MADONNA DI MEDJUGORJE/ Messaggio Natale 25 dicembre 2020: “non perdete la speranza”

- Niccolò Magnani

Madonna di Medjugorje, il “doppio” messaggio a Marija Pavlovice Jakov Colo, oggi 25 dicembre “non fatevi spegnere la speranza”

medjugore_pixabay_2017
Parrocchia della Madonna di Medjugorje (Pixabay)

Il messaggio della Madonna di Medjugorje per oggi, il giorno di Natale, 25 dicembre 2020 è stato diffuso e tradotto in italiano. Questo quanto riferito dai veggenti “Cari figli! Vi porto Gesù Bambino che vi porta la pace, Colui che è il passato, il presente ed il futuro del vostro vivere. Figlioli, non permettete che si spengano la vostra fede e la vostra speranza in un futuro migliore perché voi siete stati scelti per essere i testimoni della speranza in ogni situazione. Per questo sono qui con Gesù affinché vi benedica con la Sua pace. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

MADONNA DI MEDJUGORJE, ATTESA PER IL MESSAGGIO DI NATALE

Grande attesa per il messaggio della Madonna di Medjugorje, quest’anno doppio visto che a quello affidato a Marija Pavlovic si aggiunge quello che trasmette Jakov Colo. A tal proposito, è importante ricordare quanto accaduto l’anno scorso. L’apparizione cominciò alle 14:25 e durò 9 minuti, nei quali la Madonna gli apparve con il piccolo Gesù tra le braccia e tramite Jacov trasmise questo messaggio: «Cari figli, oggi in questo giorno di grazia, in modo particolare vi invito ad aprire i vostri cuori e pregate Gesù affinché fortifichi la vostra fede. Figli, attraverso la preghiera col cuore, la fede e le opere comprenderete che cosa significhi vivere una sincera vita cristiana». La Madonna di Medjugorje ricordò che le nostre vite e i nostri cuori spesso sono avvolti da tenebre, dolori e croci.

Quindi, aggiunse: «Non vacillate nella fede e non domandatevi il perché pensando che siete soli e abbandonati ma aprite i vostri cuori, pregate e credete fermamente e allora il vostro cuore sentirà la vicinanza di Dio, e che Dio non vi abbandona mai e che è al vostro fianco in ogni momento. Attraverso la preghiera e la fede, Dio risponderà ad ogni vostro perché e trasformerà ogni vostro dolore, tenebra e croce in luce». (agg. di Silvana Palazzo)

MADONNA DI MEDJUGORJE, UN MESSAGGIO DI AMORE E PREGHIERA

Questi sono tempi difficili a causa della pandemia Covid, ma a rincuorarci c’è la fede nel Signore con il suo amore che ci arriva anche tramite le parole della Madonna di Medjugorje. In attesa del messaggio del Natale, che si celebra 25 dicembre 2020, vi proponiamo uno di tanti anni fa, ma che ci sembra particolarmente significativo e attuale: «Senza amore, figlioli, non potete crescere nella santità e non potete fare opere buone. Perciò, figlioli, pregate, pregate senza sosta, perché Dio vi riveli il suo amore», il messaggio trasmesso il 25 novembre del 1995. Nell’apparizione a Marijana del marzo scorso, invece, la Madonna di Medjugorje ha invitato i fedeli a portare la luce del Figlio, quella che oggi brilla particolarmente, con più forza per la nascita di Gesà bambino: «Squarciate la tenebra che sempre più vuole afferrarvi. Non abbiate paura: per la grazia e l’amore di mio Figlio, io sono con voi». (agg. di Silvana Palazzo)

MADONNA DI MEDJUGORJE, OGGI MESSAGGIO DI NATALE

Per i fedeli di Medjugorje il giorno di Natale è una “tripla festa” attesa da tempo, specie in questo anno di drammatica pandemia globale: oltre alla nascita di Gesù, il 25 dicembre la Madonna nella duplice misteriosa apparizione a Marija Pavlovic e Jacov Colo (due degli storici veggenti di Medjugorje nei primi anni Ottanta, ndr) “diffonde” due messaggi alla cristianità e a tutti i fedeli pellegrini sparsi in ogni angolo del globo. Come ogni mese il “messaggio di Medjugoje” non si interrompe neanche a Natale, mentre nell’ultima apparizione quotidiana del 12 Settembre 1998 la Madonna ha detto a Jakov Colo che avrebbe avuto l’apparizione una volta all’anno, il 25 Dicembre, a Natale. Ma dopo gli ultimi 12 mesi passati con il terrore mondiale di una pandemia che ha mietuto vittime, cambiato le nostre abitudini e impedito la maggior parte dei pellegrinaggi in terra bosniaca, le richieste e le preghiere per la pace della GOSPA si sono fatte più frequenti e “urgenti”. «Questo è il tempo dell’amore, del calore, della preghiera e della gioia. Pregate, figlioli, affinché Gesù Bambino nasca nei vostri cuori. Aprite i vostri cuori a Gesù che si dona a ciascuno di voi. Dio mi ha invitato per essere gioia e speranza in questo tempo ed Io vi dico: senza Gesù Bambino non avete né la tenerezza né il sentimento del Cielo, nascosti nel Neonato. Perciò, figlioli, lavorate su voi stessi. Leggendo la Sacra Scrittura, scoprirete la nascita di Gesù e la gioia dei primi giorni che Medjugorje ha donato all’umanità. La storia sarà vera, ciò che anche oggi si ripete in voi ed attorno a voi», lo diceva sempre la Regina della Pace nel suo messaggio al mondo solo un mese fa, “anticipando” il Natale.

MEDJUGORJE, IL ‘DOPPIO’ MESSAGGIO DEL NATALE 2019

Nelle sue brevi ma intense parole affidate a Jakov solo 12 mesi fa la Madonna di Medjugorje “consigliava” alla cristianità di aprire il proprio cuore alla preghiera, «attraverso la preghiera, fede e azioni capirete cosa vuol dire vivere una vera vita cristiana. Spesso cari figli la vostra vita e i vostri cuori vengono sopraffatti dall’oscurità, dal dolore e dalle croci. Non esitate nella fede a chiedervi perché, perché pensate di essere soli e abbandonati, ma aprite i vostri cuori, pregate e credete fermamente, così che il vostro cuore sentirà la vicinanza di Dio e che Dio non vi abbandona mai e che è sempre accanto a voi». Non solo il “cuore” ma anche l’osservazione di quanto l’azione di Cristo sia sempre “originaria” rispetto alla risposta dell’uomo: «Attraverso la preghiera e la fede, Dio risponderà ad ogni vostro perché, ad ogni vostro dolore, buio e Croce e trasformerà tutto in Luce. Grazie perché avete risposto alla mia chiamata». Nel messaggio invece rivolto a Marja Pavlovic dopo l’apparizione mensile, la Regina della Pace invitava a guardare l’esempio di Gesù per comprendere l’umiltà come vero “potere”: «Il vostro cuore brama la pace che diminuisce sempre più sulla terra. Gli uomini sono lontani da Dio, le anime sono ammalate e vanno verso la morte spirituale: sono con voi, figlioli, per guidarvi su questo cammino di salvezza al quale Dio vi chiama. Grazie per aver risposto alla mia chiamata». Quel “Sì” ricco di umiltà, di grazia e di Spirito Santo ha cambiato sempre non solo il Natale ma proprio la storia intera dell’umanità giunta e rinnovata fino oggi, pur nei complessi tempi che stiamo vivendo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA