran Premio della Montagna di quarta categoria, la Côte de Beulle, ma prevarrà nella prima parte della corsa il clima di festa, con i brindisi e le foto di rito soprattutto per chi indossa le quattro maglie di leader (anche se in realtà ben tre sono di Pogacar) e per la squadra della maglia gialla. Si passerà anche da Versailles al km 40, poi si arriverà a Parigi al km 56, entrando dal Quai d’Issy per poi giungere al tradizionale circuito nel cuore della capitale, che tocca tutti i luoghi più celebri di Parigi ed è imperniato sugli Champs Elysées. Nel corso del quarto giro, all’Haut des Champs Elysées (km 82) sarà collocato l’ultimo sprint intermedio del Tour de France 2020. In totale i giri in programma del circuito saranno dieci, al termine dei quali è attesa la volata per decretare il vincitore dell’ultima tappa. Solo raramente Parigi è sfuggita ad un arrivo in volata: cosa potrà succedere oggi?

© RIPRODUZIONE RISERVATA